spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoL’uso più liberale delle armi alleate da parte dell’Ucraina complica la logistica...

    L’uso più liberale delle armi alleate da parte dell’Ucraina complica la logistica russa

    -

    Ma gli osservatori dicono che l’Ucraina ha bisogno di mano completamente libera per colpire il suolo russo se vuole vincere la guerra.

    Un militare ucraino di un'unità mobile di difesa aerea anti-drone si trova vicino a un cannone antiaereo ZU-23-2 mentre attende i droni kamikaze russi, nel mezzo dell'attacco russo all'Ucraina, nella regione di Kherson, Ucraina, il 11 giugno 2024. REUTERS/Ivan Antipenko
    Un militare ucraino di un’unità mobile di difesa aerea anti-drone si trova vicino a un cannone antiaereo ZU-23-2 mentre aspetta i droni kamikaze russi nella regione ucraina di Kherson [Ivan Antypenko/Reuters)]

    La Russia non è riuscita a ottenere alcun risultato significativo nella sua guerra in Ucraina durante la scorsa settimana, e ha subito una serie di battute d’arresto sul proprio territorio, nella Crimea occupata e nella Georgia occupata.

    Allo stesso tempo, la Russia ha cercato di proiettare il suo potere ben oltre i suoi confini, inviando una flottiglia a Cuba, che ha condotto esercitazioni missilistiche lungo il percorso e ha minacciato di disseminare armi a lungo raggio agli avversari occidentali.

    Sul terreno, l’incursione russa nella regione settentrionale di Kharkiv, in Ucraina, sembrava aver subito una fase di stallo, poiché le forze che guidavano due iniziative separate a Vovchansk e a nord di Lyptsi non hanno ottenuto nuovi guadagni.

    Gli ufficiali militari ucraini hanno descritto l’incursione del 10 maggio come un tentativo di distrarre le loro forze dalla difesa di Chasiv Yar, un insediamento chiave a Donetsk, sul fronte orientale. Qui, le forze russe hanno ottenuto guadagni incrementali costanti durante la scorsa settimana, ma il gruppo di forze Khortytsia che difende questa posizione ha affermato che le forze russe non stavano operando all’interno di Chasiv Yar.

    INTERACTIVE-CHI CONTROLLA COSA IN UCRAINA-1718181824
    (Al Jazeera)

    Le prove visive suggerivano che le forze russe si trovassero ancora 700-800 metri a est del canale Siverskyi Donets-Donbas, un corso d’acqua che corre attorno al confine orientale di Chasiv Yar.

    Un tentativo di incursione separato a nord di Sumy il 9 giugno è avanzato di circa 700 metri in Ucraina ed è apparso inefficace poiché “non aveva stabilito una presenza significativa o duratura in quest’area”, secondo l’Institute for the Study of War, un think tank con sede a Washington. .

    L’amministrazione militare regionale ucraina di Sumy ha ordinato l’evacuazione di otto villaggi entro 10 km dal confine russo.

    Complicare la logistica russa

    Un recente cambiamento nella politica alleata nei confronti dell’uso delle armi ucraine sembra aver complicato la logistica russa nella scorsa settimana.

    Alla fine di maggio, gli Stati Uniti e la Germania si sono uniti a Francia e Regno Unito nel consentire all’Ucraina di usare le proprie armi all’interno della Russia, in risposta alla nuova offensiva di Kharkiv.

    Lunedì, il gruppo partigiano ucraino Atesh, che opera nella Crimea occupata, ha affermato che le autorità russe hanno iniziato a spostare i sistemi di difesa aerea nella regione di confine russa di Belgorod, “il che crea una minaccia alla sicurezza in Crimea, lasciandola senza un’adeguata copertura”.

    Quel giorno l’Ucraina ha utilizzato missili tattici dell’esercito (ATACM) di fabbricazione statunitense per indebolire ulteriormente le difese aeree della Crimea. Il suo stato maggiore ha affermato che le loro forze hanno distrutto il radar principale di una batteria di difesa aerea S-400 a Dzhankoi e i radar delle batterie S-300 a Yevpatoria e Chernomorsk, tutte nella Crimea occupata settentrionale e occidentale. Senza il radar, i lanciamissili di accompagnamento non possono puntare i loro missili.

    Un militare ucraino della 33a Brigata meccanizzata separata fuma durante una pausa mentre partecipa a un'esercitazione militare vicino a una prima linea, nel mezzo dell'attacco della Russia all'Ucraina, nella regione di Donetsk, Ucraina, il 12 giugno 2024. REUTERS/Alina Smutko
    Un militare ucraino della 33a Brigata Meccanizzata Separata fuma durante una pausa mentre partecipa a un’esercitazione militare vicino alla linea del fronte nella regione di Donetsk [Alina Smutko/Reuters]

    La difesa aerea della Crimea funge da scudo per la regione russa di Krasnodar Krai e il porto navale russo di Novorossijsk immediatamente a est, considerato un rifugio relativamente sicuro dopo i ripetuti attacchi ucraini al porto di Sebastopoli in Crimea.

    Ma all’inizio di giugno, la flotta russa del Mar Nero ha spostato circa 18 navi da Novorossiysk. Il portavoce della marina ucraina Dmytro Pletenchuk ha detto che le autorità russe si sono rese conto che le navi erano delle anatre facili.

    Sabato, la marina ucraina ha riferito che sette di quelle navi russe si trovavano nel Mar d’Azov, forse per proteggere il ponte di Kerch, che collega il territorio di Krasnodar alla Crimea.

    La Russia ha utilizzato il ponte l’8 giugno per trasportare carburante in Crimea – cosa che non faceva da marzo, preferendo invece una traversata in traghetto vicino al ponte. Ma l’Ucraina ha utilizzato armi statunitensi per colpire il lato russo della traversata in traghetto di Kerch il 31 maggio, non appena le restrizioni geografiche sono state revocate, complicando la logistica russa.

    La vulnerabilità del ponte agli attacchi è nota dall’ottobre 2022, quando l’Ucraina lo colpì per la prima volta con un camion bomba, e lo scorso luglio si è rivelato vulnerabile ai droni navali ucraini. Nei giorni scorsi, la Russia ha posizionato delle chiatte su entrambi i lati del ponte come ulteriore protezione dai droni navali.

    INTERATTIVO-CHI CONTROLLA COSA NELL'UCRAINA ORIENTALE copy-1718181813
    (Al Jazeera)

    Mentre il Regno Unito e la Francia non hanno pubblicamente limitato l’uso delle loro armi ovunque sul suolo russo, gli Stati Uniti e la Germania ne hanno consentito l’uso solo in risposta al fuoco in arrivo e solo a Kharkiv.

    L’ISW è stato critico nei confronti di questa politica, affermando di aver “rimosso un massimo del 16% del santuario terrestre della Russia”, rispetto alla gamma di territorio nelle regioni di Belgorod, Kursk e Bryansk che potrebbe essere colpito utilizzando sistemi missilistici dell’esercito ad alta mobilità fabbricati negli Stati Uniti. (HIMARS) e ha invitato l’amministrazione a dare mano libera all’Ucraina.

    Il presidente russo Vladimir Putin ha detto ai giornalisti del Forum economico internazionale di San Pietroburgo che fornire agli avversari occidentali armi a lungo raggio sarebbe una “risposta simmetrica” alla revoca del divieto dell’Ucraina di colpire il suolo russo con armi alleate. Ha anche minacciato di usare armi nucleari.

    Oltre all’eliminazione delle restrizioni geografiche, quest’anno l’Ucraina riceverà aerei da combattimento F-16.

    Un rapporto afferma che potrebbero essere previsti 60 aerei dismessi da Danimarca, Norvegia e Paesi Bassi. L’Ucraina, che utilizza ancora aerei sovietici, ha affermato di averne bisogno del doppio per proteggere il proprio spazio aereo, ma il 6 giugno il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che invierà caccia francesi Mirage 2000-5 in Ucraina, senza specificare quanti o quando.

    L’Ucraina sembrava tutt’altro che entusiasta.

    “Come tutti gli aerei moderni, il Mirage 2000 può svolgere efficacemente le missioni di combattimento assegnate. Possono essere sia attacchi aerei che terrestri. L’aereo è abbastanza moderno, ma l’F-16 rimane una priorità”, ha detto il giorno successivo il portavoce dell’aeronautica ucraina Ilya Yevlash.

    Parlando alle reti televisive francesi alla vigilia delle celebrazioni per l’80° anniversario dello sbarco in Normandia che pose fine alla seconda guerra mondiale, Macron ha anche detto che la Francia addestrerà un battaglione di truppe ucraine (4.500) sul suolo francese.

    Colpisce nel profondo della Russia

    L’Ucraina ha mano libera per quanto riguarda le armi di produzione nazionale e ha continuato a usarle per colpire obiettivi militari ed energetici in Russia, come ha fatto dall’inizio di quest’anno.

    I droni ucraini hanno colpito le raffinerie di Belgorod e Rostov il 6 giugno. Due giorni dopo, i suoi droni hanno colpito la base militare russa di Mozdok nell’Ossezia del Nord, territorio georgiano occupato dalla Russia nell’agosto 2008. E l’Ucraina ha colpito un posto di comando russo a Belgorod con un’arma non specificata il 6 giugno. 9.

    Il successo più prestigioso è arrivato l’8 giugno.

    L’intelligence militare ucraina (GUR) ha affermato di aver danneggiato un caccia multiruolo russo Sukhoi-57. Ha pubblicato immagini satellitari che mostrano l’aereo circondato da segni di bruciature sull’asfalto dell’aeroporto di Akhtubinsk nella regione di Astrakhan, a 589 km (366 miglia) dalla linea di contatto.

    INTERACTIVE-CHI CONTROLLA COSA NEL SUD DELL'UCRAINA-1718181818
    (Al Jazeera)

    Il Su-57 è l’aereo da combattimento militare più avanzato della Russia e l’attacco rappresenterebbe il primo danno a questo tipo di aereo nella guerra in Ucraina.

    “Le immagini datate 8 giugno rivelano i crateri dell’esplosione e distinti segni di fuoco causati dall’impatto”, ha detto GUR. Si stima che la Russia abbia sei Su-57 in servizio attivo, con altri sei in costruzione. “Ci sono dati che continuano ad essere perfezionati. Ci sono informazioni preliminari che potrebbero essere coinvolti due aerei Su-57″, ha detto il giorno dopo un portavoce della GUR durante una telethon. “Ci sono anche informazioni su perdite irreparabili e feriti tra il personale degli occupanti”.

    L’Ucraina ha affermato che gli aerei sono stati utilizzati per lanciare missili Kh-59 e Kh-69 nel territorio ucraino.

    Perdite energetiche in Russia, Ucraina

    La Russia ha continuato a prendere di mira le infrastrutture energetiche dell’Ucraina: venerdì l’aeronautica ucraina ha dichiarato di aver abbattuto 48 dei 53 droni Shahed lanciati dalla Russia contro le infrastrutture energetiche ucraine. Ha anche abbattuto cinque missili X-101/X-555.

    La Russia ha utilizzato combinazioni di droni e missili per devastare le infrastrutture energetiche dell’Ucraina durante lo scorso inverno.

    Il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha dichiarato venerdì che la Russia ha danneggiato o distrutto il 73% delle centrali elettriche del paese. Il Financial Times ha affermato che la Russia ha ridotto la capacità di generazione elettrica installata in Ucraina prima della guerra, da 55 GW, a soli 20 GW.

    Anche la Russia stava avendo problemi energetici – e non solo a causa delle raffinerie che l’Ucraina ha messo fuori servizio, che secondo quanto riferito hanno ridotto la capacità di raffinazione di almeno il 14%.

    Mercoledì un tribunale arbitrale di Stoccolma ha stabilito che il principale importatore di gas della Germania potrebbe chiedere enormi danni alla Russia per il gas non consegnato. La società Uniper era in causa con il fornitore statale di gas russo, Gazprom, su chi fosse responsabile della mancata consegna del gas attraverso il gasdotto Nordstream 2, che avrebbe dovuto entrare in funzione nel 2022, quando fu fatto saltare in aria da ignoti sabotatori .

    La corte ha stabilito che Uniper può annullare i suoi contratti di fornitura a lungo termine con Gazprom e chiedere 13 miliardi di euro (14 miliardi di dollari) di danni alla società russa.

    Gazprom ha riscontrato altri problemi recentemente. Il Financial Times ha riferito che Putin e il leader cinese Xi Jinping non erano d’accordo il mese scorso su un prezzo di vendita del gas russo alla Cina, con Xi che chiedeva prezzi vicini alle tariffe nazionali russe sovvenzionate. Questo disaccordo ha bloccato il gasdotto Power of Siberia 2, che Gazprom avrebbe dovuto iniziare a costruire verso la Cina.

    In gran parte a causa della guerra in Ucraina e della perdita di vendite in Europa, Gazprom ha registrato una perdita di 6,9 miliardi di dollari lo scorso anno, la più grande in un quarto di secolo. Se il gasdotto Power of Siberia 2 non entrerà in funzione nel 2029, ha riferito il FT, si prevede che i profitti di Gazprom diminuiranno di un ulteriore 15%.

    INTERATTIVO Rifugiati ucraini-1718181806
    (Al Jazeera)

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts