Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos'è l'allegato disorganizzato?

Che cos'è l'allegato disorganizzato?

0
73

Quando nascono i bambini, dipendono completamente dai loro genitori per sopravvivere.

È questa dipendenza che spinge gli umani a cercare una connessione e a sviluppare attaccamento alle persone che li aiuteranno a sopravvivere: i loro genitori o gli operatori sanitari di base.

Man mano che un bambino cresce e si sviluppa, il modo in cui i loro custodi rispondono e soddisfano – o non soddisfano – i loro bisogni informeranno se sviluppano un attaccamento sano, organizzato o un attaccamento malsano e disorganizzato.

Che cos'è l'attaccamento disorganizzato?

Quando un bambino ha sviluppato un attaccamento organizzato al proprio caregiver, il caregiver fornisce una base sicura e protetta per loro.

Il bambino sa di avere da qualche parte e qualcuno a cui tornare, qualcuno che cercherà sempre di soddisfare i propri bisogni. Ciò consente loro di sentirsi sicuri di avventurarsi in modo indipendente e correre rischi mentre esplorano il mondo.

Quando un bambino ha sviluppato un attaccamento disorganizzato, il suo caregiver non ha creato una base sicura per cui tornare con fiducia.

Invece, potrebbero aver creato una relazione con il bambino in cui il bambino li ama e si prende cura di loro, ma anche li teme.

Questo lascia il bambino costantemente incerto su come il caregiver risponderà ai suoi bisogni. L'istinto di un bambino è quindi in conflitto. Sono cablati per chiedere supporto e sicurezza al loro caregiver, ma hanno anche paura di loro.

Quali sono le cause?

L'attaccamento disorganizzato si sviluppa dall'incapacità costante di un genitore di rispondere adeguatamente all'angoscia del figlio o dalla risposta incoerente di un genitore ai sentimenti di paura o angoscia del figlio.

Ad esempio, un bambino potrebbe essere angosciato per essere lasciato con una nuova babysitter o un caregiver sconosciuto. Invece di calmare il bambino o fornire supporto, il genitore potrebbe urlare al bambino o tentare di usare la paura o l'intimidazione nel tentativo di far smettere di piangere.

In alternativa, il genitore potrebbe parlare in modo rassicurante, ma evitare il contatto fisico o la vera connessione.

In un altro esempio, il bambino potrebbe avere paura di essere lasciato solo nel letto di notte. Potrebbero gridare per il genitore. Mentre il genitore a volte potrebbe rispondere con gentilezza e sostegno, altre volte potrebbe:

  • ignora le loro grida per lunghi periodi
  • mai rispondere
  • rispondere urlando o deridendo le paure del bambino

L'attaccamento disorganizzato è spesso il risultato di schemi genitoriali intergenerazionali. Ciò significa che i genitori stanno rispondendo ai loro figli negli stessi modi malsani in cui i loro genitori hanno risposto loro quando erano bambini.

Che aspetto ha l'allegato disorganizzato?

I genitori potrebbero riconoscere l'attaccamento disorganizzato nel loro bambino o bambino se sembrano costantemente al limite.

Possono costantemente desiderare l'attenzione dei loro genitori o caregiver, ma poi rispondere spaventosamente a tale attenzione. I genitori potrebbero anche notare che il loro bambino risponde alla loro presenza con lacrime, evitamento o un'altra risposta spaventosa.

Gli esperti di attaccamento hanno condotto una serie di esperimenti per saperne di più sull'attaccamento nei neonati e nei bambini.

In un esperimento più vecchio, i ricercatori hanno chiesto ai genitori di lasciare brevemente la stanza mentre i loro bambini giocavano.

I bambini con un attaccamento organizzato al genitore piangevano o si arrabbiarono quando se ne andarono, ma poi si calmarono rapidamente quando il genitore tornò e iniziò a calmarli.

I bambini con un attaccamento disorganizzato spesso piangevano anche quando il loro genitore lasciava la stanza. Tuttavia, al loro ritorno, o hanno continuato a piangere o sono corsi verso e poi allontanandosi da loro, o hanno avuto problemi a calmarsi, indipendentemente dalla risposta del genitore.

Questi bambini con attaccamento disorganizzato erano in difficoltà quando i loro genitori se ne andarono, ma rimasero in difficoltà al loro ritorno. Entrambi desideravano e temevano i loro genitori.

I genitori che promuovono un attaccamento disorganizzato nei loro figli spesso rispondono alla loro angoscia senza il temperamento calmo e rassicurante che favorirebbe un attaccamento sicuro.

Possono anche inviare segnali contrastanti: un momento rilassante, il successivo arrabbiato o sopraffatto.

Invece di occuparsi delle esigenze del proprio figlio, potrebbero rispondere alla paura o all'angoscia del figlio attraverso:

  • ridendo delle paure o delle lacrime di un bambino
  • urlando a un bambino di smettere di piangere
  • a volte rispondendo alle grida di un bambino, ma ignorandole per lunghi periodi altre volte
  • lenisce brevemente un bambino prima di perdere la pazienza e urlare o intimidire il bambino
  • beffardo di un bambino in difficoltà

Qual è il trattamento?

Se sei preoccupato per un attaccamento disorganizzato che si forma tra te e tuo figlio, è importante cercare aiuto. Questo tipo di attaccamento può avere conseguenze negative per tutta la vita se non affrontato.

Se riconosci uno dei segni di attaccamento disorganizzato nella tua famiglia, un terapeuta può aiutarti a districare i modelli genitoriali che lo hanno portato. Possono aiutarti a sviluppare gli strumenti necessari per creare attaccamenti forti e positivi nella struttura della tua famiglia.

I terapisti che si concentrano sull'attaccamento lavoreranno spesso individualmente con il genitore per aiutarli a comprendere le proprie paure irrisolte. Aiuteranno il genitore a capire il modo in cui si relazionavano con i loro caregiver quando erano bambini.

Possono anche lavorare con il genitore e il figlio in gruppo per aiutarli a sviluppare nuovi modi più salutari di relazionarsi l'un l'altro. Questo tipo di terapia genitore-figlio spesso coinvolge il terapeuta che guida un genitore nel calmare un bambino in situazioni angoscianti.

Un terapeuta può anche concentrarsi sull'aiutare a sviluppare una serie di abilità di coping per evitare di essere sopraffatto. Possono aiutare il genitore a riconoscere e rispondere alle proprie emozioni in relazione alla genitorialità e all'attaccamento.

Puoi prevenire l'attaccamento disorganizzato?

Sebbene l'attaccamento disorganizzato possa essere difficile da trattare, è prevenibile. I genitori possono lavorare per prevenire l'attaccamento disorganizzato riconoscendo che potrebbero avere problemi persistenti dall'infanzia e cercare consulenza prima dell'inizio o all'inizio del loro viaggio di genitorialità.

I genitori possono anche lavorare per sviluppare risposte adeguate all'angoscia del loro bambino. La terapia di gruppo o individuale può aiutare a sviluppare queste risposte. Anche il supporto di amici, parenti e partner può essere d'aiuto.

Lo sviluppo di modelli genitoriali positivi è una parte importante della prevenzione dell'attaccamento disorganizzato. Sebbene possa essere più o meno difficile per persone diverse, è possibile anche per coloro che non sono cresciuti con un attaccamento organizzato ai propri genitori.

Porta via

Mentre i genitori hanno ragione a preoccuparsi di sviluppare un attaccamento sano e organizzato con i propri figli, è importante notare che l'attaccamento si forma nel tempo. Nessuna interazione modellerà l'intero stile di attaccamento di un bambino.

È normale essere sopraffatti dai genitori di volta in volta, o rispondere ai bambini in modi che in seguito potremmo riconoscere come meno che ideali.

Ma fintanto che ci sforziamo di essere gentili, empatici e di rispondere in modo adeguato all'angoscia di nostro figlio, le probabilità di crescere un bambino con un attaccamento sicuro e organizzato sono molto probabili.


Julia Pelly ha conseguito un master in sanità pubblica e lavora a tempo pieno nel campo dello sviluppo positivo dei giovani. Julia ama fare escursioni dopo il lavoro, nuotare durante l'estate e fare lunghi pisolini pomeridiani con i suoi figli durante i fine settimana. Julia vive nella Carolina del Nord con suo marito e due giovani ragazzi. Puoi trovare altre sue opere su JuliaPelly.com.