spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoDue aviatori americani cercano di diventare obiettori di coscienza per la guerra...

    Due aviatori americani cercano di diventare obiettori di coscienza per la guerra di Gaza

    -

    Mesi dopo che l’aviatore americano Aaron Bushnell si è dato fuoco per protestare contro la guerra, altri due stanno protestando.

    Due membri attivi dell’aeronautica degli Stati Uniti desiderano lasciare il servizio militare e diventare obiettori di coscienza per il sostegno di Washington all’esercito israeliano a Gaza.

    Larry Hebert e Juan Bettancourt affermano di non voler più prestare servizio nell’esercito americano a causa del suo ruolo nella guerra, che ha ucciso più di 37.400 palestinesi, soprattutto bambini e donne.

    Hanno ufficialmente chiesto, attraverso una procedura esistente nell’esercito, di diventare obiettori di coscienza, persone che rifiutano di prestare servizio militare per motivi etici o morali.

    Hebert, un aviatore senior in servizio attivo nell’aeronautica americana, ha detto ad Al Jazeera che esiste una lunga storia di obiettori di coscienza da parte degli Stati Uniti, anche in segno di protesta contro le guerre in Vietnam e Iraq.

    Ha detto che spera di evidenziare che diventare un obiettore di coscienza è un’opzione per altri soldati statunitensi in servizio attivo.

    “Penso che molti militari in realtà non sappiano del tutto di cosa si tratta e quali siano i loro diritti”, ha detto.

    Ad aprile, mentre era in congedo dal servizio, Hebert protestò davanti alla Casa Bianca, chiedendo un cessate il fuoco permanente a Gaza e la fine delle spedizioni di armi statunitensi a Israele.

    Hebert aveva precedentemente detto all’emittente statunitense NBC News che la morte di Hind Rajab, sei anni, a febbraio era stata un punto di svolta.

    L’auto di famiglia di Rajab è stata presa di mira dai carri armati israeliani e lei ha implorato i soccorsi in una telefonata mentre era bloccata all’interno dell’auto con i suoi parenti morti.

    “Assomiglia quasi esattamente a mia figlia, ed era qualcosa di estremamente difficile da comprendere, è che tutti questi bambini che hanno aspirazioni, sogni e vite che molti di noi vivono e desiderano, ed è del tutto ingiustificato sostenere ciò che sta accadendo, ” Hebert ha detto a NBC News, aggiungendo che stava lavorando a un’operazione statunitense per fornire vendite di armi a Israele.

    Anche l’aviatore Juan Bettancourt ha affermato di non poter sostenere il ruolo degli Stati Uniti dopo aver visto le notizie da Gaza.

    “Vedo il massacro di migliaia di civili innocenti mentre il mondo guarda attraverso i propri smartphone”, ha detto Bettancourt alla NBC, che ha riferito che l’aeronautica ha agito su 36 richieste di obiezione di coscienza dall’inizio del 2021, 29 delle quali sono state accolte.

    Opponendosi pubblicamente, i due sperano di influenzare la posizione degli Stati Uniti sul sostegno a Israele.

    Sono stati influenzati anche da Aaron Bushnell, l’aviatore statunitense che si è immolato a febbraio per protestare contro la guerra di Gaza.

    Gli Stati Uniti hanno fornito migliaia di grandi bombe, insieme ad altre munizioni ed equipaggiamenti, nonché supporto di intelligence, all’esercito israeliano dall’inizio della guerra a Gaza.

    Tali armi, comprese le bombe da 2.000 libbre (907 kg), sono state ripetutamente utilizzate in attacchi su larga scala che hanno ucciso molti civili, compresi gli attacchi alle scuole gestite dalle Nazioni Unite che ora vengono utilizzate come rifugi per i palestinesi sfollati.

    Ma all’inizio di questa settimana, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rilasciato una dichiarazione video in cui critica fortemente gli Stati Uniti per “aver trattenuto armi e munizioni a Israele” negli ultimi mesi.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts