I razzi russi distruggono l’aeroporto nella città ucraina di Dnipro

0
29

I rapporti dicono che l’aeroporto nella città dell’Ucraina centrale è stato completamente distrutto dall’attacco russo.

Il fumo sale domenica dall’aeroporto nella città di Dnipro, in Ucraina [Ronaldo Schemidt/AFP]

Missili russi hanno distrutto un aeroporto nella città ucraina di Dnipro e cinque soccorritori sono rimasti feriti nell’attacco.

“C’è stato un altro attacco all’aeroporto di Dnipro. Non ne è rimasto nulla”, ha detto domenica Valentyn Reznichenko, governatore della regione centrale di Dnipropetrovsk.

“L’aeroporto stesso e le infrastrutture che lo circondano sono stati distrutti. I razzi continuano a volare e volare”, ha detto Reznichenko su Telegram.

Un missile ha colpito anche un edificio nel distretto cittadino di Pavlohrad e gli operatori di emergenza stavano setacciando una struttura infrastrutturale che è stata colpita nella città di Zvonetsky.

Reznichenko ha detto che gli attacchi alla città di Dnipro, che si trova sulle rive del fiume Dnepr, si sono intensificati domenica.

La città industriale di un milione di persone è stata presa di mira dalle forze russe dall’invasione, ma finora è stata risparmiata una grande distruzione.

Separatamente, il capo del consiglio della regione di Dnipro, Mykola Lukashuk, afferma che cinque membri dello staff del servizio di emergenza statale sono stati feriti dallo sciopero all’aeroporto.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che i missili lanciati durante la notte avevano distrutto una base militare ucraina a Zvonetsky che aveva recentemente “ricevuto rinforzi da mercenari stranieri”.

Domenica, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha twittato di aver discusso di possibili sanzioni aggiuntive alla Russia in una telefonata con il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Zelenskyy ha chiesto un embargo sulle importazioni di gas e petrolio dalla Russia, ma la Germania finora ha resistito alle pressioni per dichiarare un embargo.

Scholz ha affermato venerdì che la Germania potrebbe porre fine alle importazioni di petrolio russe quest’anno, ma fermare le importazioni di gas sarebbe più difficile perché il paese avrebbe bisogno di costruire infrastrutture per importare gas da fonti alternative.

Il petrolio russo rappresenta il 25% delle importazioni tedesche, in calo rispetto al 35% prima dell’invasione del 24 febbraio. Le importazioni di gas in Germania dalla Russia sono state ridotte al 40% dal 55% e le importazioni di carbon fossile al 25% dal 50%.