Kiev dice di aver catturato un politico ucraino filo-russo

0
12

Le autorità ucraine affermano di aver arrestato Viktor Medvedchuk, un magnate pro-Cremlino, in una “operazione speciale” dopo essere fuggito dagli arresti domiciliari.

Questa foto del file del 2019 mostra il presidente russo Vladimir Putin (R) con il politico ucraino pro-Cremlino Viktor Medvedchuk a San Pietroburgo, Russia [File: Sputnik/Mikhail Klimentyev/Kremlin via Reuters]

Le autorità ucraine affermano di aver catturato un importante magnate filo-Cremlino che è scappato dagli arresti domiciliari dopo l’invasione della Russia.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha pubblicato online una foto di un Viktor Medvedchuk dall’aspetto spettinato con le mani nei polsini e vestito con un’uniforme dell’esercito ucraino.

“Un’operazione speciale è stata effettuata dal servizio di sicurezza dell’Ucraina. Ben fatto!” Zelenskyy ha scritto su Telegram.

Viktor Medvedchuk
Medvedchuk viene visto dopo essere stato arrestato dalle forze di sicurezza in Ucraina, il 12 aprile 2022 [Press service of State Security Service of Ukraine/Handout via Reuters]

Il capo dell’agenzia di sicurezza Ivan Bakanov ha detto che gli agenti hanno effettuato “un’operazione speciale multi-livello velocissima e pericolosa per arrestare” il legislatore favorevole alla Russia.

“Nessun traditore sfuggirà alla punizione e tutti saranno ritenuti responsabili secondo la legge ucraina”, si legge in una dichiarazione su Telegram.

Medvedchuk, una delle persone più ricche dell’Ucraina, è una figura estremamente controversa per i suoi stretti legami con Mosca. È il leader del partito Opposition Platform – For Life.

Il 67enne magnate degli affari ha annoverato il presidente russo Vladimir Putin tra i suoi amici personali e ha affermato che il leader del Cremlino è il padrino della figlia più giovane Darya.

È stato tenuto agli arresti domiciliari dallo scorso anno con l’accusa di tradimento per l’accusa di aver tentato di rubare risorse naturali dalla Crimea annessa alla Russia e di aver consegnato segreti militari ucraini a Mosca.

Secondo quanto riferito, Medvedchuk, che ha negato qualsiasi addebito, è fuggito poco dopo che Putin ha lanciato la sua invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

La polizia ha detto di non averlo trovato al suo indirizzo di casa il 26 febbraio e ha annunciato che era scomparso il giorno dopo.

La repressione di Kiev su Medvedchuk ha suscitato rabbia al Cremlino, con Putin che a un certo punto si è impegnato a “rispondere” a quella che ha definito persecuzione politica.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha rifiutato di commentare la detenzione di Medvedchuk, dicendo ai telegiornali russi “ci sono molti falsi provenienti dall’Ucraina” e “questo deve essere prima controllato”.

In un discorso mattutino di mercoledì, Zelenskyy ha proposto di scambiare Medvedchuk con prigionieri di guerra uomini e donne detenuti dalle forze russe, affermando che era “importante per le nostre forze di sicurezza e militari considerare tale possibilità”.

“E possa Medvedchuk essere un esempio per te”, ha detto Zelenskyy nel video pubblicato su Telegram. “Anche l’ex oligarca non è scappato. Cosa possiamo dire di criminali molto più semplici dell’entroterra russo? Prenderemo tutti”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here