Chi sono i russi di tutti i giorni che si radunano dietro la guerra di Putin?

0
13

Un recente sondaggio del sondaggista indipendente Levada ha mostrato che oltre l’80% sostiene le azioni dell’esercito russo in Ucraina.

La “Z” è diventata un segno di battaglia per mostrare sostegno all’invasione russa dell’Ucraina [Andrej Isakovic/AFP]

La guerra della Russia all’Ucraina è stata criticata da manifestanti scesi in piazza, sacerdoti russi, accademici e personalità della cultura.

Migliaia di persone sono state arrestate per aver partecipato a manifestazioni contro la guerra e molte sono fuggite dal paese in mezzo a una crescente repressione e al peggioramento dell’economia mentre le sanzioni occidentali si accumulavano.

Ma quanto siano rappresentativi questi critici della Russia nel suo insieme è incerto.

Un recente sondaggio del sondaggista indipendente Levada ha mostrato che oltre l’80% sostiene le azioni dell’esercito russo in Ucraina. Come hanno notato alcuni osservatori, i sondaggi d’opinione potrebbero essere distorti dal clima politico. Le pene detentive per la diffusione della “disinformazione”, ad esempio, potrebbero aver lasciato gli intervistati poco onesti.

Tuttavia, sarebbe sbagliato ignorare del tutto questi numeri.

Nel 2014, dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia, la popolarità del presidente Vladimir Putin è salita a un record dell’89%, anche se si è trattato di una campagna relativamente incruenta e meno disordinata.

Il nastro nero e arancione di San Giorgio, simbolo della vittoria nella seconda guerra mondiale e, più in generale, della gloria militare russa, divenne uno spettacolo onnipresente.

Questo tipo di spinta è ciò che gli scienziati politici chiamano l’effetto “raduno intorno alla bandiera”, quando una crisi sostiene un leader altrimenti impopolare.

“Il [current] Ci si aspettava un aumento della popolarità di Putin a causa delle dinamiche dell’identità collettiva e della sua rilevanza durante qualsiasi confronto straniero, e la guerra è il mezzo ultimo per portare l’identità nazionale al centro della visione del mondo dei russi”, ha detto ad Al Jazeera il politologo Gulnaz Sharafutdinova.

«Durante i primi giorni di guerra [in Ukraine] visto un po’ di confusione, il consolidamento nella società cresceva di giorno in giorno. Le sanzioni e il modo in cui sono state percepite e veicolate hanno anche contribuito a rafforzare una posizione difensiva nei confronti dell’Occidente”.

Sharafutdinova ha affermato che i russi sono frustrati dalle nuove sanzioni e provano risentimento nei confronti delle nazioni occidentali, il che potrebbe aver rafforzato il senso di identità di gruppo.

La popolarità di Putin

Putin in passato ha goduto di popolarità per aver portato stabilità e relativa prosperità ai russi dopo gli anni ’90 caotici e pieni di criminalità.

Allo stesso tempo, molti russi sono stati sempre più costernati dalle nazioni occidentali. A loro avviso, il loro paese, un tempo una superpotenza che aveva mandato il primo uomo nello spazio, è stato sempre più disatteso sulla scena internazionale.

Hanno accusato i loro rivali della Guerra Fredda, che si sono insinuati fino ai loro confini, di ingerenza nelle elezioni presidenziali del 1996, quando Boris Eltsin sconfisse lo sfidante comunista Gennady Zyuganov, e di aver infranto il diritto internazionale due anni dopo per costringere alla sottomissione la sua alleata Serbia.

E Putin è visto come una sfida al ruolo autoproclamato degli Stati Uniti come poliziotto del mondo.

Secondo Valentina, 68 anni, accademica di San Pietroburgo, l’Ucraina è solo un altro dei progetti degli Stati Uniti.

“Dopo il colpo di stato in Ucraina nel 2014, avvenuto con la partecipazione degli Stati Uniti, il Paese è passato sotto il controllo esterno”, ha detto ad Al Jazeera, riferendosi alla rivoluzione di Maidan che ha portato alla rimozione dell’allora presidente Viktor Yanukovich, che critici come Valentina hanno liquidato come un colpo di stato orchestrato da Washington.

“Negli anni dal colpo di stato, l’Ucraina è diventata il paese più povero d’Europa ed è stata inondata da ogni tipo di arma, anche biologica. Per la Russia, questo è un vicino pericoloso e aggressivo. Credo che la Russia sia stata costretta a fare questo passo”.

La Russia ha ripetutamente accusato gli Stati Uniti di sviluppare armi biologiche in Ucraina. Funzionari statunitensi hanno riconosciuto il finanziamento di laboratori in Ucraina per lo studio di agenti patogeni mortali, ai fini del controllo delle malattie.

I funzionari statunitensi hanno apertamente sostenuto la rivoluzione del 2013-14 e le conversazioni trapelate hanno rivelato che l’allora assistente del Segretario di Stato Victoria Nuland sceglieva i suoi preferiti per il nuovo governo ucraino, incluso il politico intransigente anti-russo Arseniy Yatsenyuk. Poche settimane dopo quella fuga di notizie, Yatsenyuk è stato nominato primo ministro.

Valentina considerava l’attuale governo ucraino interamente un burattino degli Stati Uniti e credeva che il presidente Volodymyr Zelenskyy non potesse scendere a compromessi con la Russia, anche se lo avesse voluto.

La Casa Bianca, secondo lei, è disposta a sacrificare l’Ucraina per condurre una guerra per procura contro la Russia.

“Anche se avesse fatto un simile tentativo, probabilmente sarebbe stato in grado di rivendicare il Premio Nobel per la Pace, ma ovviamente non vivrebbe abbastanza per vederlo poiché sarebbe stato eliminato immediatamente”, ha detto di Zelenskyy. “Gli Stati Uniti faranno la guerra in Ucraina fino all’ultima goccia di sangue ucraino”.

I russi che sostengono la cosiddetta “operazione militare speciale” del loro paese credono anche che il governo ucraino sia stato catturato da elementi neonazisti, il che si collega a una lunga storia di nazionalismo ucraino visto come ostile alla Russia.

Il fumetto di Superputin ritrae il presidente russo come un maestro di karate che combatte terroristi e liberali simili a zombi
Il fumetto “Superputin” di Sergey Kalenik dipinge il presidente russo come un maestro di karate che combatte terroristi e liberali simili a zombi [Courtesy of Sergey Kalenik]

Ma nonostante i nazionalisti ucraini si affermino costantemente contro la Russia, collaborando anche con le forze naziste durante la seconda guerra mondiale, molti sono d’accordo con Putin e vedono le due nazioni come una stessa cosa.

“Ogni russo ha parenti in Ucraina, e anche ogni ucraino ha parenti in Russia: è impossibile distinguerli. Sono fisicamente una sola persona che parla la stessa lingua”, ha detto Sergey Kalenik, un professionista di PR di 36 anni a Mosca la cui serie a fumetti “Superputin” considera il presidente russo un eroe.

“L’Ucraina è parte integrante della Russia, proprio come il Galles lo è per il Regno Unito, e chiunque la pensi diversamente non è un russo”.

Nel 2014, gli ultranazionalisti ucraini hanno preso parte attiva ai combattimenti di strada con la polizia antisommossa di Berkut durante la rivoluzione di Maidan.

L’anno successivo, dozzine di attivisti filo-russi furono bruciati vivi in ​​un edificio sindacale a Odesa e il famigerato gruppo paramilitare Azov, che attirava i neonazisti, fu formato per combattere i separatisti filo-russi nell’est dell’Ucraina.

La narrativa secondo cui l’Ucraina è un paese invaso dai neonazisti è stata spesso propagandata da Putin, i cui obiettivi di guerra dichiarati includono la “denazificazione” del paese.

Kalenik considerava l'”operazione speciale”, come viene ufficialmente chiamata l’invasione, un attacco preventivo, preciso e calcolato per mettere fuori combattimento un avversario e costringerlo a un accordo.

Il conflitto, a quanto pare, era inevitabile.

“Il punto di svolta negli atteggiamenti nei confronti dell’Ucraina è stato il 2 maggio 2014, quando a Odesa i nazionalisti hanno radunato russi disarmati in un edificio e li hanno bruciati vivi”, ha detto Kalenik ad Al Jazeera.

“Le persone che hanno fatto questo non sono state punite, l’atto non è stato condannato e invece i nazisti con la svastica come il Battaglione Azov sono rimasti al potere. Quindi, l’intero sistema deve essere cambiato.

“Gli ucraini sono tenuti in ostaggio dai nazionalisti – dopotutto, per cosa hanno votato gli ucraini nelle ultime elezioni? Zelenskyy ha promesso di porre fine alla guerra [in Donbas]ripristinare la democrazia e la libera imprenditorialità”.

Ha accusato Zelenskyy di aver distrutto l’economia ucraina, di aver messo al bando i partiti di opposizione e di reprimere i media indipendenti, il che sostiene una verità. Prima dell’invasione, Zelenskyj chiuse diverse stazioni televisive considerate filo-russe e fece arrestare oligarchi dell’opposizione, sollevando preoccupazioni sulla libertà di parola.

“Più importante, [he] ha cominciato a raccogliere armi atomiche e battaglioni nazisti”, ha detto Kalenik. “Ti sembra la volontà del popolo? No, è una dittatura totalitaria”.

In Russia, lo stato è stato regolarmente accusato di esercitare pressioni sui media indipendenti e dall’inizio della guerra tutti i media non statali sono stati costretti a chiudere o sospendere le loro operazioni.

Kalenik non era troppo preoccupato per loro, definendo tali giornali e siti web “disgustose istituzioni fasciste” che spacciavano “nuda propaganda”.

Ma è comunque riuscito ad accedere a una varietà di fonti di notizie nonostante la repressione, ed è particolarmente deluso dalla copertura mediatica occidentale e dalla sua enfasi sui presunti crimini di guerra russi.

“Purtroppo, quasi tutti sono caduti nella propaganda militare primitiva”, ha detto.

“Non possono nemmeno fare falsi. L’ospedale di maternità di Mariupol, un teatro drammatico con bambini, saccheggi da parte dei soldati russi, Zelenskyy si trovava di fronte a uno schermo verde: queste produzioni a buon mercato non resistono alle critiche”, ha aggiunto, concordando con le affermazioni del Cremlino secondo cui i crimini di guerra sono stati messi in scena dagli ucraini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here