L’Iran afferma che l’accordo di 25 anni con la Cina entra nella fase di attuazione

0
59

L’accordo è stato firmato lo scorso anno e prevede la cooperazione economica, militare e di sicurezza.

L’allora ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif e l’omologo cinese Wang Yi firmano l’anno scorso a Teheran un accordo di cooperazione di 25 anni [Majid Asgaripour/West Asia News Agency via Reuters]

Teheran, Iran – Secondo il ministro degli Esteri iraniano, un accordo di cooperazione globale di 25 anni firmato l’anno scorso tra Iran e Cina è ora entrato nella fase di attuazione.

Hossein Amirabdollahian, nella sua prima visita in Cina come ministro degli Esteri, ha annunciato la notizia venerdì scorso dopo un incontro con il suo omologo cinese Wang Yi.

“Mentre ci preparavamo per la visita in Cina, ci eravamo preparati per poter celebrare oggi come il giorno di inizio dell’attuazione dell’accordo globale tra i due paesi”, ha affermato Amirabdollahian, ma non ha annunciato alcun progetto o accordo specifico per contrassegnare il occasione.

Firmato a Teheran nel marzo 2021 quando l’ex presidente Hassan Rouhani era in carica, l ‘”accordo strategico” implica cooperazione economica, militare e di sicurezza, anche se entrambi i paesi sono soggetti a diversi livelli di sanzioni statunitensi.

Tra l’altro, negli ultimi tre anni, la Cina ha acquistato petrolio iraniano – con uno sconto – a dispetto delle sanzioni. Nessuno dei due paesi rivela i dettagli esatti.

Durante la sua visita, Amirabdollahian ha anche consegnato una lettera del presidente Ebrahim Raisi al presidente Xi Jinping, che secondo lui conteneva un “messaggio importante” per l’amministrazione Raisi.

Non ha approfondito i contenuti, ma l’amministrazione Raisi ha più volte sottolineato una politica estera “asiacentrica” che include la Cina come fattore importante.

La visita di Amirabdollahian è arrivata in mezzo a una raffica di incontri a Wuxi, Jiangsu. Il ministro degli Esteri vi è sbarcato poco dopo che la cinese Yi ha avuto colloqui con il segretario generale del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), e i ministri degli esteri di quattro dei suoi paesi membri – Arabia Saudita, Kuwait, Oman e Bahrain – oltre all’estero turco ministro.

Colloqui sul nucleare di Vienna

Anche il proseguimento dei colloqui a Vienna volti a ripristinare l’accordo nucleare dell’Iran del 2015 con le potenze mondiali era in cima all’agenda durante la visita del ministro degli Esteri iraniano.

Dopo l’incontro, Amirabollahian ha detto ai giornalisti che l’Iran è pronto a raggiungere un accordo nella capitale austriaca nel più breve tempo possibile, un’impresa che sarà resa possibile con il sostegno di Cina e Russia.

Una lettura dell’incontro pubblicata dal ministero degli Esteri iraniano ha citato Wang Yi dicendo che la Cina sostiene la posizione “logica” dell’Iran nei colloqui di Vienna.

“Ci auguriamo che anche le parti occidentali continuino i negoziati a Vienna con una visione realistica volta a raggiungere un accordo che veda assicurati anche gli interessi del popolo iraniano”, ha affermato.

Il ministro degli Esteri ha criticato i partiti occidentali – Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito – per quella che ha definito la loro mancanza di “iniziativa” nei colloqui.

“Dicono che siamo preoccupati e che abbiamo fretta, ma la loro mancanza di iniziativa pratica mostra che c’è un contrasto tra la loro retorica e azione”, ha detto.

L’ottavo – e presumibilmente l’ultimo – round degli intensi colloqui continua a Vienna dal mese scorso, poiché le parti occidentali avvertono che mancano poche settimane per raggiungere un accordo a causa dei progressi nucleari dell’Iran.

Venerdì i capi delle delegazioni negoziali hanno concordato di tornare nelle loro capitali per due giorni per le consultazioni, ma i colloqui non sono in pausa poiché i gruppi di lavoro di esperti continuano a tenere sessioni.

Gli Stati Uniti hanno imposto dure sanzioni all’Iran dal 2018, quando hanno unilateralmente abbandonato l’accordo nucleare. Da allora l’Iran ha notevolmente intensificato il suo programma nucleare, ma afferma che è strettamente pacifico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here