L’ONU sospende la Russia dall’organismo per i diritti umani per gli abusi dell’Ucraina

0
14

La risoluzione per espellere la Russia dal Consiglio per i diritti umani esprime preoccupazione per le segnalazioni di “abusi sistemici” in Ucraina.

Il voto rende la Russia il primo membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a cui è stata revocata l’appartenenza a qualsiasi organismo delle Nazioni Unite [Andrew Kelly/Reuters]

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha votato per sospendere la Russia dal principale organismo dell’organizzazione per i diritti umani tra le accuse secondo cui i suoi soldati hanno ucciso civili mentre si ritiravano dalla regione intorno alla capitale dell’Ucraina.

La risoluzione avviata dagli Stati Uniti giovedì ha raggiunto la maggioranza dei due terzi dei membri votanti dell’UNGA richiesta per passare, con 93 voti espressi a favore e 24 contrari. Cinquantotto paesi si sono astenuti, ma i loro voti non sono stati conteggiati per il conteggio finale.

La breve risoluzione esprimeva “grave preoccupazione per l’attuale crisi dei diritti umani e umanitaria in Ucraina, in particolare per le segnalazioni di violazioni e abusi dei diritti umani e violazioni del diritto internazionale umanitario da parte della Federazione Russa, comprese violazioni gravi e sistematiche e abusi dei diritti umani ”.

Il voto, che fa di Mosca il primo membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’Onu a cui è stata revocata l’appartenenza a qualsiasi organismo delle Nazioni Unite, è stato subito accolto favorevolmente da Kiev ma criticato da Mosca.

“I criminali di guerra non hanno posto negli organismi delle Nazioni Unite volti a proteggere i diritti umani. Grato a tutti gli Stati membri che hanno sostenuto la pertinente risoluzione dell’UNGA e hanno scelto il lato giusto della storia”, ha dichiarato su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

Da parte sua, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha espresso rammarico per la decisione. “Ci dispiace per questo”, ha detto Peskov in un’intervista con Sky News britannico. “E continueremo a difendere i nostri interessi usando ogni possibile mezzo legale”, ha detto.

La Russia aveva invitato un numero imprecisato di paesi a votare “no”, dicendo che l’astensione o il mancato voto sarebbero stati considerati un atto ostile e avrebbero influito sulle relazioni bilaterali.

Nel suo cosiddetto “non-paper” ottenuto dall’agenzia di stampa Associated Press, la Russia ha affermato che il tentativo di espellerlo dal Consiglio per i diritti umani è un atto politico di paesi che vogliono preservare la loro posizione dominante e il controllo sul mondo.

A ciò ha fatto eco Gennady Kuzmin, vice ambasciatore della Russia presso le Nazioni Unite, che ha detto in una sessione speciale dell’UNGA sull’Ucraina prima del voto di giovedì che la risoluzione guidata dagli Stati Uniti “non ha nulla a che fare con la situazione dei diritti umani sul campo”.

“Quello che vediamo è un tentativo degli Stati Uniti di mantenere la loro posizione dominante e il controllo totale, di continuare il loro tentativo di colonialismo dei diritti umani”, ha detto Kuzmin.

Ma l’ambasciatore ucraino all’Onu, Sergiy Kyslytsya, aveva esortato i membri dell’UNGA a “premere il pulsante ‘sì’ ea salvare il Consiglio per i diritti umani e molte vite nel mondo e in Ucraina”.

“D’altra parte, premere ‘no’ significa premere un grilletto e significa un punto rosso sullo schermo, rosso come il sangue delle vite innocenti perse”, ha detto.

L’ambasciatore degli Stati Uniti Linda Thomas-Greenfield ha chiesto alla Russia di essere spogliata del suo seggio nel Consiglio per i diritti umani di 47 membri all’inizio di questa settimana, a seguito di video e foto di strade nella città di Bucha disseminate di cadaveri di quelli che sembravano essere civili.

“Riteniamo che i membri delle forze russe abbiano commesso crimini di guerra in Ucraina e crediamo che la Russia debba essere ritenuta responsabile”, ha affermato lunedì Thomas-Greenfield. “Non possiamo permettere a uno Stato membro che sta sovvertendo ogni principio che ci sta a cuore di continuare a far parte del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite”.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha accolto favorevolmente il voto dell’UNGA giovedì. “Un Paese che perpetra gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani non dovrebbe sedere su un organismo il cui compito è proteggere quei diritti”, ha detto ai giornalisti.

Le immagini emerse dalla regione di Kiev dopo il ritiro della Russia hanno suscitato repulsione globale e invocano sanzioni più severe.

Mosca ha negato che le sue truppe fossero responsabili della morte di civili. L’ambasciatore russo a Ginevra, Gennady Gatilov, ha definito l’azione degli Stati Uniti “una spavalderia infondata e puramente emotiva che sta bene davanti alla telecamera, proprio come piace agli Stati Uniti”.

“Washington sfrutta la crisi ucraina a proprio vantaggio nel tentativo di escludere o sospendere la Russia dalle organizzazioni internazionali”, ha affermato Gatilov, nei commenti trasmessi da un portavoce della missione diplomatica russa.

Voto sulla risoluzione interattiva dell'UNGA per sospendere la Russia dal Consiglio per i diritti umani

Kristen Saloomey di Al Jazeera, dal quartier generale delle Nazioni Unite a New York, ha affermato che almeno 57 paesi hanno firmato come co-sponsor della risoluzione guidata dagli Stati Uniti. Ma altri si erano espressi contro di essa “sulla base del fatto che sta individuando la Russia prima di un’indagine” sulle accuse di violazioni dei diritti in Ucraina.

Saloomey ha aggiunto che mentre la risoluzione alla fine “è passata facilmente”, le 58 astensioni hanno dimostrato che “chiaramente molti paesi sono a disagio con questo”.

Nel frattempo, Cina, Iran e Siria erano tra le 24 nazioni che hanno votato contro la risoluzione.

“Una mossa così frettolosa all’Assemblea Generale, che costringe i paesi a scegliere da che parte stare, aggraverà la divisione tra gli Stati membri, intensificherà il confronto tra le parti interessate: è come aggiungere benzina sul fuoco”, l’ambasciatore cinese all’ONU, Zhang Jun, detto prima della votazione.

La Russia è un membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che esercita il veto, insieme a Regno Unito, Cina, Francia e Stati Uniti. Tutti attualmente hanno seggi nel Consiglio per i diritti umani, a cui gli Stati Uniti si sono riuniti quest’anno.

Sebbene il consiglio non possa prendere decisioni giuridicamente vincolanti, le sue decisioni inviano messaggi politici importanti e può autorizzare indagini. Mosca è stato uno dei suoi membri più accesi e la sua sospensione gli impedisce di parlare e votare, affermano i funzionari, sebbene i suoi diplomatici possano ancora partecipare ai dibattiti.

L’unico altro paese a cui sono stati revocati i diritti di appartenenza al Consiglio per i diritti umani è stata la Libia nel 2011, quando gli sconvolgimenti nel paese nordafricano hanno abbattuto il leader di lunga data Muammar Gheddafi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here