Henry Kissinger: 10 conflitti, paesi che definiscono un’eredità macchiata di sangue

0
42

Il maestro della fredda realpolitik ha lasciato un’eredità di distruzione che continua a diffondersi in tutto il mondo.

L'ex Segretario di Stato Dr. Henry Kissinger, parla al Forum sulla leadership 2019 del George W. Bush Presidential Center a Dallas, Texas, USA, l'11 aprile 2019. REUTERS/Jaime R. Carrero
L’ex segretario di Stato americano Henry Kissinger parla al Forum sulla leadership 2019 del George W Bush Presidential Center a Dallas, Texas, l’11 aprile 2019 [File: Jaime R Carrero/Reuters]

Per alcuni, era un titano della politica estera, il sopravvissuto all’Olocausto che ha costruito una brillante carriera come massimo diplomatico degli Stati Uniti e consigliere per la sicurezza nazionale durante le amministrazioni dei presidenti Richard Nixon e Gerald Ford, lasciando un segno duraturo nella storia.

Ma per altri, Henry Kissinger era un criminale di guerra, il cui brutale esercizio della realpolitik ha lasciato una scia di sangue in tutto il mondo – circa 3 milioni di corpi in luoghi remoti, dall’Argentina a Timor Est.

Come scrisse una volta il defunto autore e giornalista britannico Christopher Hitchens: “Ogni persona perbene dovrebbe chiudere la porta in faccia a Henry Kissinger e dovrebbe essere svergognato, ostracizzato ed escluso”.

Ecco 10 nazioni, regioni e conflitti in cui Kissinger è intervenuto, lasciando un’eredità spesso macchiata di sangue che in molti casi sopravvive ancora.

Vietnam

Kissinger vinse un premio Nobel per la pace per aver negoziato un cessate il fuoco in Vietnam nel 1973. Ma quella guerra avrebbe potuto in realtà finire quattro anni prima se non avesse consentito al piano di Nixon di “strappare” i negoziati di pace del presidente Lyndon B. Johnson. Nel 1969 Nixon fu eletto presidente e Kissinger fu promosso al ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale. La guerra prolungata costò la vita a milioni di vietnamiti, cambogiani e laotiani.

Cambogia

L’espansione della guerra voluta da Kissinger creò le premesse per il governo genocida dei Khmer rossi in Cambogia, che presero il potere da un regime militare sostenuto dagli Stati Uniti e uccisero un quinto della popolazione – due milioni di persone. I cambogiani erano stati spinti nelle mani del movimento comunista dalla campagna di bombardamenti a tappeto di Kissinger e Nixon, che uccise centinaia di migliaia di persone. Ad oggi, le persone continuano a morire a causa degli ordigni statunitensi inesplosi.

Bangladesh

Nel 1970, i nazionalisti bengalesi in quello che allora era conosciuto come Pakistan orientale vinsero le elezioni. Temendo una perdita di controllo, il governo militare del Pakistan occidentale ha lanciato una repressione omicida. Kissinger e Nixon sostennero fermamente il massacro, scegliendo di non avvertire i generali di trattenersi. Motivato dall’utilità del Pakistan come contrappeso alla Cina e all’India filosovietica, Kissinger rimase indifferente all’uccisione di un numero compreso tra 300.000 e tre milioni di persone. Catturato in una registrazione segreta, ha espresso disprezzo per le persone che “sanguinano” per “i bengalesi morenti”.

Chile

Nixon e Kissinger disapprovavano Salvador Allende, un autoproclamato marxista, che fu eletto democraticamente presidente del Cile nel 1970. Nei tre anni successivi investono milioni di dollari per fomentare un colpo di stato. L’allora capo della CIA William Colby disse in un’udienza segreta del 1974 alla sottocommissione speciale sull’intelligence delle forze armate della Camera dei rappresentanti che il governo degli Stati Uniti aveva speso 11 milioni di dollari per “destabilizzare” il governo di Allende. Ciò includeva 1,5 milioni di dollari che la CIA incanalò nel quotidiano di Santiago El Mercurio, che si opponeva ad Allende. Gli agenti della CIA stabilirono anche legami con l’esercito cileno. Nel 1973, il generale Augusto Pinochet salì al potere con un colpo di stato militare. Durante i suoi 17 anni di governo, più di 3.000 persone furono scomparse o uccise e decine di migliaia di oppositori furono imprigionati. Come disse Kissinger a Nixon: “Non l’abbiamo fatto. Voglio dire, li abbiamo aiutati. Più di tre decenni dopo che Pinochet è stato definitivamente costretto a lasciare l’incarico, il Cile è ancora alle prese con l’eredità dell’ex dittatore, favorita dagli Stati Uniti.

Cipro

Patria di popolazioni greche e turche, Cipro è stata teatro di violenze etniche nel corso degli anni ’60. Nel 1974, dopo un colpo di stato da parte del governo militare al potere in Grecia, le truppe turche arrivarono sul posto. Kissinger incoraggiò di fatto una crisi tra i due alleati della NATO, consigliando al neo-insediato presidente Ford di placare la Turchia. “La tattica turca è giusta: prendere quello che vogliono e poi negoziare sulla base del possesso”, avrebbe detto. Insieme, il colpo di stato greco e l’invasione turca provocarono migliaia di vittime.

Timor Est

Nel 1975, Kissinger diede il via libera al presidente Suharto all’invasione indonesiana di Timor Est, un’ex colonia portoghese che si avviava verso l’indipendenza. Durante una visita a Giakarta, Kissinger e Ford raccontarono a Suharto, dittatore brutale e stretto alleato nella battaglia contro il comunismo, di aver compreso le sue ragioni, consigliandogli di farla finita in fretta. Il giorno successivo, Suharto arrivò con il suo esercito equipaggiato dagli Stati Uniti, uccidendo 200.000 timoresi orientali.

Israele

Quando scoppiò la Guerra dell’Ottobre del 1973, quando una coalizione di nazioni arabe guidate da Egitto e Siria attaccò Israele, Kissinger guidò la risposta dell’amministrazione Nixon. Si è opposto ai tentativi del Pentagono di ritardare la spedizione di armi a Israele, lanciando armi che hanno aiutato l’esercito israeliano a invertire le perdite iniziali e a raggiungere un raggio di 100 km (62 miglia) dal Cairo. Seguì un cessate il fuoco. Alla sua diplomazia di spola tra l’Egitto, le altre nazioni arabe e Israele viene spesso riconosciuto il merito di aver aperto la strada alla firma degli accordi di Camp David nel 1978. A quel punto Kissinger era fuori carica, ma nel 1981 spiegò che nel cuore della la sua diplomazia in Medio Oriente era un semplice obiettivo politico: “isolare i palestinesi” dai loro vicini e amici arabi.

Argentina

Non più in carica dopo che Jimmy Carter succedette a Ford come presidente nel 1976, Kissinger continuò a sostenere l’omicidio, dando il suo sigillo di approvazione all’esercito argentino neofascista, che aveva rovesciato il governo della presidente Isabel Peron quello stesso anno. Il governo militare ha condotto una sporca guerra contro la sinistra, etichettando i dissidenti come “terroristi”. Durante una visita in Argentina nel 1978, Kissinger adulava il dittatore Jorge Rafael Videla, lodandolo per i suoi sforzi nella lotta al “terrorismo”. Videla avrebbe supervisionato la scomparsa di un massimo di 30.000 oppositori. Durante il regime militare, che durò fino al 1983, morirono circa 10.000 persone.

Africa meridionale

Durante la maggior parte del suo tempo nelle amministrazioni Nixon e Ford, Kissinger non sembrò aver prestato molta attenzione all’Africa. Ma nel 1976, mentre il suo mandato volgeva al termine, visitò il Sud Africa, conferendo legittimità politica al governo dell’apartheid poco dopo la rivolta di Soweto, che vide scolari neri e altri uccisi dalla polizia. Sebbene abbia costretto il primo ministro rhodesiano Ian Smith ad accettare il governo della maggioranza nera, si è avvicinato al governo dell’apartheid del Sud Africa nel suo sostegno ai ribelli dell’Unita che combattono il Movimento popolare marxista-leninista per la liberazione dell’Angola. Quella guerra durò 27 anni, una delle più lunghe e brutali del secolo scorso.

Cina

Kissinger è spesso elogiato per aver mediato la distensione tra Stati Uniti e Cina. Dopo una prima visita a Pechino nel 1972, contribuì a ristabilire i rapporti diplomatici nel 1979. Il presidente cinese Xi Jinping lo ha descritto come un “vecchio amico”. Tuttavia, i manifestanti accampati in piazza Tiananmen nel 1989 lo ricordano con meno affetto. All’indomani del massacro – che uccise tra diverse centinaia e diverse migliaia di persone – fece intravedere la fredda e dura realpolitik che caratterizzò il suo approccio alla diplomazia. La repressione, ha detto, era “inevitabile”. “Nessun governo al mondo avrebbe tollerato che la piazza principale della sua capitale fosse occupata per otto settimane da decine di migliaia di manifestanti”, ha affermato. La Cina, ha detto, aveva bisogno degli Stati Uniti, e gli Stati Uniti avevano bisogno della Cina.