L’India sta per riaprire ai visti turistici man mano che la situazione COVID si attenua

0
11

I turisti stranieri potranno richiedere un visto a partire dal 15 ottobre, la prima volta dal blocco COVID di marzo 2020.

Il turismo è destinato a riprendere in India mentre i casi di coronavirus diminuiscono [File: Narinder Nanu/AFP via Getty Images]

L’India riaprirà al turismo dal 15 ottobre, ha affermato il governo, dopo oltre un anno di chiusura a causa della pandemia di coronavirus.

I cittadini stranieri potranno richiedere un visto per la prima volta da marzo 2020, quando il governo del primo ministro Narendra Modi ha imposto un rigoroso blocco in risposta alla pandemia.

“Dopo aver considerato vari input, il MHA (ministero dell’interno) ha deciso di iniziare a concedere nuovi visti turistici per gli stranieri che arrivano in India attraverso voli charter con effetto dal 15 ottobre 2021”, ha detto giovedì il ministero dell’Interno in una nota.

Ha aggiunto che gli stranieri che viaggiano in India tramite voli commerciali potranno entrare con nuovi visti turistici a partire dal 15 novembre 2021.

Il turismo è un settore importante per la terza economia dell’Asia, con il paese che ha registrato 10,93 milioni di arrivi di turisti nel 2019, secondo i dati del governo.

Le restrizioni sulla maggior parte delle categorie di visti stranieri, come diplomatici e uomini d’affari, sono state gradualmente revocate, ma i turisti sono rimasti bloccati anche quando la maggior parte delle attività economiche è ripresa.

Il paese di 1,3 miliardi di persone è stato colpito da una grave ondata di infezioni da coronavirus quest’anno, con circa 4.000 decessi giornalieri registrati nel mese di maggio.

Il picco è stato attribuito alle nuove varianti del virus e al governo che ha consentito eventi sportivi e grandi celebrazioni per le feste religiose.

Da allora i casi hanno subito un brusco rallentamento, arrivando a circa 20.000 nuove infezioni giornaliere e da 200 a 300 decessi nelle ultime settimane.

Il ministero dell’Interno ha affermato che tutti i protocolli COVID-19 “dovrebbero essere rispettati dai turisti stranieri, dai vettori che li portano in India e da tutte le altre parti interessate alle stazioni di atterraggio”.

La stragrande maggioranza degli indiani è stata vaccinata con iniezioni di AstraZeneca di fabbricazione indiana, prodotte dal Serum Institute of India. Altri hanno ricevuto COVAXIN, un vaccino prodotto da un’azienda indiana.

All’inizio di questo mese, l’India ha annunciato che i cittadini britannici completamente vaccinati che arrivano in India saranno sottoposti a una quarantena obbligatoria di 10 giorni, in risposta a misure simili imposte dal Regno Unito ai cittadini indiani.

Il Regno Unito non ha riconosciuto la versione indiana del vaccino AstraZeneca, nota come Covishield. L’India ha definito la decisione “discriminatoria” e ha imposto restrizioni a tutti gli arrivi britannici indipendentemente dal loro stato di vaccinazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here