Migliaia di persone scendono in strada in Australia per le misure COVID-19, jabs

0
13

Migliaia di persone manifestano a favore e contro i mandati di vaccinazione in un paese con uno dei tassi di inoculazione più alti al mondo.

Migliaia di persone sono scese in strada nelle città dell’Australia per protestare contro le vaccinazioni obbligatorie e le misure di blocco [James Ross/EPA]

Diverse migliaia di persone sono scese nelle strade dell’Australia sabato per protestare contro i mandati di vaccinazione contro il COVID-19, mentre folle più piccole si sono radunate per sostenere le misure che hanno elevato il Paese a uno dei più vaccinati al mondo.

Quasi l’85% degli australiani di età pari o superiore a 16 anni è stato completamente vaccinato contro il coronavirus a partire dal 19 novembre. Sebbene le vaccinazioni a livello nazionale siano volontarie, gli stati e i territori hanno imposto vaccinazioni per molte occupazioni e hanno vietato ai non vaccinati di svolgere attività come mangiare fuori e concerti.

Cantando “libertà” e portando cartelli che invitano a “combattere la tirannia” e proclamando “le vite non vaccinate contano”, diverse migliaia di manifestanti anti-vaccinazione hanno marciato per le strade del centro di Melbourne, la seconda città più grande dell’Australia, mentre molte famiglie si stavano godendo le vetrine natalizie dei grandi magazzini della città.

Ci sono state anche proteste a Sydney, Brisbane e Perth, con la polizia che ha seguito da vicino i raduni e nessun rapporto immediato di comportamento indisciplinato.

La giornalista australiana Dana Morse ha dichiarato ad Al Jazeera che Melbourne ha subito il blocco più lungo del mondo.

“Ci sono preoccupazioni tra le parti della comunità su alcune leggi sulla gestione della pandemia che il governo statale sta attualmente cercando di far passare attraverso la camera alta del parlamento”, ha affermato Morse, che ha sede a Melbourne.

“Quel disegno di legge è in fase di stallo, ma la gente è preoccupata per la quantità di potere che il governo statale avrà se il disegno di legge sarà approvato”.

Le persone stanno anche protestando contro le leggi “no jab no job”, il che significa che le persone che attualmente non sono vaccinate non potranno continuare a lavorare, ha aggiunto.

Le manifestazioni anti-vaccinazione vanno avanti da settimane in Australia, diventando occasionalmente violente e attirando gruppi di cittadini sciolti, oltre a sostenitori delle teorie del complotto e dell’estrema destra.

Il movimento anti-vaccinazione, tuttavia, rimane piccolo, con sondaggi che mostrano un’opposizione nazionale a una cifra.

“Stiamo guardando un paese che nel complesso crede nella sicurezza e nell’efficacia dei vaccini quando si tratta di curare il COVID-19”, ha affermato Morse.

“Anche quando guardi alle proteste di decine di migliaia di persone come quelle che abbiamo visto per le strade di Melbourne oggi – che è una città di cinque milioni di persone – stiamo ancora parlando di una parte minoritaria ma molto rumorosa della popolazione, ” ha detto, riferendosi ai manifestanti che erano contro i colpi.

La polizia ha tenuto d’occhio le proteste a Melbourne con manifestazioni che si sono svolte anche in altre città australiane [Darren England/EPA]

A Melbourne si è svolta una contro-manifestazione di diverse centinaia, organizzata dal gruppo Campagna contro il razzismo e il fascismo con lo slogan “Non ti scabbiare, prendi il colpo”.

Uno degli organizzatori del raduno antifascista, Nahui Jimenez, ha detto all’Australian Broadcasting Corporation (ABC) che la manifestazione era “un messaggio di solidarietà” con gli operatori sanitari del paese.

“La maggior parte delle persone sostiene queste misure sanitarie che in realtà hanno aiutato milioni di persone a non contrarre il COVID”, ha affermato.

Il capo del torneo Australia Open, il primo torneo di tennis del Grande Slam dell’anno e uno dei più grandi eventi sportivi australiani, ha dichiarato sabato che tutti i giocatori dovranno essere vaccinati per competere nell’evento, che si svolge a Melbourne.

Sabato, ci sono stati 1.166 nuovi casi di COVID-19 nello stato di Victoria, dove Melbourne è la capitale. Morirono altre cinque persone. Lo stato più popoloso del Nuovo Galles del Sud, dove quasi il 92% delle persone è completamente vaccinato, ha riportato 182 nuovi casi.

Nonostante le epidemie del Delta che hanno portato a mesi di blocco a Sydney e Melbourne, l’Australia ha avuto solo circa 760 casi confermati e 7,5 decessi ogni 100.000 persone, secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, di gran lunga inferiori rispetto a molte altre nazioni sviluppate. Il Regno Unito, ad esempio, ha avuto più di 14.000 casi confermati e 211 decessi ogni 100.000 persone.

La vicina Nuova Zelanda, che sta anche imparando a convivere con il coronavirus attraverso alti tassi di vaccinazione, ha riportato 172 nuovi casi. A partire da venerdì, l’83% della popolazione della nazione del Pacifico è stata completamente vaccinata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here