spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoI leader del G7 danno prova di unità, ma sembrano fragili in...

    I leader del G7 danno prova di unità, ma sembrano fragili in patria

    -

    Il Gruppo ha adottato linee forti nel confronto con Russia e Cina, ma la sua rilevanza nel mondo di oggi è in declino?

    Papa Francesco posa con i capi di Stato del G7 e i delegati dei paesi di sensibilizzazione nel secondo giorno del 50° vertice del G7 a Borgo Egnazia il 14 giugno 2024 [Antonio Masiello/Getty Images]

    Fasano, Italia – Il vertice del G7 di quest’anno portava le caratteristiche di un club fragile, ma che riesce comunque a combattere bene quando si tratta di proteggere gli interessi occidentali.

    Sabato, i leader di quelli che un tempo erano i paesi più ricchi del mondo hanno concluso il vertice di tre giorni del G7 a Borgo Egnazia, un resort di lusso immerso tra le colline della regione meridionale italiana della Puglia. Ma l’autorità del gruppo nella politica globale è stata messa in ombra dai problemi interni per la maggior parte dei suoi membri.

    Il partito del presidente francese Emmanuel Macron ha subito un tale duro colpo alle elezioni del Parlamento europeo della scorsa settimana da indire elezioni anticipate. In Germania, anche il Partito socialdemocratico del Cancelliere Olaf Scholtz ha sofferto le elezioni europee al punto che i critici lo hanno invitato a seguire l’esempio di Macron. Il primo ministro del Regno Unito Rishi Sunak si sta già recando alle urne all’inizio di luglio per un’elezione che secondo molti vedrà la fine del suo governo, con una vittoria schiacciante per il partito di opposizione laburista, mentre l’indice di gradimento del primo ministro canadese Justin Trudeau è crollato. ad un triste 38%. E in Giappone, il partito del primo ministro Fumio Kishida è impantanato in preda a una crisi politica dallo scorso anno e alcuni lo hanno etichettato come il premier più impopolare del Giappone dal 1947.

    Soprattutto, lo spettro delle elezioni presidenziali americane di novembre incombe su questo vertice del G7, con la prospettiva di un ritorno alla ribalta per Donald Trump, un ex presidente apertamente scettico nei confronti degli accordi multilaterali di Washington.

    G7
    Il premier britannico Rishi Sunak e il primo ministro giapponese Fumio Kishida sono tra i leader del G7 alle prese con una profonda impopolarità in patria [Valeria Ferraro/Anadolu via Getty Images]

    Nonostante le sfide interne affrontate dai leader del G7, tuttavia, il gruppo è comunque riuscito a mettere insieme un forte messaggio di unità quando si è trattato di affrontare le minacce che secondo loro minano la stabilità occidentale. La cosa più significativa è stata l’annuncio di giovedì che attingerà ai beni russi congelati per concedere un prestito di 50 miliardi di dollari all’Ucraina per sostenere i suoi sforzi nella continua guerra con la Russia.

    “Il G7 proiettava un’immagine di debolezza e di mancanza di autorità politica”, ha affermato Ettore Greco, vicedirettore dell’Istituto Affari Internazionali. “Ma si sono comportati molto bene su dossier importanti come Ucraina, Gaza e Cina, cosa che segnala una chiara convergenza tra loro e invia un messaggio di unità”.

    L’obiettivo numero uno era il presidente russo Vladimir Putin. Oltre al prestito di 50 miliardi di dollari all’Ucraina, un giorno prima dell’inizio del vertice del G7, gli Stati Uniti hanno annunciato una nuova e robusta serie di sanzioni contro entità e individui russi. A margine dell’evento, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy hanno firmato uno storico patto di sicurezza decennale, mentre un accordo simile è stato firmato tra Ucraina e Giappone.

    La spinosa questione di come affrontare la crescente concorrenza economica globale da parte della Cina ha anche visto gli alleati europei avvicinarsi agli Stati Uniti, che tradizionalmente hanno adottato una linea più conflittuale nei confronti di Pechino rispetto a loro. Con una mossa senza precedenti questa settimana, l’Unione Europea ha colpito la Cina con tariffe fino a quasi il 50% sui veicoli elettrici cinesi, segnando un grande cambiamento nella sua politica commerciale. Gli Stati Uniti hanno fatto lo stesso a maggio.

    Dimostrando la loro unità su questo tema, i leader del G7 hanno espresso preoccupazione per “i persistenti obiettivi industriali della Cina e le politiche e pratiche globali non di mercato che stanno portando a ricadute globali, distorsioni del mercato e dannosa sovraccapacità in una gamma crescente di settori, minando i nostri lavoratori, industrie, resilienza e sicurezza economica” nella dichiarazione finale rilasciata da tutti i governi del G7 al termine del vertice.

    Un tema su cui il G7 sembra meno unito è quello dell’aborto. Nel comunicato finale di quest’anno è assente la parola “aborto” – una probabile vittoria per il partito di estrema destra della Meloni che si oppone ad esso. Al contrario, la dichiarazione finale del vertice dello scorso anno in Giappone richiedeva specificamente “l’accesso all’aborto sicuro e legale”. Quest’anno, la dichiarazione conclusiva menziona solo “salute e diritti sessuali e riproduttivi completi per tutti”.

    protesta
    La guerra a Gaza rimane il simbolo dell’opposizione che i leader occidentali si trovano ad affrontare da altre parti del mondo. I manifestanti tengono cartelli durante una manifestazione contro il vertice del G7 a Fasano, in Italia [Krisztian Elek/SOPA Images/LightRocket via Getty Images]

    Perdere la patina “elitaria”.

    E, sebbene il club sia riuscito a riunirsi su preoccupazioni condivise, era meno ovvio se fosse riuscito a perdere la sua immagine elitaria e diventare più inclusivo nei confronti di altri paesi – in particolare quelli del Sud del mondo – uno degli obiettivi chiave dichiarati di questo vertice dell’anno.

    Ospitando il vertice, il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha invitato un gran numero di ospiti tra cui i capi di stato di India, Turchia, Brasile ed Emirati Arabi Uniti. Anche Papa Francesco ha fatto la sua apparizione: la prima volta per un pontefice. In parte, questi inviti riflettono le ambizioni politiche della Meloni in Africa e nel Mediterraneo, ma sono stati pensati anche per ampliare il raggio d’azione del club, spesso accusato di essere troppo occidentale ed esclusivo.

    Nella mente di Meloni, così come in quella degli altri membri del G7, c’è la consapevolezza che il gruppo non può affrontare i problemi mondiali o affrontare le minacce provenienti da Cina e Russia semplicemente parlando tra loro.

    La domanda, tuttavia, rimane; quanto è attraente oggigiorno il G7 per gli outsider? Le domande sulla legittimità del gruppo non sono nuove. Il G7 rappresentava il 70% del prodotto interno lordo (PIL) globale – una cifra che oggi si è ridotta a soli 40 – mentre rappresentava un decimo della popolazione mondiale. A dimostrazione che le dinamiche del potere globale stanno cambiando radicalmente, altri gruppi globali stanno crescendo. I paesi BRICS – che includono India, Russia e Cina – hanno raddoppiato il numero dei membri, passando da cinque a 10 a gennaio di quest’anno.

    Inoltre, le politiche protezionistiche e le sanzioni – due elementi chiave che hanno significato l’unità tra i membri del G7 in questo vertice – sono una fonte primaria di dolore per gli altri.

    “Uno dei motivi per cui molti paesi stanno a guardare invece di agire è perché molte di queste nazioni occidentali stanno intraprendendo azioni che danneggiano le loro economie”, ha affermato Fredrik Erixon, economista e direttore del Centro europeo per l’economia politica internazionale. “Nessuno di questi leader occidentali ha la capacità di dire ‘Vogliamo aprire la nostra economia con loro’ e questo rende difficile per altri paesi sostenere gli obiettivi geopolitici occidentali”.

    La guerra a Gaza ha aggravato il divario. Le nazioni occidentali sono state accusate di doppi standard nel loro incrollabile sostegno all’Ucraina, rispetto alla loro posizione molto più morbida sulla condotta di Israele nella Striscia assediata dove più di 37.000 palestinesi sono stati uccisi in otto mesi.

    Nella sua dichiarazione finale, il G7 si è schierato a sostegno del piano di cessate il fuoco delineato da Biden, sottolineando ancora una volta il sostegno del gruppo ad una soluzione a due Stati, compreso il riconoscimento di uno Stato palestinese “al momento opportuno”.

    La dichiarazione afferma che Israele “deve rispettare i suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale” e “astenersi dal” lanciare un’offensiva nella città di Rafah, nel sud di Gaza. Tuttavia, ha evitato di condannare Israele per la sua condotta durante questa guerra, che è attualmente oggetto di indagine da parte della Corte Internazionale di Giustizia – la più alta corte del mondo – in un caso di genocidio intentato dal Sud Africa contro Israele. Ci sono state segnalazioni secondo cui Canada e Francia hanno spinto per un linguaggio più forte sulle azioni di Israele a Gaza, ma gli Stati Uniti e la Germania si sono opposti.

    “Per molti paesi in tutto il mondo, l’incapacità del G7 di adottare una posizione più forte sulla guerra a Gaza rappresenta l’esempio più lampante della doppiezza dell’Occidente”, ha affermato Rafael Loss, esperto di sicurezza dell’UE presso il Consiglio europeo per le relazioni estere.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts