Callum Lea con in mano una medaglia di gara.
Modifica di Wenzdai Figueroa; foto: Dopo aver corso la mezza maratona di Cardiff nel 2022, l’anno in cui Callum ha rivelato pubblicamente e alla sua famiglia il suo stato di HIV.

Callum Lea aveva 19 anni quando seppe di avere l’HIV.

Di recente si era trasferito dal Cheshire, in Inghilterra, a Cardiff, nel Galles, per frequentare l’università.

“Ero a Cardiff da poco meno di un anno e mi sentivo come se avessi quasi fallito il primo ostacolo”, ha detto Callum a Healthline. “Stavo iniziando la mia vita adulta e iniziando a mettermi allo scoperto nel mondo, e poi sono stato colpito da questo. A quel tempo non sapevo davvero nulla dell’HIV. La parola “HIV” mi suonava come una condanna a morte”.

Ora, quasi 10 anni dopo, Callum sta prosperando. Lavora come segretario medico per il Servizio Sanitario Nazionale mentre studia per diventare consulente.

“Negli ultimi anni ho rivalutato la mia vita e ho iniziato a chiedermi: cosa posso fare di più?” Egli ha detto. “Perché per molto tempo il mio obiettivo era arrivare solo alla fine della settimana. Guardare oltre era travolgente.

“Ma ora ho degli obiettivi. Ho delle cose che voglio ottenere. E non c’è motivo per cui non posso fare queste cose”.

Affrontare lo stigma dell’HIV e l’omofobia

Come molte persone affette da HIV, Callum assume farmaci antiretrovirali che hanno ridotto il virus a livelli non rilevabili nel suo corpo. Prende una pillola una volta al giorno e si sottopone a controlli regolari per assicurarsi che il virus rimanga non rilevabile.

Quando l’HIV non è rilevabile, non è trasmissibile. Non può essere trasmesso da una persona all’altra attraverso il contatto sessuale. Ridurre l’HIV a livelli non rilevabili protegge anche da complicazioni potenzialmente letali, consentendo alle persone che ricevono cure per l’HIV di condurre una vita lunga e sana.

“Penso che la gente abbia ancora l’idea sbagliata che si tratti di una ‘malattia gay’. E sai, se succede a una persona etero, ‘mi dispiace per loro’, ma se succede a una persona gay, ‘Beh, avrebbero dovuto saperlo meglio.'”

—Callum Lea

È stato utile?

Nonostante questi progressi nel trattamento, i ricercatori hanno scoperto che ricevere una diagnosi di HIV è spesso traumatizzante. Molte persone affette da HIV lottano contro lo stigma, che può influenzare negativamente il loro senso di sé e il loro benessere. Lo stigma correlato all’HIV può anche rendere difficile per le persone rivelare il proprio stato di sieropositività ad amici, familiari e altri membri della comunità.

Per gli uomini queer come Callum, questo stigma può essere aggravato dall’omofobia.

“Ho ricevuto molte attenzioni negative fin da quando ero molto giovane. Sono stato aggredito in passato, sono stato attaccato, i clienti sono stati davvero scortesi e irrispettosi nei miei confronti”, ha detto Callum a Healthline. “Quindi per me è stato come, una volta morso, due volte timido. Avevo la consapevolezza che se avessi parlato pubblicamente dell’HIV, avrei potuto ricevere molta più attenzione negativa.

“Penso che la gente abbia ancora l’idea sbagliata che si tratti di una ‘malattia gay'”, ha continuato. “E sai, se succede a una persona etero, ‘mi dispiace per loro’, ma se succede a una persona gay, ‘Beh, avrebbero dovuto saperlo meglio.'”

Paura di rivelare il suo stato di HIV

Callum ha scelto di non rivelare il suo stato di HIV alla maggior parte dei suoi amici e familiari per anni dopo la diagnosi. Ha detto a Healthline che non conosceva nessuno che convivesse con l’HIV mentre “accettava pienamente se stesso e prosperava nella vita”, il che rendeva difficile immaginare un futuro positivo per se stesso o parlarne con gli altri.

Ha abbandonato l’università, sentendosi sopraffatto e isolato. Ha trovato lavoro nel commercio al dettaglio come truccatore e ha vissuto stipendio dopo stipendio, guadagnando soldi per l’affitto mentre cercava un senso di normalità.

Era riluttante ad iniziare una relazione. E quando alla fine lo fece, trovò difficile difendere se stesso.

“Sono entrato in quella relazione e mi sono perso ancora di più, penso a causa di ciò che provavo per me stesso”, ha detto. “Mi sentivo come se avessi un sacco di bagagli. Non mi sentivo degno e quindi accettavo il minimo indispensabile. Non mi rispettavo abbastanza per mantenere i miei limiti e difendere davvero il mio valore. Ho davvero toccato il fondo”.

Quando quella relazione finì, la pandemia di COVID-19 era in pieno svolgimento. Callum se ne andò da solo e si ritrovò a condurre una vita tranquilla, con poche distrazioni dal dolore e dalla paura con cui aveva convissuto.

“Era la prima volta che ero in completo silenzio, e quella è stata la cosa più spaventosa”, ha ricordato. “Penso di essere sempre stato così occupato e occupato, quindi non dovevo pensare a molte cose”, ha ricordato.

“Avevo tanta paura che le persone sapessero e cosa avrebbero potuto pensare, di cosa avrebbe potuto fare alla mia vita il fatto di essere sieropositivo. Ma in realtà, non stavo vivendo affatto una vita.

“Parlare con altre persone sieropositive, ascoltare le loro storie e comprendere il significato di non rilevabile = non trasmissibile mi ha aiutato a vedere la luce alla fine del tunnel, il che è stato estremamente incoraggiante nel mio viaggio verso l’accettazione di me stesso”.

—Callum Lea

È stato utile?

Ottenere aiuto e supporto

Callum si rese conto che aveva bisogno di fare un cambiamento. I suoi medici lo avevano esortato a chiedere sostegno al Terrence Higgins Trust (THT), un ente di beneficenza che fornisce servizi per l’HIV e la salute sessuale in tutto il Regno Unito. Finalmente si sentiva pronto ad accettare l’aiuto che gli veniva offerto.

“Ho iniziato a ricevere la terapia tramite THT ed è stata la cosa migliore che abbia mai fatto. Mi ha davvero cambiato la vita”, ha detto Callum. “La consulenza mi ha dato uno spazio sicuro per affrontare il mio stigma personale e trovare accettazione nella mia [HIV] status, con il supporto di qualcuno specializzato nelle lotte comuni affrontate dalle persone che vivono con l’HIV”.

Parlare onestamente delle sue esperienze e delle sue paure è stato un passo importante per prendere il controllo della sua vita, ha detto. Ha anche preso parte a terapie di gruppo e ad altri servizi di supporto che gli hanno permesso di ascoltare altre persone affette da HIV.

Era la prima volta dopo anni che si sentiva “normale”.

Lo ha anche aiutato a riconoscere il grande potenziale che la vita con l’HIV potrebbe riservare.

“Parlare con altre persone sieropositive, ascoltare le loro storie e comprendere il significato di non rilevabile = non trasmissibile mi ha aiutato a vedere la luce alla fine del tunnel, il che è stato estremamente incoraggiante nel mio viaggio verso l’autoaccettazione”, ha detto a Healthline.

“Ho potuto ascoltare le storie di altre persone. Ad esempio, le loro storie di appuntamenti e il fatto che alcune persone erano sposate e altre avevano figli. Era qualcosa che avevo completamente cancellato per me stesso, e quindi entrare in uno spazio in cui le persone avevano qualcosa di positivo da dire al riguardo? È stato travolgente.

Ha deciso di rivelare il suo stato di sieropositività

Modifica di Wenzdai Figueroa; foto: marcia al Pride Cymru 2018 con gli altri membri del Cardiff Lions Rugby Football Club.

Man mano che l’autoaccettazione di Callum cresceva, si sentiva più pronto a condividere la sua storia con altre persone e a rivelare il suo stato di HIV ad amici e familiari. Ha riconosciuto che non tutti possono rivelare in modo sicuro il proprio stato di HIV, ma per lui farlo è stata fonte di sollievo.

“Fortunatamente per me, rivelare il mio status ha reso i miei legami con i miei amici e la mia famiglia molto più forti”, ha detto. “Un peso enorme si è tolto quando ho fatto coming out pubblicamente. Finalmente sono riuscito a mostrare alla gente la vera me, i miei difetti e tutto il resto. Finalmente ho potuto lasciare che le persone mi si avvicinassero di nuovo.

“Ha anche aperto una conversazione sull’HIV. Sono stato in grado di educare le persone nella mia cerchia più ampia e nella comunità sull’HIV. Permetteva alle persone di sapere che se stavano lottando anche loro o conoscevano qualcuno che lo era, avevano qualcuno a cui rivolgersi per ricevere supporto.

Venire a patti con la sua condizione di sieropositivo ha aperto un mondo completamente nuovo di possibilità, ha detto Callum. Gli ha dato un senso di libertà nel correre più rischi nella vita e preoccuparsi meno di fallire.

Ha lasciato il suo lavoro nel commercio al dettaglio per trovare lavoro nel settore sanitario. Tornò a scuola, ispirato dalle proprie esperienze con la terapia per diventare consulente. Ha acquistato anche un proprio appartamento, cosa che gli ha concesso un senso di maggiore indipendenza e sicurezza.

“Quando vivi nella paura per così tanto tempo, le piccole cose sembrano non darti più fastidio come prima. I rischi non sembrano più così grandi. Hai una vita da vivere e io ho passato troppo tempo a non vivere la mia”, ha detto.

“Ora le mie priorità sono diverse. La mia priorità sono io. Non voglio più sopravvivere, voglio prosperare. Voglio vivere. Il futuro è luminoso e lavoro ogni giorno per assicurarmelo.

“Ho anche trovato il tempo per aprire di nuovo il mio cuore”, ha continuato. “La totale trasparenza sul mio status, molta pazienza da parte loro e molta comunicazione aperta, mi ha permesso di sentirmi uguale e sicuro in una relazione.”

Un “viaggio verso l’accettazione di sé”

Modifica di Wenzdai Figueroa; Foto a sinistra: al Mighty Hoopla 2023, un festival di musica pop a Londra, Regno Unito. Foto a destra: al Brighton Pride nel 2018.

Callum riconosce che le persone con HIV hanno esperienze di vita diverse e spera che condividere la propria storia possa aiutare gli altri nel loro viaggio verso l’accettazione di sé.

Incoraggia le persone con HIV ad accettare la guida e il supporto disponibili. Incoraggia i cari delle persone con HIV a offrire sostegno pur avendo pazienza per le sfide che alcuni potrebbero affrontare nell’accettarlo.

“Offri il tuo sostegno, ma permetti alla persona di usare la propria autonomia per accettare l’aiuto. Quando ti viene diagnosticata ti viene tolto molto controllo sulla tua vita [with HIV]ed è importante lasciare che qualcuno abbia il controllo su chi raccontare e su come andare avanti”, ha detto.

“Ho sempre avuto una rete di supporto e infermieri e medici straordinari, ma ho dovuto fare i conti con come e quando avrei potuto accettare il supporto offerto. Accettare aiuto e pensare di averne bisogno può far sentire le persone molto vulnerabili, ma permettersi di essere vulnerabili è una delle cose più forti che puoi fare per te stesso.


Callum Lea

Callum Lea è una truccatrice, segretaria medica e consulente in formazione di 28 anni che vive a Cardiff, Galles, Regno Unito. Convive con l’HIV da 9 anni. In qualità di difensore dei pazienti, ha condiviso la sua storia attraverso diversi media, nonché attraverso la serie di video e risorse “My HIV Doesn’t Define Me” del Terrence Higgins Trust. Spera che condividendo le sue esperienze con l’HIV, possa aiutare altre persone che vivono con l’HIV a sentirsi meno sole mentre affrontano la loro diagnosi.