spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoQual è il 14° emendamento e può bloccare la candidatura presidenziale di...

    Qual è il 14° emendamento e può bloccare la candidatura presidenziale di Trump nel 2024?

    -

    Gli studiosi sostengono che la Costituzione degli Stati Uniti potrebbe impedire all’ex presidente di ricoprire nuovamente cariche pubbliche per aver partecipato ad un’insurrezione.

    I rivoltosi fedeli al presidente Donald Trump si sono radunati al Campidoglio di Washington
    I sostenitori dell’ex presidente Donald Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021 [Jose Luis Magana/AP Photo]

    Washington DC – L’elenco crescente di accuse penali contro Donald Trump non impedisce all’ex presidente degli Stati Uniti di candidarsi alla Casa Bianca nel 2024.

    Ma alcuni attivisti e giuristi stanno cercando una disposizione nel 14° emendamento della Costituzione americana per impedire a Trump di ricoprire mai più cariche pubbliche.

    Ratificato nel 1868 dopo la guerra civile americana, il 14° emendamento è noto soprattutto per garantire pari protezione ai sensi della legge.

    Ma include anche una “clausola interdittiva” raramente utilizzata – formalmente nota come Sezione Tre – che può essere applicata per escludere funzionari attuali ed ex dalle cariche pubbliche se “si sono impegnati in insurrezioni o ribellioni”.

    I critici sostengono che il linguaggio della Sezione Tre dovrebbe rendere Trump non idoneo a candidarsi alla presidenza, poiché i suoi sforzi per ribaltare le elezioni presidenziali del 2020 equivalgono a un’insurrezione.

    La loro spinta ha sollevato questioni legali, politiche e pratiche sull’applicabilità e sulla possibile applicazione della Sezione Tre, in particolare perché Trump è in testa alla corsa per la nomina presidenziale repubblicana nel 2024.

    Ecco tutto quello che devi sapere

    Qual è il 14° emendamento?

    Un emendamento è una modifica alla Costituzione – nota come “la legge del paese” – che poi diventa parte del documento.

    Tom Ginsburg, professore di diritto internazionale e scienze politiche all’Università di Chicago, ha affermato che il 14° emendamento è stato ratificato dopo la guerra civile per “affrontare vari aspetti del conflitto”.

    La guerra civile iniziò nel 1861, quando gli stati del sud si separarono dall’Unione e formarono la Confederazione, principalmente per preservare la schiavitù.

    Ginsburg ha affermato che il 14° emendamento promuove la giustizia razziale garantendo l’uguaglianza davanti alla legge ed estendendo l’ordine costituzionale e le protezioni che fornisce agli stati.

    Di cosa tratta la Sezione Tre?

    La sezione tre riguarda anche la guerra civile. Originariamente mirava a impedire agli ex leader confederati di ricoprire cariche pubbliche dopo essersi ribellati al governo degli Stati Uniti.

    Squalifica le persone che hanno prestato giuramento di sostenere la Costituzione ma poi “si sono impegnate in un’insurrezione o ribellione contro la stessa” o hanno dato “aiuto o conforto ai suoi nemici”.

    Si applica in un contesto moderno?

    SÌ. Sebbene la Sezione Tre originariamente cercasse di limitare l’influenza degli ex funzionari confederati, gli studiosi di diritto affermano che si tratta di uno statuto generale che rimane applicabile.

    Kimberly Wehle, professoressa di diritto presso l’Università di Baltimora, ha affermato che la Sezione Tre è “formulata in modo ampio”: non è specifica per i Confederati, né li menziona per nome.

    “La teoria alla base della Sezione Tre è che è davvero un problema avere al potere persone impegnate a smantellare l’attuale governo. Lo spirito della Sezione Tre sembra applicarsi al 2023”, ha detto Wehle ad Al Jazeera.

    Cos’è un’insurrezione?

    Il dizionario Merriam-Webster definisce l’insurrezione come “un atto o un esempio di rivolta contro l’autorità civile o un governo costituito”.

    La Costituzione degli Stati Uniti, tuttavia, non offre linee guida esplicite su cosa costituisca esattamente un’insurrezione.

    “Non è – per scopi costituzionali – chiaramente definito”, ha detto Ginsburg dell’Università di Chicago. “A mio avviso, si tratta di atti di violenza significativi diretti a importanti operazioni governative”.

    Perché la clausola interdittiva sta guadagnando attenzione adesso?

    Con Trump comodamente in testa alla corsa per la nomina repubblicana, sostenitori ed esperti di diritto hanno invocato il 14° emendamento per spingere per la sua squalifica dalle elezioni del 2024.

    Nelle ultime settimane le discussioni sull’emendamento hanno ripreso vigore.

    Mercoledì, Citizens for Responsibility and Ethics in Washington (CREW), un gruppo che promuove la responsabilità del governo, ha intentato una causa in un tribunale dello stato del Colorado per conto di sei elettori per rimuovere il nome di Trump dalla scheda elettorale in qualsiasi futura elezione.

    E ad agosto, anche un avvocato della Florida ha presentato una denuncia legale presso un tribunale federale per impedire a Trump di candidarsi.

    All’inizio dello stesso mese, due rinomati professori di diritto conservatori hanno anche affermato di aver concluso, in un documento accademico di prossima pubblicazione, che Trump non può aspirare a una carica pubblica per la sua “partecipazione al tentativo di rovesciare le elezioni presidenziali del 2020”.

    Cosa ha fatto Trump per essere accusato di insurrezione?

    Dopo la sconfitta alle elezioni del 2020 contro il presidente Joe Biden, Trump ha affermato falsamente che il voto è stato influenzato da una diffusa frode elettorale.

    Da lì ha cercato di convincere il Dipartimento di Giustizia americano e vari funzionari statali a intervenire in suo favore. Ha anche esortato l’allora vicepresidente Mike Pence a utilizzare il suo ruolo cerimoniale di supervisione del conteggio dei voti del collegio elettorale per ribaltare le elezioni.

    Il giorno del conteggio dei voti, il 6 gennaio 2021, una folla di sostenitori di Trump ha preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti nel tentativo di fermare la certificazione.

    Wehle, professore di diritto all’Università di Baltimora, ha citato la commissione del Congresso che ha indagato sulla rivolta del Campidoglio, affermando che gli “sforzi sfaccettati e su più livelli di Trump per contrastare le elezioni” equivalgono a un’insurrezione.

    Ha anche citato la violenza in Campidoglio e gli attacchi di Trump contro gli operatori elettorali. Considerando la “quantità di traumi e danni” che Trump ha causato, è chiaro che si sia impegnato in un’insurrezione, ha detto.

    Cosa ha detto Trump?

    Trump ha denunciato i tentativi di utilizzare il 14° emendamento come “un altro trucco” dei democratici per far deragliare la sua campagna del 2024.

    “Quasi tutti gli studiosi di diritto hanno espresso opinioni secondo cui il 14° emendamento non ha alcuna base legale o validità rispetto alle imminenti elezioni presidenziali del 2024”, ha scritto Trump in un post sui social media all’inizio di questa settimana.

    Trump si trova ad affrontare quattro capi d’accusa – tra cui due serie di accuse per i suoi sforzi per ribaltare le elezioni del 2020 – ma gli esperti legali affermano che i casi penali non si riferiscono direttamente alla possibilità di applicare il 14° emendamento. Dopotutto, gli imputati possono ancora candidarsi alla presidenza anche se vengono condannati e incarcerati.

    Foto segnaletica di Trump
    L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha negato ogni illecito in tutti i casi contro di lui [Fulton County Sheriff’s Office/Handout via Reuters]

    Chi può applicare la Sezione Tre?

    È qui che le cose si fanno complicate per coloro che vogliono squalificare Trump: la Sezione Tre non specifica come dovrebbe essere applicata, il che significa che non è chiaro chi bandirebbe i candidati dalla carica.

    In teoria, secondo Ginsburg, i massimi funzionari elettorali statali potrebbero respingere la richiesta di Trump di partecipare al ballottaggio nello stesso modo in cui squalificarebbero qualcuno che non soddisfa altri requisiti.

    Ma ha aggiunto che la questione è complessa.

    “Non è così semplice dire che uno ha 25 anni ed è quindi squalificato. Questo linguaggio richiede interpretazione. Che cos’è un’insurrezione? Cos’è “aiuto e conforto ai nemici”?”

    Inoltre, è probabile che la campagna di Trump faccia causa se verrà rimosso dal ballottaggio, aumentando la possibilità di diffuse battaglie giudiziarie.

    Nel caso della causa di mercoledì, il gruppo di responsabilità governativa CREW spera di impedire al segretario di stato del Colorado “di intraprendere qualsiasi azione che possa consentire” a Trump di accedere al voto.

    La Sezione Tre è stata applicata in precedenza?

    Nel corso della storia, la Sezione Tre è stata applicata contro funzionari ed ex funzionari meno di 10 volte, soprattutto nel periodo immediatamente successivo alla Guerra Civile.

    Ma c’è un precedente recente.

    L’anno scorso, un giudice del New Mexico ha utilizzato il 14° emendamento per ordinare la rimozione dell’allora commissario della contea di Otero Couy Griffin per aver partecipato alla rivolta del 6 gennaio.

    Il New Mexico ha una cosiddetta legge “quo warranto” che consente ai privati ​​cittadini di presentare denunce legali per valutare se un funzionario è costituzionalmente autorizzato a ricoprire una carica pubblica. Non tutti gli stati hanno tali leggi.

    All’inizio del 2022, un giudice in Georgia si è pronunciato a favore della deputata Marjorie Taylor Greene, un’alleata di destra di Trump, dopo una causa volta a vietarle di cercare la rielezione ai sensi del 14° emendamento.

    Cosa hanno detto i funzionari elettorali statali?

    Almeno due segretari di Stato hanno affermato che non escluderanno unilateralmente Trump dal ballottaggio.

    Adrian Fontes dell’Arizona ha citato una sentenza della corte suprema dello stato che, a suo dire, gli impedisce di far rispettare la Sezione Tre.

    Brad Raffensperger della Georgia ha detto che dovrebbero essere le persone a decidere se eleggere Trump o meno. “Negare agli elettori l’opportunità di scegliere è fondamentalmente antiamericano”, ha scritto questa settimana in un articolo sul Wall Street Journal.

    Da parte sua, la segretaria di Stato del Colorado Jena Griswold ha affermato che terrà d’occhio la recente causa legale nello stato, aggiungendo che il caso legale potrebbe fornire indicazioni ai funzionari elettorali.

    “Questa è una situazione senza precedenti. Non abbiamo mai visto un presidente incitare un’insurrezione e attaccare la nostra democrazia in questo modo”, ha detto Griswold a Politico.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts