Guerra in Ucraina: cosa significherebbe una “rottura” nelle relazioni USA-Russia?

0
37

I legami USA-Russia hanno raggiunto un nuovo minimo nel mezzo della guerra in Ucraina e gli esperti affermano che ciò potrebbe avere un grave effetto a catena.

I recenti commenti del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in cui denunciava il presidente russo Vladimir Putin hanno spinto Mosca ad avvertire che i legami potrebbero presto “rompersi” [File: White House/Handout via Reuters]

Washington DC – Il recente commento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden secondo cui il presidente russo Vladimir Putin “non può rimanere al potere” è solo l’ultimo esempio di quanto le relazioni tra Stati Uniti e Russia siano cadute a causa della continua invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Mentre i funzionari della Casa Bianca e il Segretario di Stato Antony Blinken si sono rapidamente mossi per chiarire che gli Stati Uniti non stanno sostenendo un “cambio di regime” in Russia, Biden ha anche recentemente definito Putin un “macellaio” e un “criminale di guerra”, spingendo il Cremlino ad avvertire che i rapporti bilaterali si stavano avvicinando alla “rottura”.

Se ciò dovesse accadere, gli analisti affermano che le ramificazioni potrebbero estendersi ben al di là di qualsiasi potenziale cessate il fuoco o negoziati di pace in Ucraina verso altre aree della diplomazia USA-Russia, incluso in particolare i colloqui sul nucleare iraniano.

Daryl Kimball, direttore esecutivo della Arms Control Association, un gruppo di difesa con sede a Washington, ha affermato che se Mosca accetterà un accordo – dato quella che ora vede come una guerra per procura con Washington in Ucraina – è incerto.

“Ora siamo in una situazione in cui le relazioni sono al ribasso”, ha detto Kimball ad Al Jazeera. “La Russia potrebbe cercare di bloccare un’intesa che riporti Stati Uniti e Iran alla conformità”.

L’accordo originale del 2015 con l’Iran – formalmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (PACG) – è stato concordato tra l’Iran e i cosiddetti paesi P5+1: Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Russia e Cina, oltre alla Germania.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato dall’accordo nel 2018 per perseguire una strategia di “massima pressione” contro l’Iran, che a sua volta ha intensificato il suo programma nucleare oltre i limiti fissati dal patto.

Molteplici tornate di negoziati USA-Iran a Vienna volti a rilanciare l’accordo sono state indirette, basandosi su intermediari. Se un nuovo accordo deve essere convalidato dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, potrebbe essere necessaria l’acquiescenza della Russia e i continui ritardi potrebbero rivelarsi fatali per un accordo, ha affermato Kimball.

“I colloqui sono in una fase critica”, ha detto. “Più a lungo si trascinerà, più è probabile che qualche altro evento esterno farà esplodere la possibilità di ottemperare al JCPOA”.

“Tutto dipende dall’Ucraina”

Nel frattempo, la Russia sta affrontando una serie di pesanti sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati europei per l’invasione in corso dell’Ucraina, giunta al suo secondo mese.

Il conflitto ha spinto oltre 3,8 milioni di persone a fuggire dal paese e ha portato a oltre 1.100 morti tra i civili confermati, secondo le Nazioni Unite, anche se si ritiene che il bilancio delle vittime reale sia molto più alto.

I colloqui faccia a faccia tra i negoziatori ucraini e russi riprenderanno in Turchia questa settimana, mentre l’esercito russo sembra concentrare i suoi attacchi nelle province orientali dell’Ucraina, potenzialmente con l’obiettivo di creare una situazione di tipo coreano che vedrebbe il paese diviso.

Oleg Ignatov, analista senior della Russia presso l’International Crisis Group, ha affermato che le relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Russia saranno in gran parte “congelate” finché la guerra in Ucraina continuerà.

“Tutto dipende da cosa succede in Ucraina”, ha detto Ignatov ad Al Jazeera in un’intervista telefonica da Mosca. “La Russia e l’Occidente non recupereranno la loro relazione se la Russia occuperà alcune parti dell’Ucraina, anche se la Russia si fermerà nel Donbas”.

Ha aggiunto: “Non vedo alcuna prova che Putin abbia cambiato la sua posizione sull’Ucraina. Non vedo alcuna prova che potremmo avere la normalizzazione”.

Altri problemi

Gli esperti affermano che ciò significa che anche altre aree di concorrenza e cooperazione tra le due maggiori potenze nucleari del mondo potrebbero essere colpite, tra cui il lavoro presso la Stazione Spaziale Internazionale, la deconflitto militare in Siria e dintorni e la sicurezza nel Nagorno-Karabakh, tra le altre cose.

“Ora tutto è in pericolo e nessuno nel corpo diplomatico di nessuno dei due paesi sa davvero come andranno le cose”, ha affermato Arne Kislenko, professore associato di storia alla Ryerson University di Toronto, in Canada.

La scorsa settimana, il ministero degli Esteri russo ha convocato l’ambasciatore degli Stati Uniti in Russia John Sullivan per rispondere ai commenti che Biden ha fatto ai giornalisti alla Casa Bianca definendo Putin un “criminale di guerra”.

“Tali dichiarazioni del presidente americano, che non sono degne di uno statista di alto rango, hanno messo le relazioni russo-americane sull’orlo della rottura”, ha affermato il ministero.

Lunedì Biden ha cercato di chiarire la sua osservazione a Varsavia secondo cui Putin non dovrebbe rimanere al potere. Ha contestato l’idea che complichi la diplomazia e ha chiarito che non significava che gli Stati Uniti stessero adottando una politica di cambio di regime nei confronti della Russia.

“Stavo esprimendo l’indignazione morale che provo. Non mi scuso per questo”, ha detto Biden. “Ciò che complica la situazione in questo momento sono gli sforzi crescenti di Putin, per continuare a impegnarsi in una carneficina, il tipo di comportamento che fa dire al mondo intero: ‘Mio Dio, cosa sta facendo quest’uomo?'”

Il presidente russo Vladimir Putin ha pronunciato un discorso durante un concerto in occasione dell'ottavo anniversario dell'annessione della Crimea da parte della Russia allo stadio Luzhniki di Mosca.  Lo striscione recita: "Per la Russia".
Il presidente russo Vladimir Putin non ha mostrato segni di cedimento alle sanzioni occidentali o di moderazione della sua posizione sulla guerra in Ucraina [Sputnik/Sergey Guneev/Kremlin via Reuters]

L’amministrazione statunitense continua a esercitare pressioni su Putin e Biden – che ha definito il suo omologo russo un “puro delinquente” e un “dittatore omicida” – ha esortato il presidente russo a vietare la partecipazione al prossimo incontro del Gruppo dei 20 (G20) a Indonesia a novembre.

Per ora, ciò non sembra probabile, dopo che la Cina ha respinto il suggerimento di Biden e la Russia ha detto che Putin ha ancora intenzione di partecipare, ha affermato Rohinton Medhora, presidente del centro di riflessione del Center for International Governance a Waterloo, in Canada.

“Vedo una situazione in cui le relazioni diplomatiche [between Washington and Moscow] sono terminate, ma quel tipo di discussioni multilaterali continuano ancora e il rappresentante russo si presenta”, ha detto Medhora ad Al Jazeera.

Ma, ha detto Medhora, “è difficile immaginare che Biden e la Casa Bianca vogliano avere un dialogo costruttivo con il Cremlino e Putin a questo punto, visto quello che è successo”.