Deliri alle Nazioni Unite

0
21

È assurdo credere che le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e gli ordini della Corte internazionale di giustizia possano fermare il genocidio israeliano a Gaza.

L'ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Linda Greenfield-Thomas si rivolge a una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite mentre si riuniscono per considerare una risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti che chiede un cessate il fuoco durante il conflitto tra Israele e il gruppo islamico palestinese Hamas, presso la sede delle Nazioni Unite a New York City , USA, 22 marzo 2024. REUTERS/Mike Segar
L’ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield si rivolge al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite mentre si riuniscono per considerare una risoluzione che chiede un cessate il fuoco a Gaza, presso la sede delle Nazioni Unite a New York City il 22 marzo 2024 [Mike Segar/Reuters]

Siamo ormai entrati nel confortante mondo delle delusioni.

All’inizio di questa settimana, 14 membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite hanno concordato una risoluzione che chiedeva un “cessate il fuoco immediato” tra Israele e Hamas e il “rilascio incondizionato di tutti gli ostaggi”.

La delegazione statunitense si è astenuta, consentendo l’approvazione della risoluzione.

In Aula scoppiano gli applausi. È stata una scena surreale e farsesca, punteggiata da un’espressione di autocompiacimento per il fatto che qualcosa di tangibile fosse stato finalmente raggiunto per porre fine alla rabbia omicida di Israele nei resti distrutti e distopici della Striscia di Gaza e della Cisgiordania occupata.

Questi compiaciuti diplomatici – molti dei quali insignificanti sottoposti che dedicano la loro carriera a fare ciò che viene detto loro di fare da presidenti e primi ministri – sembravano aver dimenticato che fino a quest’ultimo voto avevano ricevuto istruzioni di opporsi a una serie di altre risoluzioni di cessate il fuoco.

Sembrano anche aver dimenticato che i presidenti e i primi ministri che li hanno nominati ambasciatori delle Nazioni Unite si sono precipitati a Tel Aviv non molto tempo fa e hanno abbracciato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e gli hanno consigliato, in effetti, di fare tutto ciò che voleva ai palestinesi di Gaza e oltre. , con qualunque mezzo volesse, per tutto il tempo che voleva.

Ora, alcuni di questi stessi presidenti e primi ministri, a quanto pare, vogliono che Netanyahu smetta di fare ciò che ha fatto con la loro inequivocabile benedizione, e vogliono che io e voi gli crediamo.

È una farsa e un delirio. Anche se ci fosse un pizzico di sincerità nel loro vile voltafaccia, sarebbe troppo tardi. Hanno sostenuto Netanyahu. Potrebbe cancellare Gaza e la sua gente – con la loro approvazione o no.

Netanyahu e il suo fanatico gabinetto – che da tempo sostiene che le Nazioni Unite sono una cloaca di antisemitismo – non si lasceranno dissuadere dal raggiungere il loro obiettivo di trasformare Gaza in polvere e memoria con una risoluzione che considerano usa e getta come la carta igienica.

Anche chiunque, in qualunque ambito, creda il contrario è deluso.

Ricordate, a gennaio, la Corte Internazionale di Giustizia (ICJ), che probabilmente gode di un po’ più di gravità rispetto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite – un anacronismo consumato e inetto – ha ordinato a Israele, quasi all’unanimità, di smettere di fare ciò che sta facendo ai palestinesi di Gaza. dato che si tratta “plausibilmente” di un genocidio.

La risposta di Israele è stata quella di continuare a fare ciò che ha fatto a Gaza ogni giorno spietato da quando la Corte Internazionale di Giustizia ha emesso la sua sentenza provvisoria. Se non altro, la rabbia omicida di Israele è aumentata nella sua crudeltà e ferocia.

Così, giovedì, i giudici hanno emesso “nuove misure provvisorie” nel contesto del “peggioramento delle condizioni di vita affrontate dai palestinesi a Gaza”.

L’ICJ ha riconosciuto l’ovvio: Israele ha, con un disegno deliberato, architettato una carestia a Gaza intesa a far morire di fame i palestinesi fino alla sottomissione e alla capitolazione.

L’ICJ ha chiesto che Israele, in quanto firmatario delle Convenzioni di Ginevra, consenta a cibo, acqua, carburante e altre cose vitali di entrare a Gaza “senza ostacoli” più spesso ai “attraversamenti terrestri”.

È un’altra illusione. Israele rifiuterà le “nuove misure provvisorie” proprio come ha rifiutato in toto la “sentenza provvisoria” della Corte Internazionale di Giustizia.

La risposta dell’ICJ all’arroganza e all’ostinazione di Israele è patetica quanto la stessa corte: “… lo Stato di Israele presenterà alla Corte un rapporto su tutte le misure… entro un mese.”

Sì, ciò dovrebbe indurre Netanyahu e soci ad abbandonare la loro “plausibile” distruzione genocida di Gaza tout de suite.

Nel frattempo, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la delegazione statunitense ha offerto una prestazione piuttosto vuota che è stata accolta da un gruppo di iperbolici commentatori occidentali come prova del fatto che il presidente americano Joe Biden ha perso la pazienza con il recalcitrante governo israeliano.

A guidare il gruppo delirante c’era un articolo apparso sulla pubblicazione online britannica, The Independent, che descriveva l’astensione dell’ambasciatore americano come un momento “emblematico” che potrebbe aver segnato la fine della “storia d’amore di Biden, e per estensione dell’America con Israele”.

“Di fronte alla spietata belligeranza di Netanyahu a Gaza e al disprezzo che ha dimostrato nei confronti delle preoccupazioni globali, la relazione speciale degli Stati Uniti con Israele è stata portata al punto di rottura. Ma ciò che accadrà dopo potrebbe aiutare a rimodellare in meglio la politica del Medio Oriente”, ha scritto un editorialista.

Che paragrafo istruttivo, pieno com’è, di gradevoli eufemismi, falsità e cliché che confermano le delusioni della rubrica.

In primo luogo, dal 7 ottobre in poi, Biden ha ripetutamente dichiarato che la duratura “storia d’amore” dell’America con Israele è sacrosanta anche di fronte alla “spietata belligeranza” di Netanyahu a Gaza, che è un educato eufemismo per genocidio.

Da sempre, Biden – l’autoproclamato sionista – ha avuto un messaggio generale per Netanyahu e i suoi amici: per favore procedete.

Qualunque differenza esista tra Stati Uniti e Israele rispetto al genocidio di Gaza, è rimasta ai margini della retorica e, quindi, priva di significato.

In questo contesto, la decisione americana di astenersi è più un fugace litigio tra amanti che un segno concreto di una “relazione speciale… spinta oltre un punto di rottura”.

Invece di un mazzo di fiori, questa settimana Biden ha inviato a Bibi altre bombe per fare ammenda.

Il “disprezzo” di Netanyahu per la “preoccupazione globale” è il prodotto di questo calcolo schietto: proprio come la Corte Internazionale di Giustizia e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, Biden è irrilevante.

Donald Trump sembra pronto a tornare alla Casa Bianca, a novembre. Allora, i vuoti dibattiti retorici svaniranno, e a Israele verrà concessa carta bianca per “rimodellare” Gaza e la Cisgiordania occupata a suo piacimento.

Ciò potrebbe tradursi, temo, nell’espulsione forzata dei palestinesi da Gaza e dalla Cisgiordania occupata come soluzione definitiva alla “questione palestinese”.

Ci sarà uno Stato: un Israele più grande. Questa è la fine del gioco di Netanyahu. Trump dirà: “Sì, sì, signore!”, così come la maggior parte degli israeliani, che hanno applaudito ogni aspetto maligno del genocidio ancora in corso.

L’idea che esista qualche grande piano in vista – pronto per essere messo in atto non appena finirà la rabbia omicida di Israele – che rispetti il ​​diritto dei palestinesi all’autodeterminazione e riconosca l’integrità territoriale di uno stato palestinese è forse la più grande illusione di tutte.

Organizzazioni per i diritti umani dentro e fuori Israele hanno avvertito che uno stato di apartheid dichiarato non si accontenterebbe di “occupare” Gaza e la Cisgiordania.

Scrissero voluminosi rapporti intrisi di diritto e convenzioni internazionali che fungerono anche da razzi di ciò che inevitabilmente sarebbe accaduto.

Alcuni hanno dato ascolto all’allarme. La maggior parte esitava.

I palestinesi hanno pagato e pagheranno il prezzo di tale negligenza e cecità intenzionale.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.