spot_img
More
    spot_img
    HomeMondo“Disastro di proporzioni epiche”: la procura libica indaga sul crollo mortale di...

    “Disastro di proporzioni epiche”: la procura libica indaga sul crollo mortale di una diga

    -

    La Procura indagherà sulle autorità locali, sui governi precedenti e sull’assegnazione dei fondi per la manutenzione delle dighe.

    Il procuratore capo della Libia indagherà sul crollo di due dighe nel porto orientale di Derna che ha lanciato un muro d’acqua in rapido movimento che ha ucciso migliaia di persone e ha in gran parte distrutto la città.

    Il procuratore generale al-Sediq al-Sour ha detto ai giornalisti che le autorità locali, i governi precedenti e l’assegnazione dei fondi per la manutenzione delle dighe saranno esaminati attentamente.

    “Rassicuro i cittadini che chiunque abbia commesso errori o negligenze, i pubblici ministeri prenderanno sicuramente misure ferme, apriranno un procedimento penale contro di lui e lo manderanno in giudizio”, ha detto al-Sour in una conferenza stampa venerdì sera.

    L’indagine è stata annunciata mentre le squadre di soccorso continuavano a cercare corpi nella città devastata sabato, quasi una settimana dopo l’impatto della tempesta Daniel sulle dighe che, secondo un funzionario umanitario, ha ucciso più di 11.000 persone.

    Sono stati riportati bilanci delle vittime contrastanti con funzionari nell’est e nell’ovest del paese diviso che hanno fornito stime diverse.

    L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato sabato che “i corpi di 3.958 persone sono stati recuperati e identificati” e altre 9.000 sono ancora disperse. Ha inoltre annunciato che 29 tonnellate di forniture sanitarie sono arrivate nella città libica orientale di Bengasi.

    “Questo è un disastro di proporzioni epiche”, ha detto Ahmed Zouiten, rappresentante dell’OMS in Libia. “Siamo rattristati dall’indicibile perdita di migliaia di anime”.

    “La città odora di morte”

    Le organizzazioni umanitarie hanno avvertito che nei prossimi giorni si potrebbe verificare la diffusione di malattie e gravi difficoltà nella consegna degli aiuti a chi ne ha bisogno.

    Islamic Relief ha messo in guardia da una “seconda crisi umanitaria” dopo il disastro di Derna, sottolineando il “rischio crescente di malattie trasmesse dall’acqua e di carenza di cibo, ripari e medicine”.

    “Migliaia di persone non hanno un posto dove dormire e non hanno cibo”, ha detto l’alto funzionario Salah Aboulgasem. “La città odora di morte. Quasi tutti hanno perso qualcuno che conoscono”.

    Haider al-Saeih, capo del centro libico per la lotta alle malattie, ha detto sabato in commenti televisivi che almeno 150 persone hanno sofferto di diarrea dopo aver bevuto acqua contaminata a Derna. Ha esortato i residenti a bere solo acqua in bottiglia, che viene spedita come parte degli sforzi di soccorso.

    Caroline Holt, direttrice del dipartimento disastri, clima e crisi della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, ha osservato che, mentre gli aiuti avevano iniziato ad arrivare, questioni come le mine inesplose rappresentavano una minaccia per la consegna.

    “Ovviamente, far arrivare gli aiuti dall’aeroporto alla stessa Derna rappresenta un ulteriore livello di sfida. Sappiamo che le strade sono state fortemente influenzate da questo”, ha detto Holt ad Al Jazeera.

    “Sappiamo che ci saranno problemi di sicurezza… Quelle mine che un tempo potevano essere state mappate chiaramente, ora saranno tutte smantellate. Aggiunge un ulteriore livello di rischi per la sicurezza sia per la popolazione di Derna che per coloro che arrivano dall’esterno”.

    Negligenza critica

    Non è chiaro come verrà condotta l’indagine da parte della procura, dato che la Libia è stata divisa tra due amministrazioni rivali in seguito alla rivolta sostenuta dalla NATO che ha rovesciato Muammar Gheddafi nel 2011.

    I due governi sono sostenuti da diverse milizie e attori internazionali. La mancanza di un governo centrale forte ha portato all’abbandono di infrastrutture cruciali.

    Un rapporto di un’agenzia di audit statale nel 2021 afferma che le due dighe, costruite negli anni ’70, non erano state mantenute nonostante lo stanziamento di oltre 2 milioni di dollari a tale scopo nel 2012 e 2013.

    Nel 2007, un’impresa turca, la Arsel Construction Company Limited, fu incaricata di effettuare la manutenzione e di costruire nel mezzo un’altra diga. Secondo il sito web dell’azienda, i lavori sono stati completati nel novembre 2012.

    Al-Sour ha esortato i residenti che hanno parenti scomparsi a riferire a un comitato forense che lavora sulla documentazione e l’identificazione dei corpi recuperati.

    “Chiediamo ai cittadini di collaborare e di recarsi rapidamente alla sede del comitato in modo da poter terminare il lavoro il più rapidamente possibile”, ha affermato.

    Sono state sollevate domande sul fatto se l’elevato numero di vittime a Derna avrebbe potuto essere evitato con una migliore governance.

    “Risposta di reazione umana”

    Stephanie Williams, diplomatica americana ed ex inviata delle Nazioni Unite in Libia, ha sollecitato la mobilitazione globale per coordinare gli sforzi di aiuto in seguito all’alluvione in un post sui social media.

    Ha messo in guardia contro la “predilezione della classe dirigente predatrice della Libia di usare il pretesto della ‘sovranità’ e della ‘proprietà nazionale’ per guidare tale processo da sola e in modo egoistico”.

    Holt ha affermato che è tempo che le fazioni rivali “mettano da parte le differenze politiche” e ha osservato che ci sono già segnali che ciò stia accadendo sul terreno.

    “Stiamo ascoltando storie molto incoraggianti di est e ovest che si uniscono – persone che arrivano letteralmente dall’ovest per cercare di sostenere. È una reazione molto umana”, ha detto.

    INTERATTIVO - Derna Libia tempesta daniel-1694531291

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts