Cosa ci aspetta per lo Yemen dopo l’uscita del presidente Hadi?

0
20

La mancanza di alternative e la legittimità internazionale mantennero Hadi al potere indipendentemente dal fatto che fosse in esilio e impopolare.

Quando è subentrato nel 2012, Hadi avrebbe dovuto rimanere al potere per due anni e fungere da transizione verso una democrazia yemenita piena e inclusiva [File: Hamad l Mohammed/Reuters]

La fine del periodo al potere del presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi non è stata pianto da molti yemeniti.

Questo la dice lunga sulla presidenza di un uomo visto come un leader “accidentale” che non è stato in grado di guidare efficacemente le forze governative durante una guerra civile ormai durata quasi otto anni che ha decimato il Paese.

Hadi, ex vicepresidente del leader da 33 anni Ali Abdullah Saleh, è ​​stato paracadutato alla presidenza nel 2012 quando Saleh è stato costretto a lasciare dopo un anno di proteste della Primavera araba.

Avrebbe dovuto rimanere al potere per due anni e fungere da transizione verso una democrazia yemenita piena e inclusiva.

Invece, Hadi ha chiuso un occhio sul potere crescente dei ribelli Houthi sostenuti dall’Iran nel nord, che alla fine hanno preso la capitale, Sanaa, nel 2014, e hanno costretto Hadi a fuggire nel 2015.

Hadi non è riuscito a raccogliere la sfida di essere un leader in tempo di guerra.

Bloccato a Riyadh, sembrava sottomesso all’Arabia Saudita, che ora stava combattendo gli Houthi per suo conto.

Gli yemeniti avevano un presidente silenzioso, uno che ha parlato con il suo popolo davanti alla telecamera solo una manciata di volte negli ultimi anni. Mentre infuriava la guerra, gli stipendi non erano pagati e si diffuse un disastro umanitario.

Quindi cosa ha mantenuto Hadi, nonostante il suo esilio e la sua impopolarità, come presidente per così tanto tempo?

Una mancanza di un’alternativa che potrebbe essere accettata dalla coalizione divisa anti-Houthi, insieme alla “legittimità” di Hadi come presidente riconosciuto a livello internazionale.

Ora sembra, tuttavia, che i sauditi ne abbiano avuto abbastanza, e hanno deciso che l’alternativa è di fatto raggruppare i rappresentanti dei diversi gruppi anti-Houthi in un unico consiglio presidenziale, nella speranza che ciò li renda tutti felici.

Gli osservatori non dovrebbero presumere che questo gruppo di otto, annunciato giovedì, rimarrà unito.

Uno di loro, Aidarous al-Zubaydi, crede nella secessione dello Yemen meridionale dallo stato e si autodefinisce presidente del sud.

Gli interessi rappresentati nel consiglio presidenziale sono destinati a scontrarsi. La domanda è se saranno in grado di mantenere il messaggio e mettere da parte le loro divisioni, per ora.

La partenza del vicepresidente Ali Muhsin, un potente militare che è stato influente e divisivo per più di 40 anni, sarà accolta con favore da molti, in particolare dalle fazioni dello Yemen sostenute dagli Emirati Arabi Uniti.

Muhsin è stato a lungo associato a Islah, il partito yemenita influenzato dai Fratelli Musulmani, a cui si oppone profondamente il Consiglio di transizione meridionale di Zubaydi e altri gruppi sostenuti dagli Emirati Arabi Uniti.

Tuttavia, Islah sarà placato dall’inclusione nel consiglio presidenziale di Sultan al-Aradah, il governatore popolare di Marib che gli è vicino, e del presidente del consiglio, Rashad al-Alimi, che ha buoni rapporti con la dirigenza del partito .

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno rapidamente mostrato il loro sostegno al consiglio presidenziale per un importo di 3 miliardi di dollari per sostenere l’economia yemenita.

La riluttanza degli ultimi anni a dare molto in termini di aiuti economici e armi al governo yemenita, per il quale la coalizione guidata dai sauditi stava combattendo, ha mostrato chiaramente l’insoddisfazione della coalizione nei confronti di Hadi e di coloro che lo circondano.

Fu una delle ragioni principali dell’espansione militare degli Houthi in quel periodo.

Questo è ora un governo con cui l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sentono di poter affrontare? Se lo è, ora aumenteranno il loro supporto? E cosa significa per la sovranità yemenita quando le potenze vicine hanno una tale presa sul suo governo e sulla sua stessa struttura?

L’elefante (non) nella stanza è ovviamente l’Houthi, che ha rifiutato di partecipare ai colloqui di Riyadh che hanno preceduto l’annuncio del consiglio presidenziale.

I leader Houthi hanno subito denunciato il consiglio presidenziale, etichettandolo come imposto da stranieri e non rappresentativo dello Yemen. Il gruppo ha anche affermato che ciò indebolisce ulteriormente l’affermazione secondo cui il governo yemenita è legittimo.

In realtà, le trattative tra i sauditi e gli Houthi sono in corso da mesi. Questo mese è entrato in vigore un cessate il fuoco di due mesi ed è un segno che c’è una spinta, almeno temporaneamente, per una riduzione dell’escalation.

Ciò è stato ulteriormente accresciuto quando, parlando dopo la formazione del consiglio presidenziale, il primo ministro yemenita appoggiato dai sauditi Maeen Abdel Malik ha affermato che la soluzione militare in Yemen era “fallita”.

Tale riconoscimento significa che la narrativa pubblica proveniente dalla coalizione a guida saudita e dal governo yemenita è che i negoziati politici sono l’unica soluzione alla guerra e questo è il compito del consiglio presidenziale.

La domanda ora è se le élite yemenite siano disposte a dare un posto al tavolo degli Houthi e se ci si possa fidare degli Houthi per condividere il governo.

Se quei colloqui falliscono ancora una volta, si potrebbe vedere rapidamente una trasformazione di questo consiglio presidenziale politico in un consiglio di guerra, insieme alla continuazione di questo conflitto devastante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here