L’ungherese Orban saluta la “grande vittoria” dopo la vittoria schiacciante del sondaggio

0
35

I risultati preliminari mostrano che il partito Fidesz di Viktor Orban è sulla buona strada per ottenere una maggioranza di due terzi in parlamento, dopo la campagna messa in ombra dalla guerra in Ucraina.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban festeggia sul palco con i membri del suo partito Fidesz nella loro base elettorale, l’edificio Balna sulla riva del fiume Danubio a Budapest, il 3 aprile 2022 [Attila Kisbenedek/ AFP]

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha salutato una “grande vittoria” per il suo partito Fidesz dopo che i risultati preliminari hanno mostrato che il gruppo di destra ha vinto le elezioni generali di domenica con una valanga di voti.

La vittoria – la quarta vittoria elettorale consecutiva di Fidesz – è stata di un margine molto maggiore di quanto suggerito dai sondaggi, dopo una campagna oscurata dalla guerra nella vicina Ucraina.

L’invasione russa dell’Ucraina aveva costretto Orban a manovre imbarazzanti per spiegare i rapporti d’affari di dieci anni con il presidente russo Vladimir Putin. Ma il 58enne ha organizzato una campagna di successo per persuadere l’elettorato centrale del suo partito Fidesz che l’alleanza di opposizione a sei partiti che promette di ricucire i legami con l’Unione Europea potrebbe portare il paese in guerra, un’accusa che l’opposizione ha negato.

Rivolgendosi a una folla esultante che cantava il suo nome a Budapest, Orban ha detto che la vittoria di domenica è arrivata contro ogni previsione.

“Abbiamo ottenuto una vittoria così grande, che può essere vista anche dalla Luna”, ha detto. “Abbiamo difeso la sovranità e la libertà dell’Ungheria”.

I risultati preliminari con circa il 98% dei voti delle liste nazionali dei partiti contati hanno mostrato che il partito Fidesz di Orban è in testa con il 53,1% dei voti contro il 35% dell’alleanza di opposizione di Peter Marki-Zay.

Fidesz ha anche vinto 88 dei 106 collegi uninominali.

Sulla base dei risultati preliminari, l’Ufficio elettorale nazionale ha affermato che Fidesz avrebbe 135 seggi, una maggioranza di due terzi, e l’alleanza di opposizione avrebbe 56 seggi.

Anche un partito di estrema destra chiamato Our Homeland sarebbe entrato in parlamento, vincendo sette seggi.

La comoda vittoria di Fidesz potrebbe incoraggiare Orban nella sua agenda politica che secondo i critici equivale a una sovversione delle norme democratiche, della libertà dei media e dei diritti delle minoranze, in particolare delle persone gay e lesbiche.

Ammettendo la sconfitta, Marki-Zay, 49 anni, ha affermato che la vittoria di Fidesz è dovuta a quella che ha definito la sua vasta macchina di propaganda, compreso il dominio dei media.

“Non voglio nascondere la mia delusione, la mia tristezza… Sapevamo che questo sarebbe stato un campo di gioco irregolare”, ha detto. “Ammettiamo che Fidesz abbia ottenuto la stragrande maggioranza dei voti. Ma continuiamo a contestare se queste elezioni siano state democratiche e libere”.

Regola del partito unico

Uno dei leader europei più longevi, Orban è emerso come un accanito sostenitore delle politiche anti-immigrazione e un oppositore delle dure sanzioni energetiche contro Mosca.

I critici affermano che ha cercato di consolidare il governo del partito unico rivedendo la costituzione, assumendo il controllo della maggior parte dei media e modificando le regole elettorali, oltre a reclutare incarichi governativi chiave con lealisti e premiare uomini d’affari vicini a Fidesz con contratti statali redditizi.

Tuttavia, ottiene il favore di molti elettori più anziani e più poveri nelle aree rurali che sposano i suoi valori cristiani tradizionali e con le famiglie che beneficiano di una serie di agevolazioni fiscali e massimali sui prezzi del carburante e di alcuni generi alimentari.

Sebbene in precedenza Orban avesse condotto una campagna su questioni sociali e culturali divise, ha cambiato radicalmente il tono della sua campagna dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio e da allora ha descritto le elezioni come una scelta tra pace e stabilità o guerra e caos.

Mentre l’opposizione ha chiesto all’Ungheria di sostenere il suo vicino assediato e di agire di pari passo con i suoi partner dell’UE e della NATO, Orban, alleato di lunga data di Putin, ha insistito sul fatto che l’Ungheria rimanga neutrale e mantenga i suoi stretti legami economici con Mosca, incluso il continuare a importare la Russia gas e petrolio a condizioni favorevoli.

Nella sua ultima manifestazione elettorale di venerdì, Orban ha affermato che fornire armi all’Ucraina – qualcosa che l’Ungheria, l’unica tra i vicini dell’Ucraina all’UE, si è rifiutata di fare – renderebbe il paese un obiettivo militare e che sanzionare le importazioni di energia russe paralizzerebbe l’economia ungherese .

“Questa non è la nostra guerra, dobbiamo starne fuori”, ha detto Orban.

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskyy, sabato ha descritto il leader ungherese come fuori dai contatti con il resto d’Europa, che si è unito per condannare Putin, sostenere le sanzioni contro la Russia e inviare aiuti, comprese le armi, all’Ucraina.

“È praticamente l’unico in Europa a sostenere apertamente Putin”, ha detto Zelenskyy.

Parlando ai sostenitori di domenica, Orban ha individuato Zelenskyy come parte della “forza schiacciante” contro cui ha detto che il suo partito ha lottato alle elezioni: “la sinistra in casa, la sinistra internazionale tutt’intorno, i burocrati di Bruxelles… il mainstream internazionale media e, alla fine, anche il presidente ucraino”.

I suoi sostenitori hanno risposto con una risata.

Insieme all’elezione al parlamento, domenica si è tenuto anche un referendum sulle questioni LGBTQ. Le domande riguardavano i programmi di educazione sessuale nelle scuole e la disponibilità per i bambini di informazioni sulla riassegnazione del sesso.

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa ha inviato una missione di osservazione completa in Ungheria per monitorare le elezioni di domenica, solo la seconda volta in un paese dell’UE.