‘Ho visto un doppio standard. Il mondo ha aiutato gli ucraini. Nessuno ci ha aiutato”

0
20

L’Ucraina ha sostenuto Israele durante l’ultimo conflitto, sconvolgendo i palestinesi mentre la guerra devasta Gaza.

L'artista di strada Nathan Murdoch crea un'opera d'arte a sostegno dell'Ucraina e della Palestina, a Peterborough, Gran Bretagna, il 15 marzo 2022. REUTERS/Andrew Couldridge IMMAGINI TPX DEL GIORNO
L’artista di strada Nathan Murdoch crea un murale a sostegno dell’Ucraina e della Palestina a Peterborough, nel Regno Unito [File: Andrew Couldridge/Reuters]

I nomi contrassegnati con un asterisco* sono stati modificati per proteggere le identità.

Quando la Russia ha lanciato una guerra su vasta scala contro l’Ucraina il 24 febbraio 2022, Amer Aroggi, un giornalista trentenne residente nella Striscia di Gaza, si è sentito obbligato a riferire sul conflitto europeo.

Avendo vissuto l’occupazione israeliana, sentiva di potersi immedesimare nella difficile situazione degli ucraini.

Il trasferimento è avvenuto senza intoppi, soprattutto perché suo fratello maggiore viveva in Ucraina da molti anni. Aroggi si è rapidamente assicurato un nuovo ruolo come corrispondente per un importante canale di notizie.

Meno di due anni dopo, nella sua terra natale scoppiò nuovamente la guerra con l’ultima escalation del conflitto israelo-palestinese.

Per alcuni osservatori, c’erano parallelismi tra Russia e Israele e Ucraina e palestinesi.

Ma in una risposta rapida e inequivocabile allo scoppio della guerra a Gaza, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha offerto il suo sostegno a Israele, come a gran parte della popolazione ucraina e a quasi tutti i leader occidentali.

“Ho visto un doppio standard. … Il mondo ha aiutato gli ucraini e nessuno ha aiutato noi. Nessuno mi ha nemmeno aiutato a evacuare mia madre e mia sorella da Gaza”, ha detto Aroggi ad Al Jazeera.

Gli ucraini sono stati “vittime di una massiccia propaganda” durante le prime fasi della guerra, motivo per cui hanno spesso sostenuto il bombardamento israeliano di Gaza, secondo Aroggi.

Ha detto che vorrebbe andarsene ma non può farlo perché ha un passaporto palestinese.

Trascorre le sue giornate incollato alla TV, temendo per la sua famiglia a Gaza.

“Mia madre mi chiede: ‘Stai bene? C’è un bombardamento russo?’ Le dico: ‘Stai bene? C’è un bombardamento israeliano?’”

L’ultima escalation del conflitto israelo-palestinese è iniziata il 7 ottobre, quando Hamas ha attaccato il sud di Israele, uccidendo 1.139 persone e innescando una risposta violenta.

A questo punto della guerra, almeno 24.762 palestinesi sarebbero stati uccisi dalle forze israeliane a Gaza. Mentre Israele ha dichiarato di voler spazzare via Hamas, che governa l’enclave assediata, il bilancio in termini di civili e la sua condotta sono stati pesantemente criticati.

La first lady ucraina Olena Zelenska ha dichiarato il 7 ottobre che gli ucraini comprendono e “condividono il dolore” del popolo israeliano mentre i cartelloni pubblicitari in tutta Kiev illuminavano la capitale con le bandiere israeliane.

Israele Palestina
Zelenskyj parla al telefono con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Kiev, Ucraina, l’8 ottobre 2023 [Ukrainian Presidential Press Service/Handout via Reuters]

Hashem*, un professionista medico di Gaza trasferitosi in Ucraina nove anni fa, è rimasto risoluto nella sua fedeltà alla sua casa adottiva quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

Tuttavia, la reazione ucraina all’offensiva israeliana a Gaza lo ha lasciato alle prese con emozioni contrastanti nei primi mesi di guerra, soprattutto perché “l’Ucraina soffre l’occupazione come la Palestina”, ha detto.

La narrativa prevalente nei media nazionali è a favore di Israele e influenza il sentimento pubblico, ha affermato.

Anche Hashem ha sofferto personalmente. Ha detto di aver ricevuto minacce e messaggi discriminatori pieni di odio da parte di persone che avevano appreso che era originario di Gaza ma residente in Ucraina. Nonostante ciò, ha intenzione di rimanere in Ucraina.

Un cambiamento di opinione?

A più di tre mesi dall’inizio della guerra in Medio Oriente, Hashem e Aroggi affermano di aver assistito ad alcuni cambiamenti nell’opinione pubblica.

Il flusso costante di immagini di morte e distruzione a Gaza ha avuto un impatto tale da portare alcuni ucraini a iniziare a criticare apertamente la posizione del loro governo.

A novembre, più di 300 studiosi, attivisti e artisti ucraini hanno espresso la loro solidarietà ai palestinesi in una lettera aperta.

La lettera sottolineava il diritto dei palestinesi all’autodeterminazione e alla resistenza contro l’occupazione israeliana, tracciando paralleli con la resistenza degli ucraini all’invasione russa.

Hashem ha detto che alcuni ucraini sono arrivati ​​a considerare la “narrativa israeliana” come “falsa e ingiusta” e lui “ha iniziato a sentire sostegno morale” per se stesso e per il popolo palestinese.

A suo avviso, la crescente pressione da parte dei segmenti filo-palestinesi della società ha costretto alla fine un graduale cambiamento nella posizione del governo ucraino.

Ha sottolineato il sostegno dell’Ucraina ad una risoluzione delle Nazioni Unite del 12 novembre, che sollecita la Corte internazionale di giustizia (ICJ) a fornire un parere sulle conseguenze legali dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi.

Tuttavia, l’Ucraina ha scelto di astenersi dal votare una recente risoluzione che sostiene un cessate il fuoco umanitario nella Gaza devastata dalla guerra.

Palestina Ucraina
Una macelleria gestita da palestinesi in via Dehtiarivska a Kiev, Ucraina. L’area ospita una delle moschee di Kiev ed è un punto focale della comunità musulmana della città [File: Nils Adler/Al Jazeera]

Yuliia Kishchuk, una ricercatrice che ha firmato la lettera aperta, ha detto ad Al Jazeera che Israele gode di un sostegno significativo da parte dei politici liberali ucraini che vedono Israele come una nazione democratica e progressista.

“Israele è descritto dai media ucraini come uno stato molto democratico che si difende dall’autocrazia di altri paesi del Medio Oriente”, ha detto, aggiungendo che, cosa fondamentale, “non c’è la Palestina in questa narrazione”.

Kishchuk ha detto che il livello di conoscenza della Palestina, della sua storia e dell’attuale occupazione israeliana ha cominciato ad aumentare.

Importanti opinion maker e intellettuali ucraini specializzati in Medio Oriente hanno guadagnato terreno sui media, fornendo un contesto sul sostegno storico dell’Ucraina alla Palestina. Kiev aveva precedentemente sostenuto con coerenza le risoluzioni delle Nazioni Unite che denunciavano l’occupazione israeliana dei territori palestinesi.

Nel frattempo, le immagini che descrivono gli “orrori” del bombardamento israeliano di Gaza hanno creato un senso di empatia tra gli ucraini che ora non sono in grado di ignorare il parallelismo con le proprie esperienze di guerra, ha detto.

Kishchuk è stato sostenuto anche da un cambiamento di tono tra i funzionari governativi negli ultimi mesi.

A dicembre, con una sorta di svolta, Zelenskyj ha affermato che l’Ucraina riconosce l’indipendenza sia del popolo israeliano che di quello palestinese.

Una bandiera israeliana sventola accanto a una bandiera ucraina, a sostegno di Israele, nel conflitto in corso tra Israele e il gruppo islamista palestinese Hamas e nel mezzo dell'attacco della Russia all'Ucraina, nel centro di Kiev, Ucraina, il 14 ottobre 2023. REUTERS/Gleb Garanich
Una bandiera israeliana sventola accanto a una bandiera ucraina nel centro di Kiev, in Ucraina, il 14 ottobre 2023, una settimana dopo l’inizio della guerra a Gaza [Gleb Garanich/Reuters]