PM Khan andato: la crisi politica del Pakistan spiegata in 400 parole

0
9

Khan è diventato il primo PM nella storia del Pakistan a essere mandato a fare le valigie con un voto di sfiducia.

Khan è stato escluso in parlamento giorni dopo aver bloccato un tentativo simile [File: Aamir Qureshi/AFP]

Il mandato di Imran Khan come primo ministro del Pakistan è terminato domenica dopo giorni di caos costituzionale che lo ha lasciato senza altra scelta che dimettersi o essere votato fuori dall’incarico.

La camera bassa del parlamento pakistano si riunirà lunedì per votare per un nuovo primo ministro ad interim.

Questa è la prima volta che una mozione di sfiducia contro un primo ministro del Pakistan ha avuto successo.

In che modo Khan è stato deposto da un voto di sfiducia?

Khan è stato escluso in parlamento giorni dopo aver bloccato un tentativo simile.

La mozione di sfiducia, che ha richiesto 172 voti nel parlamento da 342 seggi per essere approvata, è stata sostenuta da 174 parlamentari.

L’approvazione della mozione è arrivata dopo che la Corte Suprema del paese ha stabilito che Khan, salito al potere nel 2018, ha agito in modo incostituzionale bloccando il processo e sciogliendo il parlamento.

Con un verdetto storico alla fine di giovedì, la corte ha restaurato la casa che è stata sciolta dal presidente Arif Alvi su raccomandazione di Khan.

Khan ha affermato che l’opposizione ha collaborato con gli Stati Uniti per spodestarlo e ha invitato i suoi sostenitori a organizzare manifestazioni a livello nazionale domenica.

Dall’indipendenza nel 1947, nessun primo ministro pakistano ha completato un mandato di cinque anni nel paese.

INTERACTIVE_IMRAN_KHAN_GOVERNMENT8-REVISTO

Cosa ha portato alla caduta del leader Khan?

La fine politica di Khan era radicata in nuove realtà gemelle. All’interno del parlamento, il suo partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) aveva perso il sostegno degli alleati della coalizione, negandogli la maggioranza di cui aveva bisogno per sconfiggere il voto di sfiducia.

Fuori dal parlamento, Khan sembrava aver perso il sostegno del potente esercito pakistano, che secondo l’opposizione lo avrebbe aiutato a vincere le elezioni generali del 2018. Di recente avevano litigato pubblicamente per incarichi militari di alto livello e decisioni politiche.

Nelle ultime settimane, mentre i principali partiti di opposizione – il Partito popolare pakistano (PPP) e la Lega musulmana pakistana-Nawaz (PML-N) – hanno intensificato i loro sforzi per sloggiare Khan, gli alleati della coalizione hanno espresso la loro insoddisfazione nei suoi confronti.

Nel frattempo, un’aggravarsi della crisi economica ha contribuito all’insoddisfazione per Khan con un’inflazione a due cifre che ha perseguitato gran parte del suo mandato.

Chi sarà il prossimo PM del Pakistan?

Shehbaz Sharif, il fratello minore del tre volte primo ministro Nawaz Sharif, dovrebbe sostituire Khan.

Il settantenne è poco conosciuto al di fuori del suo paese, ma ha una reputazione a livello nazionale come un amministratore efficace più che come un politico.

In un’intervista la scorsa settimana, ha affermato che i buoni rapporti con gli Stati Uniti sono stati fondamentali per il Pakistan nel bene e nel male, in netto contrasto con il recente rapporto antagonistico di Khan con Washington.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here