Come sarà l’economia russa post-invasione?

0
37

Putin sembra lavorare per trasformare l’economia di mercato autocratica della Russia in un’economia di comando autarchica.

Putin presiede un incontro con i membri del governo in teleconferenza, il 10 marzo [Mikhail Klimentyev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP]

L’economia di mercato russa è morta esattamente un mese fa, quando l’Occidente ha imposto sanzioni tagliando la sua banca centrale dai mercati dei capitali e congelando centinaia di miliardi di dollari delle sue riserve nel processo, in risposta all’invasione non provocata dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin. Il mercato azionario di Mosca ha chiuso lo stesso giorno e la Banca centrale russa ha introdotto i propri controlli sui capitali di vasta portata.

La domanda che è sorta naturalmente era cosa sarebbe successo dopo: in che modo il Cremlino avrebbe cercato di mitigare il devastante impatto economico che ha posto la Russia saldamente sulla via del ritorno al tumulto economico degli anni ’90? Ora, la risposta è chiara: Putin si sta rivolgendo a un playbook familiare e sta costruendo un’economia di comando.

Dall’economia di mercato autocratica al comando autarchico

Mentre la Russia è stata considerata un’economia di mercato almeno dall’inizio degli anni 2000, il Cremlino di Putin ha avuto un ampio controllo sulla maggior parte dell’attività economica sin dall’inizio.

In effetti, lo stato ha iniziato a monopolizzare la distribuzione del bottino del settore energetico in Russia subito dopo l’ascesa al potere di Putin. Nel 2003/2004, Putin ha sequestrato l’allora più grande compagnia petrolifera del paese, la Yukos, in un evento altamente coreografico. I servizi di sicurezza hanno tirato drammaticamente il maggiore azionista di Yukos e l’allora individuo più ricco della Russia, Mikhail Khodorkovsky, da un jet privato, annunciando una serie di accuse di corruzione nel cuore della notte. Il Cremlino ha quindi effettivamente trasferito i beni più preziosi di Yukos alla compagnia petrolifera statale fino a quel momento in difficoltà, Rosneft, dove Putin aveva installato il suo consigliere, Igor Sechin, come presidente. Khodorkovsky, che ha trascorso quasi un decennio in prigione, è stato infine graziato da Putin nel 2013 e ora vive in esilio a Londra.

Dalla scomparsa di Yukos, Rosneft e il colosso statale del gas Gazprom hanno dominato l’economia energetica russa. Quest’ultimo in particolare serviva come mezzo per distribuire gli affitti tra la “nuova nobiltà” che Putin aveva costruito dai suoi alleati nei servizi di sicurezza.

Ma per tutto questo tempo l’impresa privata è rimasta ancora una possibilità. Gli accoliti di Putin hanno continuato a costruire le principali società di gas naturale liquefatto e petrolchimico del paese, Novatek e Sibur. Quelli senza legami politici raramente sono andati lontano, ma alcuni esempi come il rivenditore Magnit brillavano ancora.

Negli ultimi anni, tuttavia, anche quelle rare storie di successo indipendenti si sono trovate sotto pressione per vendere le loro attività allo stato. Il fondatore di Magnit, Sergei Galitsky, ad esempio, lo ha fatto nel 2018 e ha rivolto la sua attenzione alla costruzione della squadra di calcio della sua città natale, l’FC Krasnodar. Galitsky è stato uno dei fortunati. Molti altri imprenditori russi, anche quelli che in precedenza erano collusi con il Cremlino di Putin, che si opposero alla vendita, incontrarono il destino di Khodorkovsky e furono costretti all’esilio.

Anche in questo contesto, tuttavia, le piccole e medie imprese hanno continuato a far parte dell’economia russa. Poiché era ancora possibile spostare facilmente denaro dentro e fuori la Russia e partecipare all’economia globale, non solo è emersa una nuova oligarchia cleptocratica nel paese, ma anche aziende multinazionali hanno iniziato ad entrare nel mercato russo.

Le insidie ​​dell’economia post-invasione di Putin

Dopo l’invasione dell’Ucraina e le conseguenti sanzioni, queste multinazionali che da tempo servono la classe media emergente russa con un’ampia base di prodotti hanno iniziato a fuggire dal paese una per una. Anche i produttori di sigarette ora si stanno ritirando.

Nel frattempo, i russi si sono ritrovati in gran parte intrappolati: migliaia di voli sono stati cancellati e molte rotte fuori dal Paese sono sospese a tempo indeterminato. Prendere denaro è almeno altrettanto difficile, grazie al divieto del Cremlino sulla maggior parte dei cambi di valuta e delle esportazioni di valuta forte.

E i passi compiuti dal Cremlino di fronte a un incombente collasso economico hanno chiarito che non ha alcuna intenzione di preservare l’economia di mercato russa.

Appena quattro giorni dopo l’inizio della “operazione militare speciale” in Ucraina, lo stato ha effettivamente preso il controllo dell’80 per cento dei guadagni esteri delle società come parte delle sanzioni sui controlli sui capitali e nelle settimane successive è andato anche oltre. Il Cremlino sta ora nazionalizzando le imprese che si stanno ritirando dal paese, rendendo quasi impossibile per la Russia continuare come economia di mercato anche dopo la fine della guerra di Putin in Ucraina. Le inadempienze attese non faranno che complicare ulteriormente questo.

Mosca ha anche introdotto prezzi fissi nei settori dei metalli e minerario, con Norilsk Nickel e Rusal che sono state le prime aziende ad annunciare una tale mossa il 24 marzo. È stato anche introdotto un tasso fisso per gli acquisti di oro: 5.000 rubli ($ 52) al grammo. Ciò non è troppo lontano dal valore attuale, ma arriva poco prima di un previsto periodo di turbolenza del rublo: il Cremlino ha recentemente chiesto agli importatori europei di gas naturale di pagare le forniture russe in rubli anziché in dollari USA o euro come contrattualmente previsto.

Il Cremlino di Putin sembra vedere l’espansione del controllo statale sull’economia come una panacea per tutti i suoi problemi. Valentina Matvienko, presidente della camera alta del parlamento e stretta alleata del presidente Putin, lo ha detto di recente apertamente discutendo delle operazioni ferroviarie del Paese, dichiarando che gli operatori privati ​​devono ora iniziare a lavorare per lo stato piuttosto che pensare solo a fare soldi. Mentre discuteva del futuro dei servizi ferroviari, Matvienko ha anche descritto l’attuale sistema di comando russo come un'”economia della mobilitazione”.

Come ha spiegato l’analista Nick Trickett in un recente articolo, il Cremlino sta ora cercando di costruire un’economia che non sarà “influenzata dai livelli dei prezzi esterni delle merci”. Per raggiungere questo obiettivo, soprattutto con un rublo drammaticamente più debole, il Cremlino dovrà non solo costruire un’economia di comando, ma anche avere il controllo politico completo sui prezzi. Ciò significa che le imprese non saranno in competizione sul prezzo o sulla qualità, ma sulla base dei loro legami con il Cremlino e altri responsabili delle politiche economiche.

L’Unione Sovietica una volta aveva un tale sistema, ma la costruzione della base industriale su cui faceva affidamento ha preso la brutalità di Stalin e ha inflitto costi senza precedenti al popolo sovietico.

Putin sembra non aver ancora capito cosa ci vorrebbe per costruire un’economia di comando soddisfacente. Si comporta ancora come se un mercato azionario “Potemkin” con scambi limitati e solo una manciata di aziende ancora negoziabili e tagli alle tasse possano aiutare a mantenere le cose a galla mentre va avanti con i suoi piani.

La nuova economia che Putin sta costruendo sulla scia dell’invasione dell’Ucraina avrà alcune somiglianze con l’economia di mercato russa prima del 2022. Ad esempio, le élite che rimarranno fedeli al Cremlino potranno conservare la loro ricchezza – Putin lo ha effettivamente dichiarato. Ma Mosca distribuirà in gran parte solo le sue riserve sempre più scarse tra loro, piuttosto che il bottino del suo settore energetico un tempo in forte espansione.

Tutto sommato, la Russia passerà da un’economia di mercato autocratica, simile a quella cinese, a un’economia di comando autarchica, simile a quella della Corea del Nord.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.