spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoIsraele libera il primario dell'ospedale con prigioni "piene" di prigionieri di Gaza

    Israele libera il primario dell’ospedale con prigioni “piene” di prigionieri di Gaza

    -

    I detenuti hanno subito “torture quasi quotidiane”, afferma il direttore dell’ospedale al-Shifa, Muhammad Abu Salmiya.

    Un uomo palestinese arrestato dalle forze israeliane viene accolto dai familiari e dai sostenitori al suo arrivo, dopo il rilascio, per un controllo presso l'ospedale dei martiri di Al-Aqsa a Deir al-Balah, nella Striscia di Gaza centrale, il 1° luglio 2024, nel contesto del conflitto in corso tra Israele e il movimento palestinese Hamas. (Foto di Bashar TALEB / AFP)
    Un uomo palestinese che era stato arrestato dalle forze israeliane viene accolto dalla famiglia e dai sostenitori all’ospedale Al-Aqsa di Deir el-Balah, nella Striscia di Gaza centrale, il 1° luglio [Bashar Taleb/AFP]

    Israele ha liberato decine di palestinesi detenuti durante la guerra a Gaza, tra cui il direttore di uno dei principali ospedali dell’enclave.

    Israele ha rilasciato 55 prigionieri lunedì per liberare spazio nelle sue prigioni, secondo quanto affermato da voci non confermate. Parlando poco dopo il suo ritorno a Gaza, il direttore dell’ospedale al-Shifa Muhammad Abu Salmiya ha affermato che i prigionieri palestinesi nelle prigioni israeliane subivano abusi quotidiani.

    Con migliaia di palestinesi che si sono aggiunti a quelli già detenuti dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, le prigioni israeliane sono “piene”, ha riferito l’Israeli Public Broadcasting Corporation.

    Abu Salmiya è stato arrestato mentre l’esercito israeliano sosteneva che Hamas stava usando l’ospedale al-Shifa come base. Il capo medico ha affermato che non è mai stata mossa alcuna accusa contro di lui.

    Liberato dopo più di sette mesi di custodia, ha affermato che i detenuti hanno sopportato “umiliazioni fisiche e psicologiche quotidiane” durante la prigionia.

    “I nostri detenuti sono stati sottoposti a tutti i tipi di tortura dietro le sbarre”, ha detto in una conferenza stampa a Gaza. “C’erano torture quasi quotidiane. Le celle vengono forzate e i prigionieri vengono picchiati.

    “Diversi detenuti sono morti nei centri di interrogatorio e sono stati privati ​​di cibo e medicine”, ha aggiunto.

    Raccontando i presunti abusi, Abu Salmiya ha affermato che le guardie gli hanno rotto un dito e lo hanno picchiato con manganelli e cani.

    Anche il personale medico, ha affermato, è responsabile di abusi e negligenze: ad alcuni detenuti sono stati amputati gli arti a causa delle scarse cure mediche.

    I prigionieri erano anche gravemente denutriti durante la custodia, ha aggiunto, sopravvivendo con niente più di una pagnotta di pane al giorno per due mesi. Tutti hanno perso almeno 30 kg (66 libbre), ha detto.

    Le autorità israeliane non hanno rilasciato dichiarazioni immediate in merito alle accuse di maltrattamenti, ma in precedenza avevano negato tali accuse.

    Il servizio carcerario israeliano ha negato che Abu Salmiya sia stato rilasciato a causa della mancanza di spazio nelle carceri del Paese.

    Campagna sanitaria

    Abu Salmiya era tra i detenuti arrestati a novembre durante un raid militare israeliano nell’ospedale al-Shifa, la più grande struttura sanitaria di Gaza.

    Israele ha affermato che il complesso, in cui si stima fossero rifugiati 2.300 palestinesi, veniva utilizzato come centro di comando di Hamas, accuse respinte dal personale.

    Durante il raid, le forze israeliane hanno distrutto i servizi medici del complesso e hanno sparato alle persone che cercavano di lasciare il complesso, secondo i dottori. I corpi di almeno 179 persone, tra cui sette neonati, sono stati sepolti in una fossa comune nel terreno dell’ospedale.

    Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Al-Shifa è una delle oltre 100 strutture sanitarie che Israele ha assaltato e attaccato durante i nove mesi di guerra.

    ‘Negligenza’

    Dopo il rilascio, la maggior parte dei detenuti rilasciati è stata portata per visite mediche al Nasser Hospital di Khan Younis. Altri sono stati portati all’Al-Aqsa Hospital di Deir el-Balah, dove decine di parenti dei detenuti si sono presentati per riunirsi a loro e chiedere informazioni sulla sorte di coloro che erano ancora dietro le sbarre, come mostrano i filmati verificati dall’agenzia di fact-checking Sanad di Al Jazeera.

    Uomini palestinesi che erano stati arrestati dalle forze israeliane arrivano per un controllo all'ospedale Al-Aqsa a Deir al-Balah, nella Striscia di Gaza centrale, 1 luglio [Bashar Taleb/AFP]
    Uomini palestinesi che erano stati arrestati dalle forze israeliane arrivano per un controllo all’ospedale Al-Aqsa a Deir el-Balah, nella Striscia di Gaza centrale, 1 luglio [Bashar Taleb/AFP]

    Diverse personalità politiche israeliane hanno condannato la decisione di rilasciare i detenuti.

    Il ministro della Sicurezza di estrema destra Itamar Ben-Gvir ha definito l’iniziativa come “negligenza in materia di sicurezza”.

    L’ex ministro della guerra Benny Gantz ha affermato che chiunque abbia ordinato il loro rilascio dovrebbe essere rimosso e ha invitato il primo ministro Benjamin Netanyahu a “chiudere alcuni uffici governativi per liberare spazio e budget per i prigionieri”.

    Da quando è scoppiata la guerra di Gaza, Israele ha rastrellato centinaia di palestinesi dall’enclave e altre migliaia dalla Cisgiordania occupata, trattenendo molti di loro senza accusarli.

    In questo periodo, almeno 40 palestinesi sono morti sotto la custodia israeliana, ha dichiarato ad Al Jazeera un funzionario dell’osservatorio palestinese Addameer.

    Abu Salmiya, parlando dopo il suo rilascio, ha affermato che alcuni erano stati uccisi nelle celle degli interrogatori.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts