Enoteca Dinners presso Arcadia – San Jose Marriott

0
89

L'invito diceva che ci sarebbe stato cibo e ci sarebbe stato vino. Non sono sicuro di averlo letto molto prima di rispondere che mi piacerebbe partecipare. L'invito era per la prima di una serie di cene da enologo presso il ristorante Arcadia del Marriott nel centro di San Jose.

Non conoscevo Arcadia. Ero stato a una o due funzioni al San Jose Marriott lì all'estremità meridionale di Plaza de César Chávez, ma in qualche modo mi ero perso il fatto che avevano una steakhouse, figuriamoci che avevano un'ottima steakhouse. Il pluripremiato nome dello chef Michael Mina è il nome completo del ristorante: "Arcadia, una moderna steakhouse americana, di Michael Mina".


cocktail

Forse il primo indizio che questa sarebbe stata una serata memorabile sono stati i cocktail prima di cena. Offrivano una scelta di due cocktail affumicati nel menu dei cocktail. Uno era una Sangria estiva affumicata, ma ho ordinato The Garden (menta, cetriolo, succo di limone, fiori di sambuco, nettare di agave e 46 Bourbon di Maker). Era una gustosa bevanda vistosa che è generalmente disponibile al bar quest'estate. È stata anche la prima indicazione che guidare per questo evento è stata una cattiva idea. Questo è un evento che dovresti prenotare insieme a una camera dell'hotel.

Il menu

L'enologo per questa cena inaugurale era Jeff Stewart della Hartford Court. Stewart iniziò la vinificazione in parte perché il suo insegnante di chimica del liceo aveva frequentato U.C. Davis e rimpianse di non aver iniziato la vinificazione. Davis sembrava una buona scelta universitaria per la versione più giovane di Stewart, in parte perché era più vicino alla sua casa vicino a Tahoe e allo sci. Anche un'opportunità di studio all'estero di 16 anni in Francia ha aperto gli occhi sul vino. Mentre gli amici a casa potrebbero aver cercato di sorseggiare un drink perché era alcol, la sua famiglia ospitante francese lo introdusse al vino "come cibo", come una parte importante del pasto.

Lo chef esecutivo locale è Paul Rohadfox che è stato ad Arcadia per 2 anni. Rohadfox apprese il suo mestiere nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti e lo perfezionò al Culinary Institute of America di Hyde Park. I buongustai locali potrebbero conoscerlo per il suo precedente lavoro come chef di cucina all'Hotel Valencia di San Jose.

Il modo in cui funziona una cena da enologo è che l'enologo, in questo caso Stewart, porta avanti una selezione di vini e quindi lo chef e l'equipaggio provano un certo numero di vini e escogitano un menu. Rohadfox ha affermato di aver lavorato sul menu per una settimana, preparando e perfezionando i vari piatti circa 30 volte diverse. Sono sicuro che avesse bisogno di aiuto per assaggiare tutte le varianti, ma per ora non sono chiaro come posso ottenere un lavoro del genere.

Il modo in cui Stewart lo ha descritto è che al momento della raccolta del vino il lavoro dell'enologo è fatto. "Lo chef può realizzare abbinamenti che migliorano il gusto del vino". Lo sappiamo tutti in linea di principio, ma è affascinante vederlo in azione. Per ogni corso, l'enologo introduceva il vino e poi lo chef ci dava qualche idea dietro la scelta dell'abbinamento.

Abbiamo iniziato con un aperitivo e uno champagne francese. Hartford Court non vende attualmente uno spumante anche se abbiamo appreso che uno sta arrivando. Hanno appena sbocciato il loro primo spumante il giorno della cena. Faranno solo 20 casi di questo Chardonnay blanc de blanc del 2007.

Primo piatto – Capesante Hokkaido scottato

Il primo è stato una capesante meravigliosa, che sta dicendo qualcosa da un ragazzo che quasi sempre rifiuta il corso di pesce. Con funghi spugnole, uova di trota al bourbon e un'emulsione di ricci di mare affumicata, c'era molto da fare in questo piatto altrimenti molto semplice. A mia moglie Joan piaceva particolarmente il "pop" che il bourbon dava alle uova di trota.

Il primo corso è stato abbinato a un Pinot Noir Rose 2017 dal vigneto Fog Dance nella Russian River Valley. Stewart ha ammesso che "la ragione per cui produciamo questo vino è che ci piace berlo in cantina". In termini pratici, perdono denaro su ogni bottiglia vendendola come una rosa da $ 30 quando potrebbero venderla come una bottiglia da $ 70 di Pinot. Illustra uno dei motivi per cui ci ha detto che adora lavorare alla Hartford Court.

Secondo piatto – Beignet al tartufo nero

Per me, la parola "beignet" mi fa pensare al Cafe Du Monde di New Orleans e letteralmente mangiare piegato in modo da non avere zucchero a velo su te stesso. Non posso dire di associare di solito un beignet a foie gras, miele e muesli al pistacchio. Era una combinazione di trama interessante e una combinazione di sapori.

Questo corso è stato abbinato a uno Chardonnay del 2014 proveniente dal vigneto Stone Côte che fa parte del noto vigneto Durrell all'interno della fresca Sonoma Coast AVA. Le viti in questo vigneto hanno 24 anni e offrono una maggiore varietà di sapori o "miscele di campi".

Terzo corso – Imperial New York

Questo era un buon pezzo di carne in una grande steakhouse e non trascuriamolo, ma la salsa … oh la salsa. Dopo aver provato la purea di spinaci e l'emulsione di aglio nero ho dovuto concordare con Stewart che mi ha chiesto “Posso avere una pinta di quella salsa da portare a casa? Posso riempire la mia vasca da bagno con quella salsa? ”

Questo corso è stato abbinato a un "vecchio vitigno" Zinfandel 2016 della Russian River Valley. Questo vino è stato il mio preferito in assoluto e l'abbinamento mi ha fatto piacere. Questo è un vino straordinario. Come Stewart ha chiesto, "qualcuno manca Cabernet in questo momento?"

Ultimo corso – Torta con mousse al cioccolato

Il dessert era una torta con mousse al cioccolato che semplifica eccessivamente questa creazione del pasticcere Carlos Gudino che includeva bacche fresche, gel fluido al frutto della passione e gelato al cioccolato. Avevo inviato aggiornamenti sui social media tutta la sera con foto di bevande affumicate, bistecca, vino, ecc. L'immagine del dessert è stata catturata "quanto mi odi ora". La cena è stata, in generale, un tipo di momento "la vita è buona, non è vero". Questo è stato ancora un altro promemoria.

Enoteca Cene all'Arcadia - San Jose Marriott #wine #food #restaurant #sanjose #california

Questo corso finale è stato abbinato a un Syrah di limiti esterni del 2103 della costa di Sonoma. Questo è stato il mio abbinamento preferito della serata. Non ho mai incontrato un Syrah che non mi piaceva, ma assaggiare il vino prima del cioccolato e dopo è stata un'esperienza che mi ha aperto gli occhi. Mi è piaciuto il Syrah prima, l'ho adorato dopo.

Porta via

Una cosa è capire che il vino può essere migliorato con il cibo giusto e che il cibo può essere migliorato con il vino giusto. Un'altra cosa è vivere l'esperienza con la direzione di un grande chef e un grande enologo. Può essere felice di essere vivi.

Sono previste altre cene di produttori di vino all'Arcadia, ma il programma non è ancora stato pubblicato. Contatta il San Jose Marriott e Arcadia per saperne di più.