Dopo 25 giorni intrappolati nel seminterrato, gli abitanti dei villaggi ucraini contano i morti

0
16

I residenti affermano che più di 300 persone sono state confinate per settimane dalle forze russe nel villaggio di Yahidne, vicino a Chernihiv.

I residenti di Yahidne sono visti nel seminterrato di una scuola [File: Olha Meniaylo/Handout via Reuters]

I nomi dei morti sono scarabocchiati sul muro scrostato del seminterrato di una scuola dove i residenti affermano che più di 300 persone sono rimaste intrappolate per settimane dagli occupanti russi a Yahidne, un villaggio a nord della capitale ucraina, Kiev.

Halyna Tolochina, un membro del consiglio del villaggio, ha lottato per ricomporsi mentre sfogliava l’elenco, scarabocchiando in nero sull’intonaco su entrambi i lati di una porta verde, nel cupo labirinto dove lei e centinaia di altri erano confinati.

A sinistra della porta erano scarabocchiati i sette nomi delle persone uccise dai soldati russi. A destra c’erano i 10 nomi delle persone morte a causa delle dure condizioni nel seminterrato, ha detto.

“Questo vecchio è morto per primo”, ha detto Tolochina, indicando il nome di Muzyka D, per Dmytro Muzyka, la cui morte è stata registrata il 9 marzo. “È morto nella stanza grande, in questa”.

Ha detto che il corpo di Muzyka è rimasto per alcuni giorni in un locale caldaia fino a quando, durante una pausa nei bombardamenti, ad alcune persone è stato permesso di portare i morti per essere seppelliti in fosse frettolosamente scavate nel cimitero del villaggio.

Halyna Tolochina scrive su un muro all'interno del seminterrato di una scuola mentre Tamara Klymchuk, 64 anni, osserva
Halyna Tolochina scrive su un muro all’interno del seminterrato della scuola mentre Tamara Klymchuk, 64 anni, osserva [Marko Djurica/Reuters]

L’agenzia di stampa Reuters ha parlato con sette residenti di Yahidne che hanno affermato che, in totale, almeno 20 persone sono morte o sono state uccise durante l’occupazione russa. Nessun bilancio ufficiale delle vittime è stato rilasciato dalle autorità ucraine.

La Reuters ha affermato di non essere in grado di verificare in modo indipendente i resoconti degli abitanti del villaggio e il Cremlino non ha risposto alle richieste di commento sugli eventi di Yahidne. I giornalisti hanno visto una fossa scavata di fresco in un campo vicino al villaggio e due corpi avvolti in teli di plastica bianca.

I resoconti di ciò che è accaduto nel villaggio si aggiungono alla crescente testimonianza dei civili ucraini delle sofferenze nelle città intorno a Kiev durante le settimane di occupazione da parte delle forze russe in seguito all’invasione lanciata il 24 febbraio.

L’ultima vittima registrata sui muri del seminterrato, Nadiya Budchenko, è morta il 28 marzo, ha detto Tolochina, due giorni prima che le truppe russe si ritirassero dal villaggio quando la loro corsa verso Kiev si fermava.

Oltre a quelli, per lo più anziani, che sono morti di esaurimento nelle condizioni soffocanti e anguste, Tolochina ha nominato altri che ha detto sono stati uccisi dai soldati russi, tra cui Viktor Shevchenko e suo fratello Anatolii, noto come Tolya.

“Questo è stato sepolto nel cortile”, ha detto, indicando il nome Shevchenko V. “E questo, hanno detto che è lì [buried in the village]da qualche parte”, ha detto, indicando il nome Shevchenko T, il cui corpo non è stato recuperato.

Tamara Klymchuk, 64 anni, si trova nel seminterrato di una scuola, mentre continua l'invasione russa dell'Ucraina, nel villaggio di Yahidne
Klymchuk si trova nel seminterrato della scuola [Marko Djurica/Reuters]

La Reuters ha intervistato altri sei residenti, che hanno corroborato il racconto di Tolochina e hanno descritto di essere detenuti nelle stanze di cemento nudo del seminterrato, con circa 60 bambini, poco cibo o acqua, senza elettricità e senza servizi igienici.

Le autorità ucraine hanno accusato la Russia di crimini di guerra, in seguito al rinvenimento di fosse comuni nelle città intorno a Kiev, come Bucha e Motyzhyn, e al ritrovamento di corpi le cui mani erano state legate e colpite alla testa.

La Russia ha negato le accuse di uccisioni extragiudiziali, torture e abusi sui civili.

Il Cremlino ha affermato che le sue forze non prendono di mira i civili e ha accusato le autorità ucraine e l’Occidente di fabbricare prove.

Saccheggio

Due degli abitanti del villaggio intervistati hanno detto che all’inizio alcune truppe russe, arrivate all’inizio di marzo, si sono comportate bene, offrendo di condividere le loro razioni ed esprimendo sorpresa per l’aspetto prospero del villaggio. Ma altri iniziarono a saccheggiare immediatamente.

“Hanno iniziato a saccheggiare, hanno preso tutto ciò che potevano afferrare”, ha detto Petro Hlystun, 71 anni, che ha assistito alla scena. “C’era una torcia, un tablet che mio figlio ha portato dalla Polonia. Hanno preso tutto”.

Il 5 marzo, gli abitanti del villaggio hanno detto che era stato ordinato loro di entrare nel seminterrato della scuola dove avrebbero trascorso i successivi 25 giorni, con solo brevi pause per alleviare se stessi o sgranchirsi le gambe.

I soldati russi hanno detto loro che il confino era per la loro stessa protezione, hanno detto gli abitanti del villaggio.

Hanno descritto di condividere secchi per un gabinetto e di dormire a turno nelle stanze piccole e affollate perché non c’era abbastanza spazio per sdraiarsi.

“Era quasi impossibile respirare”, ha detto Olha Meniaylo, un’agronoma che ha detto di essere nel seminterrato con il figlio di 32 anni, sua moglie e i loro figli: un bambino di quattro mesi e un bambino di 11 anni. -vecchia ragazza.

Si vedono letti improvvisati all'interno del seminterrato di una scuola nel villaggio di Yahidne
All’interno del seminterrato della scuola si vedono letti improvvisati [Marko Djurica/Reuters]

Ha detto che i soldati russi hanno chiesto un elenco delle persone nel seminterrato per organizzare il cibo e che ne ha contate 360. Altri due abitanti del villaggio hanno detto che c’erano più di 300 persone.

“Per gli anziani era difficile rimanere lì al buio senza aria fresca, quindi sono stati soprattutto i vecchi a morire”.

Ha detto che le prime sepolture – di un uomo ucciso dai soldati e di quattro anziani morti nel seminterrato – sono avvenute il 12 marzo. I soldati russi hanno permesso ad alcuni giovani di scavare fosse poco profonde.

“Non appena hanno iniziato a scavare, ci sono stati dei bombardamenti”, ha detto Meniaylo. “Le persone che stavano scavando hanno dovuto sdraiarsi sui cadaveri nelle tombe per proteggersi dai bombardamenti. Mio marito era lì”.

Una mattina una donna che aveva una mucca è stata condotta sotto scorta a prendere del latte per i bambini. Altri venivano fatti uscire occasionalmente secondo i capricci dei soldati russi. Quando sono tornati alle loro case, gli abitanti del villaggio hanno scoperto che era stato preso di tutto, dai televisori alle mutande femminili.

Corpi riesumati

Non è stato fino a quando i russi hanno iniziato il loro ritiro il 30 marzo che quelli intrappolati nel seminterrato si sono avventurati definitivamente fuori, ha detto la 64enne Tamara Klymchuk.

“Abbiamo aperto la porta. Uscivamo come se fossimo rinati”.

La gente sta davanti a una scuola danneggiata, mentre continua l'invasione russa dell'Ucraina, nel villaggio di Yahidne, vicino a Chernihiv
Le persone stanno davanti alla scuola danneggiata a Yahidne [Marko Djurica/Reuters]

Yahidne, un piccolo villaggio agricolo di sole cinque strade, era stato un luogo popolare per le persone di città della vicina Chernihiv che prendevano una casa per le vacanze. Ora è una desolata rovina di case bruciate disseminate di equipaggiamento militare abbandonato.

Un carro armato abbandonato è nascosto dall’altra parte della strada rispetto alla scuola. I tecnici dell’esercito, della polizia e dell’eliminazione degli esplosivi ucraini setacciano i relitti, riesumano i corpi e recuperano le munizioni inesplose.

“Abbiamo avuto un’ottima vita”, ha detto Klymchuk, il cui genero era Viktor Shevchenko, 50 anni, uno dei due fratelli che gli abitanti del villaggio dicono siano stati uccisi dai soldati russi. “Non avremmo mai pensato che un tale dolore sarebbe arrivato su di noi”.

Viktor, ha detto, è stato colpito a colpi di arma da fuoco il 3 marzo. Era rimasto a guardia della sua casa dopo aver mandato sua moglie e due figli nel seminterrato della scuola.

I soldati russi avevano detto agli abitanti del villaggio che Viktor indossava un’uniforme militare ed era armato di fucile.

Klymchuk non ha assistito all’omicidio, ma ha detto di aver visto il corpo di Viktor dopo che i genieri hanno riesumato il suo corpo da una fossa comune su sua richiesta una volta che la città è stata riconquistata dalle forze ucraine. Era vestito con blue jeans e una giacca nera, ha detto.

“Gli hanno appena sparato in testa”.

Hanna Khlystun si trova tra i distrutti nel villaggio di Yahidne
Khlystun si trova tra le case distrutte a Yahidne [Marko Djurica/Reuters]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here