Crisi politica in Pakistan: cosa succede in un voto di sfiducia?

0
36

Con la cacciata del primo ministro Imran Khan che potrebbe portare un altro giro di instabilità nella nazione armata di armi nucleari, uno sguardo a come funziona il voto di sfiducia.

Il primo ministro pakistano Imran Khan partecipa a una parata militare per celebrare la festa nazionale del Pakistan, a Islamabad la scorsa settimana [Anjum Naveed/AP]

Il parlamento pakistano inizierà a discutere di una mozione di sfiducia alla guida del primo ministro Imran Khan, che potrebbe vedere la rimozione dell’ex star del cricket e il ritorno dell’incertezza politica nel paese dotato di armi nucleari.

Khan, 69 anni, ha dovuto affrontare crescenti critiche alla sua performance, inclusa la sua gestione di un’economia afflitta da inflazione elevata e deficit in aumento, e ha perso la maggioranza in parlamento mercoledì quando uno dei principali alleati ha lasciato la sua coalizione.

Mercoledì, il Muttahida Qaumi Movement (MQM), ha abbandonato la coalizione di Khan e si è schierato con l’opposizione cercando di rimuoverlo.

“Il primo ministro non c’è più”, ha detto mercoledì l’influente quotidiano in lingua inglese Dawn in un editoriale sulla prima pagina del suo sito web.

La votazione sulla mozione dovrebbe tenersi entro lunedì.

Come funziona un voto di sfiducia?

Secondo la costituzione, un primo ministro è eletto dalla maggioranza dell’Assemblea nazionale della camera bassa, che conta 342 membri.

Un candidato ha bisogno della maggioranza dei legislatori, 172 o più, per votare affinché diventi primo ministro. Questo è lo stesso numero di voti necessari per approvare un voto di sfiducia contro lui e il suo gabinetto.

Quindi Khan potrebbe ancora sopravvivere a un voto di sfiducia se ottiene meno voti dell’opposizione, ma solo se quest’ultima non ottiene i 172 voti richiesti.

INTERACTIVE_PAKISTAN PRIMI MINISTRI
(Al Jazeera)

Cosa succede dopo il voto?

Se Khan perde il voto, il parlamento può continuare a funzionare fino alla fine del suo mandato quinquennale nell’agosto 2023, dopodiché le elezioni generali sono previste entro 60 giorni.

Ci sarà un voto all’Assemblea nazionale per eleggere un nuovo primo ministro che rimarrà in carica fino ad allora. I candidati possono essere proposti da qualsiasi parte rappresentata in assemblea.

Il nuovo presidente del Consiglio può, tuttavia, indire immediatamente le elezioni generali, senza aspettare fino al 2023.

Alcuni analisti costituzionali affermano che l’assemblea può essere sciolta e si possono tenere elezioni generali se nessun candidato può ottenere la maggioranza dei voti per diventare primo ministro.

Qual è la tempistica per il voto?

I partiti di opposizione hanno presentato la mozione di sfiducia all’inizio di marzo ed è stata presentata e presentata lunedì all’Assemblea nazionale.

Il presidente dell’Assemblea nazionale deve procedere alla votazione non prima di tre giorni e non oltre sette giorni dalla presentazione della mozione.

La prima volta che la votazione può avvenire è giovedì. L’ultimo, secondo la maggior parte dei conti, è lunedì.

Il voto è vicino?

Sì, Khan deve affrontare un voto serrato, soprattutto con la perdita dei partner della coalizione.

È diventato primo ministro dopo che il suo partito, il Pakistan Tehreek-e-Insaaf (PTI), ha vinto il maggior numero di seggi alle elezioni generali del 2018, ma il PTI non ha avuto una maggioranza semplice e ha dovuto formare una coalizione.

Il PTI conta 155 membri e sono stati i partner della coalizione che hanno permesso a Khan di superare la soglia dei 172 voti per essere eletto primo ministro nel 2018. La coalizione guidata dal PTI ha aumentato i suoi numeri negli ultimi tre anni.

Qual è la strategia di Khan?

Khan ha ordinato a tutti i legislatori del PTI di non partecipare all’assemblea il giorno del voto per mitigare ogni possibilità che i dissidenti sostengano segretamente la mozione per rimuoverlo.

L’assenteismo non danneggerebbe la causa di Khan perché non ha bisogno di vincere, deve solo assicurarsi che l’opposizione non possa ottenere i 172 voti di cui ha bisogno.

Khan ha anche presentato una petizione ai tribunali chiedendo divieti elettorali a vita contro individui che hanno rotto i ranghi con la sua causa, nel tentativo di dissuadere potenziali dissidenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here