L’inizio della fine? L’ipotetico futuro della politica palestinese

0
50

Il rivale di Hamas, l’Autorità Palestinese, potrebbe tornare a governare Gaza? I palestinesi lo accetterebbero?

Una ragazza viene portata in braccio mentre i palestinesi festeggiano dopo che Hamas ha dichiarato di aver raggiunto un accordo con il rivale palestinese Fatah, a Gaza City, il 12 ottobre 2017
I palestinesi festeggiano dopo che Hamas ha dichiarato di aver raggiunto un accordo di riconciliazione con Fatah a Gaza City il 12 ottobre 2017 [File: Suhaib Salem/Reuters]

Il combattente mascherato delle Brigate Qassam aggiusta il suo fucile d’assalto AK-47 prima di scivolare su una sedia nell’ufficio di Gaza del presidente dell’Autorità Palestinese (AP) Mahmoud Abbas.

“Ciao, Condoleeza Rice. Devi occuparti di me adesso. Non esiste Abu Mazen [Abbas] più”, scherza il combattente in una telefonata immaginaria all’allora segretario di stato degli Stati Uniti. Intorno a lui, i combattenti dell’ala armata di Hamas si scattano foto.

L’anno è il 2007 e Hamas ha appena combattuto e sconfitto una fazione del partito Fatah di Abbas per il controllo di Gaza.

Fatah ha perso le elezioni legislative palestinesi del 2006 ed è rimasta scontenta del risultato, attaccando il vincitore, Hamas.

Ciò ha significato non solo una frattura politica ma anche geografica. I palestinesi si dividono nella Cisgiordania occupata, parzialmente governata dall’Autorità Palestinese, e nella Gaza sotto Hamas.

Palestinesi sventolano le bandiere di Hamas durante una manifestazione celebrativa a Gaza il 15 giugno 2007
I palestinesi sventolano le bandiere di Hamas durante una manifestazione a Gaza il 15 giugno 2007, per celebrare la presa del controllo di tutti i quartieri generali di Fatah, compreso l’ufficio del presidente Abbas [Suhaib Salem/Reuters]

Da allora la situazione è rimasta congelata – fino ad oggi, quando il futuro politico dei palestinesi sembra più incerto che mai.

L’obiettivo dichiarato di Israele per l’attuale bombardamento e l’offensiva di terra nella Striscia di Gaza in rappresaglia agli attacchi a sorpresa di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele è stato quello di eliminare il gruppo armato.

Se Israele avrà successo, il ritorno dell’Autorità Palestinese nell’enclave assediata viene pubblicizzato come una possibilità. Ma tornerà? E può?

Gaza sotto Hamas

Sotto Hamas, la Striscia di Gaza è stata assediata, impoverita da Israele e aggredita cinque volte negli ultimi 17 anni.

In quest’ultimo assalto, il futuro politico palestinese appare molto precario.

Israele ha dichiarato di voler distruggere completamente Hamas ed è per questo che il 7 ottobre ha lanciato un assalto a tutto campo contro la Striscia di Gaza.

I raid israeliani, la violenza dei coloni e l’espansione degli insediamenti nella Cisgiordania occupata sono tra le ragioni per cui Hamas ha lanciato i suoi attacchi il 7 ottobre, ha detto Izzat al-Rasheq, membro dell’Ufficio politico di Hamas.

“Abbiamo avvertito gli israeliani e la comunità internazionale che questa pressione incessante provocherà un’esplosione, ma loro non ci hanno ascoltato”, ha detto al-Rasheq ad Al Jazeera, aggiungendo che le incursioni nella moschea di Al-Aqsa, migliaia di palestinesi ingiustamente detenuti e le Anche il blocco di Gaza ha avuto un ruolo.

In uno scenario in cui Israele riesce in qualche modo a eliminare Hamas, gli Stati Uniti hanno suggerito che l’Autorità Palestinese prenda il controllo dell’enclave assediata.

Finora Israele non è d’accordo, ma cosa pensano i palestinesi dell’Autorità Palestinese? Può tornare a Gaza? E Hamas può essere distrutto?

Collusione vs confronto

Il punto cruciale del divario tra i due attori più dominanti nella politica palestinese è il loro diverso approccio alla causa palestinese.

Mentre Fatah e l’Autorità Palestinese, la cui attuale leadership è la stessa, si concentrano sulla cooperazione con Israele, la strategia di Hamas è quella di affrontare Israele militarmente, ha affermato Aboud Hamayel, docente all’Università di Birzeit in Cisgiordania.

“Non c’è niente che possiamo fare”, ha detto Hamayel, imitando quello che secondo lui è il tono disfattista dell’Autorità Palestinese.

La base di appoggio dell’AP in Cisgiordania si basa su una relazione transazionale con Israele, ha detto l’analista. Tuttavia, ha aggiunto, alcune fazioni di Fatah prendono parte alla lotta armata in Cisgiordania, dove il movimento è più esplicito e diversificato rispetto all’Autorità Palestinese.

Fatah esiste ancora a Gaza, dove ora è all’opposizione. I suoi sostenitori sono divisi tra la lealtà ad Abbas e all’ex leader di Fatah Mohammed Dahlan, che è in esilio negli Emirati Arabi Uniti da 10 anni, ha detto Hamayel.

L’AP ha riconoscimento internazionale e riceve finanziamenti e entrate fiscali. A sua volta, gestisce la sicurezza nel suo territorio, liberando teoricamente Israele dalla gestione quotidiana della vita palestinese, ha detto Hamayel, tranne quando Israele conduce raid e arresti che oppongono resistenza ai palestinesi.

Agenti di polizia fanno la guardia mentre gli avvocati palestinesi protestano contro il governo per decreto dell'Autorità Palestinese e chiedono il ritorno alla normale attività legislativa parlamentare, a Ramallah
Gli agenti di polizia fanno la guardia mentre gli avvocati palestinesi protestano contro il governo per decreto dell’Autorità Palestinese e chiedono il ritorno alla normale attività legislativa parlamentare a Ramallah, nella Cisgiordania occupata. [File: Mohamad Torokman/Reuters]

La questione del dopoguerra

Fatah vuole raggiungere l’unità con Hamas, secondo il portavoce del gruppo, anche se diversi tentativi nel corso degli anni in tal senso sono falliti.

“Attraverso il dialogo nazionale, raggiungeremo un consenso su come governarci, su come guidare la nostra causa e presentarla al mondo”, ha detto ad Al Jazeera Jamal Nazzal, portavoce di Fatah e membro del suo organo parlamentare, il Consiglio Rivoluzionario. .

Un’entità palestinese unificata è l’obiettivo dichiarato degli Stati Uniti, soprattutto quando sorgono discussioni sul destino di Gaza dopo la guerra, secondo Kenneth Katzman, membro senior del Soufan Center con sede a New York.

Questa entità controllerà sia Gaza che la Cisgiordania, accetterà l’esistenza di Israele e riprenderà i negoziati di Oslo con Israele, ha detto, riferendosi agli accordi tra Israele e l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) negli anni ’90.

“Penso che l’intento sia quello di tornare al punto in cui i colloqui si erano interrotti”, ha detto Katzman ad Al Jazeera, aggiungendo che sarebbero il precursore della mediazione di Washington per una soluzione a due Stati.

Rafe Jabari, un analista politico franco-palestinese, concorda sul fatto che una soluzione a due Stati dovrebbe essere perseguita dopo la fine della guerra, ma afferma che dovrebbe essere redatto un nuovo accordo per sostituire gli accordi di Oslo perché i palestinesi sono stati costretti a fare troppe concessioni in questo senso. processi.

Israele non sarà disposto a cedere il controllo delle terre che occupa, ha aggiunto, e non sarà in grado di eliminare Hamas come dice di voler fare. “Hamas è una parte della società palestinese. Non possono eliminare Hamas”, ha detto ad Al Jazeera, aggiungendo che non sono solo un’ala politica.

Hamas è d’accordo. “Non possono riorganizzare la casa palestinese secondo le loro esigenze. Hamas rimarrà, e ciò che verrà dopo Hamas sarà anche Hamas”, ha detto al-Rasheq, aggiungendo che i palestinesi non accetterebbero che “gli Stati Uniti o Israele o chiunque altro” dicano loro chi dovrebbe governarli.

“Il popolo palestinese non accetterà mai che un’entità entri a Gaza su un carro armato israeliano”, ha detto.

Poiché è impossibile sradicare Hamas, ha detto Jabari, il gruppo dovrà essere coinvolto in tutti i negoziati del dopoguerra.

“Tutti gli attori dovrebbero essere coinvolti nella risoluzione del conflitto”, ha affermato, citando negoziati passati in cui ciò si è verificato anche quando una delle parti era considerata un “gruppo terroristico”, come durante l’accordo di pace franco-algerina del 1962 o, più recentemente, nei colloqui tra Stati Uniti e talebani.

Un periodo di transizione che coinvolga una forza internazionale di mantenimento della pace a Gaza è stato menzionato sia da Katzman che da Jabari come possibile primo passo prima dei negoziati.

Ma, ha aggiunto Jabari, queste forze si sono rivelate un totale fallimento nei recenti conflitti.

La popolarità in declino dell’Autorità Palestinese

Il governo dell’Autorità Palestinese in Cisgiordania è visto da molti palestinesi come un collusione con Israele.

Gran parte della frustrazione è dovuta ad Abbas, considerato debole per non essere riuscito a portare avanti alcun processo di pace nei suoi quasi due decenni al potere, ha detto Jabari. Si ritiene inoltre che non abbia difeso abbastanza le pratiche israeliane, dall’espansione degli insediamenti alle vessazioni nei confronti dei palestinesi, ha aggiunto.

Anche le pratiche di sicurezza dell’Autorità Palestinese nella Cisgiordania occupata sono state criticate come pesanti ma, ha detto Nazzal, l’Autorità Palestinese deve “ristabilire l’ordine e proteggere la legge”.

“I movimenti delle forze di sicurezza palestinesi, dei funzionari o dei normali individui a volte richiedono un coordinamento di sicurezza con la potenza occupante”, ha detto, aggiungendo che tutto ciò che l’Autorità Palestinese amministra nella Cisgiordania occupata “deve essere coordinato con Israele”.

Nazzal ha però preso le distanze da Fatah dall’Autorità Palestinese, affermando che si tratta di “un movimento di liberazione che non ha alcun tipo di contatto con Israele”.

Nonostante la frustrazione nei confronti dell’Autorità Palestinese, Katzman ha affermato che i palestinesi che stanno sopportando il peso dell’aggressione israeliana potrebbero essere più scontenti delle azioni di Hamas.

“Gran parte della popolazione di Gaza ora si rende conto che Hamas continuerà a trascinarla in una guerra con Israele, e non vuole questo”, ha detto. “Quindi penso che siano disposti a trascurare le colpe dell’Autorità Palestinese. Penso che questo sia vero anche per i palestinesi in Cisgiordania. Non vogliono… una guerra eterna con Israele”.

Tuttavia, al-Reshaq ha affermato: “I palestinesi di tutto il mondo sostengono maggiormente Hamas. Vedono che Hamas sta lavorando per resistere all’occupazione”, ha detto, aggiungendo che il sostegno globale ai palestinesi è aumentato nelle ultime settimane.

‘L’inizio della fine’?

Con un sostegno misto all’Autorità Palestinese tra i palestinesi, quali sono le probabilità che questa ritorni a governare Gaza?

Nazzal ha sottolineato che, nonostante il governo di Hamas, l’Autorità Palestinese già gestisce alcuni elementi della vita a Gaza, come i ministeri della sanità e dell’istruzione e il sistema bancario.

Nel frattempo, il movimento Fatah, ha aggiunto, si oppone a un futuro in cui Hamas venga eliminato. “Non siamo d’accordo sugli obiettivi militari israeliani a Gaza, né possiamo prevedere quale sarà l’esito di questo terribile attacco che Israele ha lanciato contro il nostro popolo”, ha detto Nazzal.

Ciò che Fatah sa, tuttavia, è che i palestinesi dovrebbero decidere chi li governa attraverso elezioni legislative che garantiscano un percorso verso la soluzione dei due Stati, ha aggiunto.

“L’unica cosa che nessuno ha tentato è che i palestinesi vivano liberamente in un loro Stato indipendente”, ha detto Nazzal. “Fino a quando ciò non accadrà, continueremo a passare da un ciclo di violenza a quello successivo”.

Tuttavia, gli Stati Uniti stanno ancora intensificando la loro pressione per il ritorno dell’Autorità Palestinese a Gaza, e le ragioni che l’amministrazione del presidente Joe Biden adduce a favore di questa strategia sono molteplici, ha detto Hamayel.

Il primo è quello di guadagnare tempo affinché Israele porti a termine le sue operazioni militari distraendo la comunità internazionale, ha affermato.

Vuole consentire al suo alleato di reagire agli attacchi di Hamas del 7 ottobre, convincendolo a pensare a cosa accadrà dopo, ha detto l’analista.

La Casa Bianca vuole anche tenere dalla sua parte i suoi alleati regionali, soprattutto perché gli stati arabi lottano con i loro cittadini che non sentono di fare abbastanza per porre fine all’assalto israeliano, secondo Hamayel.

Tuttavia, ha concluso, la presa del potere da parte dell’Autorità Palestinese avverrà solo se Hamas perderà, un risultato che è ancora troppo presto per prevedere.

Funzionari di Fatah e Hamas attendono un incontro con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e rappresentanti di gruppi e movimenti palestinesi come parte dei colloqui intra-palestinesi
Funzionari di Fatah e Hamas durante i colloqui a Mosca, Russia, il 12 febbraio 2019 [File: Pavel Golovkin/Pool via Reuters]

Hamas, nel frattempo, vede una debolezza nell’attacco apparentemente senza direzione di Israele contro i civili.

“La dimensione della sconfitta [on October 7] fatto [Israel] perdere la testa e colpire in qualsiasi direzione senza pensarci troppo”, ha detto al-Reshaq. “Ha fallito. Ha fallito sul campo di battaglia il 7 ottobre di fronte alle Brigate Qassam, e sta fallendo ora perché non è in grado di raggiungere alcun obiettivo reale a Gaza”.

Nel caso in cui Israele non riuscisse a eliminare Hamas, la spaccatura tra i due gruppi politici palestinesi si approfondirebbe, ha previsto Hamayel.

Hamas rimarrebbe in piedi, un valoroso eroe per i palestinesi nella lotta contro Israele, e l’Autorità Palestinese apparirebbe debole, vergognandosi di aver cooperato con Israele nel corso degli anni, ha detto.

Ciò darebbe il via ad un circolo vizioso in cui un’AP apparentemente debole inspirerebbe una maggiore attività dei coloni in Cisgiordania, il che eroderebbe sempre di più il controllo del gruppo sul territorio, ha detto.

“Questo potrebbe essere l’inizio della fine dell’Autorità Palestinese”, ha detto Hamayel.