Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Chirurgia colorettale (colon).

Chirurgia colorettale (colon).

0
7

Gli interventi chirurgici colorettali trattano le condizioni che colpiscono il colon (intestino crasso) e il retto. Secondo una ricerca del 2016, sono la più grande sottospecialità della chirurgia eseguita su organi nella cavità addominale.

Il Società americana del cancro (ACS) afferma che la chirurgia è il trattamento principale per il cancro del colon-retto in fase iniziale. Il cancro colorettale è il terzo in più cancro diagnosticato negli Stati Uniti, secondo una revisione del 2022.

Gli interventi chirurgici colorettali sono usati anche per trattare molte altre condizioni gastrointestinali, come ad esempio:

  • malattia infiammatoria intestinale (IBD)
  • diverticolite
  • emorroidi
  • lesioni traumatiche
  • infezioni
  • ostruzioni intestinali

In questo articolo, diamo un’occhiata agli interventi chirurgici primari utilizzati per trattare queste condizioni.

Colectomia o resezione dell’intestino crasso

Una colectomia, chiamata anche resezione dell’intestino crasso, è la rimozione completa o parziale del colon. Si chiama colectomia parziale se viene rimossa solo una parte dell’intestino e colectomia totale se viene rimosso l’intero colon. La rimozione del retto è nota come proctectomia.

Le colectomie lo sono più usato per curare il cancro del colon-retto. Possono anche essere usati per trattare altre condizioni quando le terapie mediche più conservative non funzionano o se la vita di una persona è in pericolo. Queste condizioni includono:

  • Blocchi intestinali. Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per i blocchi intestinali se altri trattamenti, come i liquidi per via endovenosa e il riposo intestinale, non hanno successo.
  • Intussuscezione irreversibile. Un’intussuscezione si verifica quando una parte dell’intestino scivola in una parte vicina dell’intestino. Questo può bloccare il passaggio di cibo o liquidi e interrompere l’afflusso di sangue a quell’area.
  • Volvolo cecale. Un volvolo cecale è un’insolita torsione dell’intestino che potrebbe dover essere corretta con un intervento chirurgico.
  • Diverticolite. La diverticolite è in genere gestita con antibiotici e riposo intestinale. Potrebbe essere necessaria una colectomia parziale per i casi che non rispondono al trattamento. Potresti anche sottoporti a questo intervento chirurgico per rimuovere le cicatrici che si verificano dopo ripetuti attacchi di infiammazione.
  • Polipi precancerosi. I polipi possono in genere essere rimossi per via endoscopica. Non è necessaria la resezione intestinale a meno che i polipi non siano grandi e complessi.
  • Infezioni gastrointestinali. Un’infezione da Clostridium difficile può evolvere in megacolon tossico, nel qual caso potrebbe essere necessario un intervento chirurgico.
  • Colite ulcerosa. La chirurgia può essere utilizzata per la colite ulcerosa se si sviluppa un megacolon tossico o se tutte le altre terapie mediche sono inefficaci.
  • Sanguinamento nell’intestino. La chirurgia per l’emorragia intestinale è rara e viene utilizzata solo come ultima risorsa se altre terapie non funzionano.

Una colectomia può essere eseguita utilizzando due tecniche chirurgiche:

  • Colectomia aperta. Il chirurgo esegue una grande incisione nell’addome per rimuovere il colon.
  • Colectomia laparoscopica. Il chirurgo esegue incisioni più piccole e inserisce un lungo tubo con una fotocamera chiamata laparoscopio.

Entrambe le tecniche hanno tassi di sopravvivenza ed efficacia simili. Ma uno studio del 2020 ha rilevato che la chirurgia laparoscopica è associata a un migliore recupero a breve termine.

colostomia

Una colostomia è una procedura chirurgica che crea un passaggio per il colon attraverso un foro nell’addome, dove le feci vengono raccolte in una sacca. Viene eseguito quando non riesci a far passare le feci attraverso l’ano a causa di malattie, lesioni o problemi al tratto digestivo. Viene spesso utilizzato se una parte dei due punti è stata rimossa e non può essere ricollegata.

Secondo il Servizio Sanitario Nazionale, le condizioni che possono essere trattate con una colostomia includono:

  • cancro colorettale
  • cancro anale
  • cancro vaginale o cervicale

  • Morbo di Crohn
  • diverticolite
  • incontinenza fecale o perdita di feci

  • La malattia di Hirschsprunguna condizione congenita in cui mancano i nervi dall’intestino crasso

Le colostomie possono essere permanenti o temporanee, a seconda della condizione che stanno trattando.

Anastomosi intestinale

L’anastomosi è un intervento chirurgico che rimuove parte di una struttura a forma di tubo, come l’intestino o un vaso sanguigno, e riattacca le estremità. L’anastomosi intestinale si riferisce specificamente alla rimozione di parte o di tutto l’intestino crasso e al riattacco delle estremità. I tipi di anastomosi intestinali includono:

  • Anastomosi intestinale. Una parte del colon viene rimossa e le due estremità rimanenti vengono collegate chirurgicamente.
  • Anastomosi ileocolica. Parte dell’intestino viene rimossa e l’estremità dell’intestino tenue è attaccata alla parte rimanente dell’intestino.
  • Anastomosi ileoanale. Il tuo colon viene rimosso e il tuo intestino tenue è attaccato all’ano.

Tre tecniche vengono utilizzate per collegare l’intestino tenue all’ano. Secondo Ricerca 2019, la maggior parte dei chirurghi ora preferisce la procedura J-pouch. La Crohn’s & Colitis Foundation afferma che la procedura J-pouch è l’intervento chirurgico più comune eseguito su persone con colite ulcerosa. Di solito viene eseguito solo quando i farmaci smettono di funzionare.

  • J-sacchetto. Con la borsa a J, due anse del tuo intestino tenue sono collegate all’ano per contenere le feci.
  • S-sacchetto. La sacca a S è simile alla sacca a J, ma ha un beccuccio corto all’estremità della sacca.
  • K-sacchetto. Se gli interventi chirurgici con busta J o S non sono un’opzione, un chirurgo può eseguire la busta K. Questa tecnica consiste nel deviare le estremità dell’intestino tenue in una sacca che si trova fuori dall’addome.

Colonscopia

I tumori del colon allo stadio 0, alcuni tumori allo stadio 1 e la maggior parte dei polipi possono essere rimossi durante una colonscopia, secondo il sindrome coronarica acuta.

Durante questa procedura, un lungo tubo flessibile con una telecamera chiamata colonscopio viene inserito attraverso il retto e nel colon. Le crescite irregolari vengono quindi rimosse utilizzando uno dei due metodi principali.

  • Polipectomia. In questa procedura, un anello di filo viene fatto passare attraverso il colonscopio e utilizzato per tagliare un polipo dal colon usando l’elettricità.
  • Asportazione locale. Gli strumenti vengono utilizzati attraverso il colonscopio per rimuovere le escrescenze cancerose e una piccola quantità di tessuto sano dall’interno del colon.

Queste procedure evitano la necessità che il medico tagli l’addome. Se i test di laboratorio rilevano che il tumore potrebbe essersi diffuso, potrebbe essere necessaria una colectomia.

Emorroidectomia

Un’emorroidectomia è un intervento chirurgico per rimuovere le emorroidi interne o esterne. Le emorroidi sono vene gonfie nell’ano o nel retto inferiore.

Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico se i trattamenti meno invasivi come creme topiche o farmaci per via orale non funzionano. Le emorroidi richiedono un intervento chirurgico in circa 10 per cento di casi. Durante l’intervento chirurgico, il chirurgo eseguirà piccole incisioni attorno alle emorroidi per rimuoverle utilizzando un bisturi o un laser.

Chirurgia per fistole

Una fistola gastrointestinale è un buco nel tratto gastrointestinale che consente al suo contenuto di fuoriuscire. Le fistole nell’intestino lo sono più spesso causato da complicazioni chirurgiche, ma altre cause includono:

  • cancro
  • Morbo di Crohn
  • diverticolite
  • esposizione alle radiazioni
  • lesioni o traumi da corpi estranei

Una revisione del 2017 ha rilevato che circa il 70-90% delle fistole si chiude senza intervento chirurgico se gestito correttamente.

Le fistole anali, o buchi che si formano tra l’ano e la pelle circostante, vengono spesso trattate con una procedura chiamata fistulotomia. Durante questa procedura, un chirurgo taglia la lunghezza della fistola per aprirla in modo che guarisca con una cicatrice piatta.

Il trattamento chirurgico per le fistole nell’intestino dipende dalla causa sottostante. Spesso include la rimozione della parte danneggiata dell’intestino e il ricollegamento delle parti divise.

Chirurgia per prolasso rettale

Il prolasso rettale è quando una parte del tuo retto sporge attraverso l’ano. Varie tecniche chirurgiche sono utilizzate per trattare il prolasso.

La rettopessi addominale è un’opzione. Secondo a Recensione 2017, l’intervento consiste nel praticare un’incisione nell’addome e riportare il retto nella posizione corretta. È noto come rettopessia laparoscopica quando viene eseguita con una serie di incisioni più piccole e un lungo tubo con una telecamera e strumenti speciali, chiamati laparoscopio.

I chirurghi possono anche riparare il prolasso attraversando il perineo, che è l’area tra l’ano e i genitali. Secondo una revisione del 2021, i principali tipi di procedura perineale sono:

  • Procedura Delorme. Il rivestimento esterno del retto viene rimosso e lo strato muscolare interno viene piegato e cucito in posizione prima che il rivestimento venga riattaccato. Questa procedura viene spesso utilizzata per prolassi più brevi.
  • Procedura Altemeier. L’intera parte del tuo retto che è prolasso viene rimossa e quindi riattaccata. È spesso usato per prolassi più lunghi.
  • Resezione del prolasso perineale con punti metallici (PSPR). PSPR è una tecnica più recente. UN studio 2015 suggerisce che è più veloce e più facile, ma è anche associato ad alti tassi di ricorrenza. La procedura prevede l’uso di un dilatatore anale e suture per riportare il prolasso in posizione.

Gli interventi chirurgici colorettali trattano i problemi del colon o del retto. Sono comunemente usati per trattare il cancro, le MICI e molte altre condizioni.

Indipendentemente dalle tue condizioni, il tuo medico può aiutarti a capire se potresti trarre beneficio da un intervento chirurgico e quale tipo di intervento chirurgico o procedura è il migliore. Il medico può anche consigliarti sui potenziali rischi chirurgici e sul recupero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here