Informatore algerino incarcerato dopo la deportazione della Spagna

0
10

Mohamed Abdellah era in esilio in Spagna dal 2019 quando è fuggito dall’Algeria dopo aver denunciato la presunta corruzione, ma è stato rimandato indietro ed è ora in carcere.

Abdellah ora si ritrova dietro le sbarre in un centro di detenzione algerino nella città di Kolea [Photo supplied to Al Jazeera]

Madrid, Spagna – Dopo essersi unito alle forze di pattuglia di confine algerine nel 2013, l’ex gendarme Mohamed Abdellah ha iniziato a sospettare che qualcosa non andasse.

Abdellah era un supervisore aereo sugli elicotteri della pattuglia di frontiera e come tale era responsabile del funzionamento delle telecamere di sorveglianza e delle attività di monitoraggio attraverso il confine tra Algeria e Tunisia.

Durante il suo periodo come supervisore aereo, Abdellah sostiene di aver incontrato corruzione diffusa, concussione, condotta fraudolenta e contrabbando di armi e benzina attraverso il confine, favorito da ufficiali di alto rango della gendarmeria algerina.

Alla fine, Abdellah ha deciso di dare l’allarme e di riferire ai suoi superiori ciò che aveva visto, ma i suoi sforzi non sono serviti a nulla.

Oggi Abdellah si trova dietro le sbarre in un centro di detenzione algerino nella città di Kolea. È in attesa di processo militare a seguito della sua improvvisa estradizione dalla Spagna all’inizio di quest’anno, dove aveva chiesto asilo politico.

Il caso di Abdellah è denso di complessità, accuse contrastanti e ambientato in un’atmosfera politica carica.

Sua moglie ha detto ad Al Jazeera che dopo aver sollevato la questione con i suoi superiori gli sono state date due semplici scelte: o chiudere un occhio e ignorare ciò che aveva visto, o scegliere di conformarsi e impegnarsi con la corruzione tra le forze.

Invece, Abdellah si è rivolto agli attivisti anticorruzione sia in Algeria che all’estero nella speranza di trovare sostegno, e ha fatto trapelare informazioni e prove che aveva raccolto. Fonti vicine ad Abdellah hanno detto ad Al Jazeera che presto ha iniziato a ricevere minacce e ha iniziato a temere per l’incolumità della sua famiglia.

Abdellah è stato accusato di “minare l’ordine pubblico e la sicurezza e la stabilità dello Stato” [Photo supplied to Al Jazeera]

Nel novembre 2018, Abdellah è fuggito in Spagna con la moglie e il figlio, lasciando il suo ruolo nella Gendarmerie Nationale algerina. Si è stabilito ad Alicante, nella Spagna orientale, e ha chiesto asilo politico nel marzo 2019.

Durante l’esilio, Abdellah ha intensificato il suo attivismo e si è impegnato maggiormente nell’esporre e denunciare la corruzione che ha incontrato nelle forze armate. Ha iniziato a parlare contro l’esercito e il governo attraverso i suoi profili YouTube e Facebook e ha guadagnato un pubblico considerevole, accumulando più di 265.000 follower.

Ciò non è andato molto d’accordo con le autorità algerine che gli avrebbero emesso un’accusa militare nel maggio 2019 per la “divulgazione di segreti della difesa nazionale … ​​il reato di fuga all’estero, insulto all’esercito nazionale, atti in violazione del dovere e dell’ordine [and] insultare il Presidente della Repubblica”, secondo i documenti visionati da Al Jazeera.

Un anno dopo è stato emesso un mandato di arresto internazionale per Abdellah – tra gli altri tre importanti critici del governo – per accuse di “terrorismo”.

Il mandato accusava Abdellah di “minare l’ordine pubblico e la sicurezza e la stabilità dello Stato”, oltre a sostenere di essere coinvolto in piani per sfruttare il movimento anti-governativo Hirak algerino e allontanarlo dal suo “carattere pacifico”.

Dall’esilio alla “espulsione politica”

Durante i suoi anni in Spagna, Abdellah ha riferito di aver subito regolari intimidazioni e di aver ricevuto minacce da persone che sosteneva essere agenti del governo algerino.

Nel giugno 2020, ha presentato un rapporto alla polizia spagnola in cui ha denunciato di essere seguito e minacciato, dicendogli: “Pagherai un prezzo alto per quello che hai detto. Sappiamo che hai chiesto asilo in Spagna e faremo in modo che tu non lo ottenga”, secondo il rapporto della polizia visto da Al Jazeera.

Il 3 agosto 2020, ha trasmesso in streaming un video in diretta su Facebook trasmettendo uno di questi casi di presunta intimidazione. Il video ha più di quattro milioni di visualizzazioni.

Sua moglie ha anche detto di essere stata seguita in numerose occasioni, con persone che si presentavano alla scuola dei suoi figli, alle sue lezioni di spagnolo e all’ingresso della loro casa. Ha presentato un rapporto di polizia separato nell’agosto 2020 chiedendo di essere trasferita per la loro protezione.

Il 12 agosto di quest’anno, durante un appuntamento per rinnovare il suo permesso di soggiorno temporaneo, Abdellah è stato informato che la sua domanda di asilo politico era stata respinta ed è stato invece detenuto e prontamente trasferito in un centro di internamento per stranieri a Barcellona.

Il mandato di arresto della polizia spagnola ha dichiarato che Abdellah rappresentava un “rischio significativo per la sicurezza nazionale” e ha affermato di essere stato in contatto regolare e di aver ricevuto finanziamenti dall’importante dissidente algerino Mohamed Larbi Zitout, una delle figure di spicco del movimento antigovernativo Rachad.

Il 21 agosto, Abdellah è stato estradato in Algeria, dove è attualmente detenuto, presumibilmente tenuto in isolamento in una cella a tre piani sottoterra. La sua famiglia ha detto che i suoi avvocati nominati dallo stato si sono ritirati dal caso.

“Lo Stato algerino spera che utilizzando la carta ‘terrorismo’ possa giustificare la deportazione di Abdellah e di altri attivisti da uno Stato ‘democratico’ come la Spagna, dove avrebbero dovuto essere preoccupati per il potenziale trattamento di Abdellah per mano delle autorità una volta rientrato in Algeria”, ha detto Yasmina Allouche, giornalista e ricercatrice politica algerina.

‘Molto inusuale’

Gli attivisti hanno anche espresso preoccupazione per la gestione spagnola dell’estradizione di Abdellah, sostenendo che gli sono state negate le tutele legali consentite come richiedente asilo politico. Inoltre, il suo team legale sostiene che il caso è stato gestito in modo dubbio e influenzato da interessi extra-legali.

“Crediamo che il caso di Abdellah sia chiaramente un’espulsione politica”, ha detto ad Al Jazeera un rappresentante del suo team legale spagnolo, che è stato assunto dalla sua famiglia.

“Tecnicamente non si tratta di un’estradizione ma di un’espulsione, nel senso che viene processata attraverso il ramo amministrativo della legge, che non ha le stesse garanzie legali del ramo penale”, ha detto l’avvocato, che ha chiesto di rimanere anonimo.

Il team legale ha messo in dubbio l’interpretazione delle autorità spagnole del diritto internazionale sui rifugiati e ha evidenziato il fatto che ad Abdellah non è stato offerto un periodo di partenza volontaria, né è stata data l’opportunità di invocare il suo diritto al non ritorno come rifugiato politico, che i suoi rappresentanti legali hanno descritto come “molto insolito”.

“Abdellah non ha precedenti penali in Spagna e il rapporto della polizia è vago e molto generico. È evidente che l’espulsione si basa su ciò che ha detto l’Algeria”, ha aggiunto il suo rappresentante legale.

Al Jazeera ha contattato sia le autorità algerine che quelle spagnole per un commento, ma non è stata ricevuta alcuna risposta.

autoritarismo algerino

Sono stati inoltre sollevati dubbi sulla validità delle accuse dello stato algerino contro attivisti politici e membri di gruppi di opposizione, con Amnesty International che le ha etichettate come “false accuse di terrorismo” utilizzate per limitare il dissenso.

“C’è ovviamente l’intenzione delle autorità algerine di coprire la loro cattiva gestione degli affari di stato. Ciò che preoccupa è anche il fatto che con l’avvicinarsi delle elezioni stiamo entrando in questo ambiente in cui qualsiasi opposizione, per quanto pacifica possa sembrare, sarebbe considerata un’interruzione dell’ordine pubblico”, ha affermato Zine Ghebouli, analista politico algerino.

Il governo algerino ha affrontato forti critiche negli ultimi anni per la sua risposta a movimenti di opposizione come Hirak e Rachad. Quest’ultima è stata classificata come organizzazione terroristica dal governo nel maggio di quest’anno.

Con l’escalation dello slancio di Hirak, anche la repressione del governo sui manifestanti è aumentata. Ciò ha portato all’arresto e alla repressione di centinaia di membri di Hirak e critici del governo, con l’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite che ha condannato il “deterioramento della situazione dei diritti umani … e la continua e crescente repressione dei membri del movimento democratico Hirak”.

“Manifestanti, giornalisti, attivisti e cittadini comuni sono stati arbitrariamente arrestati e condannati ingiustamente per aver esercitato pacificamente il loro diritto alla libertà di espressione”, ha detto ad Al Jazeera Hassina Oussedik, capo di Amnesty in Algeria.

“Quest’anno, le autorità hanno utilizzato interpretazioni vaghe del codice penale e accuse legate al terrorismo formulate in modo approssimativo per perseguire questi individui”.

Sono state sollevate anche domande sulla decisione del governo di classificare Rachad come gruppo terroristico.

“Non vedrei un motivo particolare per classificarli come un’organizzazione terroristica, ma in Algeria c’è consenso sul fatto che chiunque sia associato al movimento Rachad verrà arrestato e se è all’estero verrà estradato”, ha detto Ghebouli. .

Divisione all’interno

Tuttavia, il movimento Rachad è diventato sempre più divisivo tra l’opposizione algerina.

Sono emerse preoccupazioni per i legami del gruppo con il Fronte islamico di salvezza (FIS), un ex partito politico che è stato pesantemente coinvolto nel turbolento decennio nero in Algeria, che ha provocato circa 200.000 morti.

“Rachad è stato accusato di essere un’altra versione di FIS con possibili tendenze violente, che pochi algerini hanno lo stomaco per dopo il decennio nero. Tuttavia, questi sentimenti sono manipolati dal regime per dissuadere il dissenso”, ha detto Allouche.

Tuttavia, lo stretto rapporto di Abdellah con la leadership di Rachad ha fornito al governo la scusa per perseguitarlo, estradarlo e detenerlo.

“A questo punto è una linea molto sfocata. L’intera situazione è molto ambigua perché non abbiamo accesso ai dossier completi di tutti. È difficile valutare se tutti gli arrestati siano veramente attivisti o terroristi. Tuttavia, ci sono vittime di questa retorica della cartolarizzazione, e quando si tratta di attivisti all’estero, il caso di Mohamed Abdellah serve da esempio. Era vicino al movimento Rachad, ed è per questo che è stato estradato in Algeria”, ha detto Ghebouli.

Nonostante la presenza di un forte movimento di opposizione come Hirak e di dissidenti pubblici come Abdellah, le prospettive restano fosche per chi in Algeria si esprime contro il governo.

“Le autorità algerine cambieranno il loro comportamento solo quando lo desiderano e hanno interesse a farlo – e finora non lo fanno. Quindi almeno fino alle elezioni, vedremo lo stesso comportamento, le persone che protestano saranno gettate in prigione”, ha detto Ghebouli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here