“Brutto segno”: gli studiosi di diritto mettono in dubbio la sentenza primaria di Trump della Corte Suprema degli Stati Uniti

0
23

La corte ha respinto un tentativo del Colorado di escludere Trump dalle primarie dello stato per il suo ruolo nella rivolta del 6 gennaio.

Donald Trump parla dietro il podio della Casa Bianca accanto alla bandiera degli Stati Uniti.
I critici hanno accusato l’ex presidente Donald Trump di incoraggiare i suoi sostenitori ad attaccare il Campidoglio il 6 gennaio 2021 [Evan Vucci/AP]

Washington DC – L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump l’ha salutata come una vittoria. I suoi critici lo hanno considerato un duro colpo contro la responsabilità.

Ma gli esperti sostengono che la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di consentire a Trump di rimanere nelle primarie del Colorado è sempre stata l’esito più probabile. La sorpresa, sostengono, sta nei dettagli.

Lunedì la Corte Suprema ha respinto i tentativi del Colorado di escludere Trump dalle primarie presidenziali repubblicane dello stato ai sensi del 14° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

Tale emendamento contiene una cosiddetta “clausola di insurrezione”: una sezione della legge che squalifica i candidati dalle cariche pubbliche se “si sono impegnati in un’insurrezione o in una ribellione” contro il governo degli Stati Uniti.

A dicembre la Corte Suprema dello stato del Colorado ha stabilito che Trump era entrato in conflitto con la clausola sull’insurrezione istigando la rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021. Ma con una sentenza unanime, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ritenuto che lo stato non potesse rimuovere Trump dalla sua ballottaggio primario.

Thomas Keck, professore di scienze politiche alla Syracuse University, ha detto ad Al Jazeera che il caso del Colorado ha affrontato a lungo una dura battaglia.

“Sicuramente è sempre stata una scommessa azzardata e la sentenza non è sorprendente”, ha spiegato Keck. Ma, ha aggiunto, la sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti ha aperto questioni più ampie su quali barriere esistano per proteggere la democrazia americana.

“Sono passati tre anni [since January 6], e Trump ha dovuto affrontare conseguenze quasi pari a zero. Questo è un brutto segno per la salute delle istituzioni democratiche del paese”, ha detto Keck.

Una reazione pubblica divisa

Trump ha rivendicato la sua rivendicazione dopo la sentenza, descrivendo il caso come parte di una “caccia alle streghe” politica e legale volta a compromettere le sue possibilità di rielezione.

I suoi sostenitori si sono affrettati a cogliere questa narrazione sulla scia della sentenza di lunedì.

In un post sui social media, il deputato repubblicano Matt Gaetz ha definito la decisione una sconfitta per “ingerenza elettorale da parte della legge”. Un altro repubblicano, il deputato William Timmons, l’ha salutata come una “grande vittoria per l’America e un’enorme perdita per i democratici che cercano di interferire nelle elezioni”.

I democratici, nel frattempo, hanno reagito con un misto di indignazione e ambivalenza, e alcuni hanno messo in dubbio l’idea di rimuovere Trump dal ballottaggio.

Quentin Fulks, manager della campagna di rielezione del presidente Joe Biden, ha risposto con indifferenza alla decisione della Corte Suprema. È probabile che Biden affronti nuovamente Trump nelle elezioni generali di quest’anno, dopo averlo sconfitto nella corsa presidenziale del 2020.

“Non ci interessa davvero”, ha detto Fulks durante un’intervista su MSNBC lunedì.

“Non è stato il modo in cui avevamo pianificato di battere Donald Trump”, ha continuato. “Il nostro obiettivo fin dal primo giorno del lancio di questa campagna è stato quello di sconfiggere Donald Trump alle urne”.

“Abbastanza scioccante”

Il caso del Colorado dipendeva dalle azioni di Trump all’indomani delle elezioni del 2020. Dopo la sconfitta di Trump contro Biden, un gruppo di suoi sostenitori ha preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti nel violento tentativo di ribaltare la sua sconfitta.

Lo scorso settembre, un gruppo di sei elettori del Colorado – con il sostegno del gruppo di controllo liberale Citizens for Responsibility and Ethics in Washington (CREW) – ha presentato una petizione al tribunale statale per escludere Trump dal ballottaggio sulla base del suo ruolo nella la rivolta.

Trump è da tempo accusato di aver incitato i suoi sostenitori con false affermazioni secondo cui le elezioni sarebbero state rubate attraverso una frode su larga scala.

Nella sentenza di lunedì, i nove giudici della Corte Suprema – sei conservatori, tre di sinistra – hanno concordato all’unanimità che gli stati possono solo squalificare coloro che ricoprono o aspirano a incarichi a livello statale. La presidenza degli Stati Uniti, hanno detto, era una questione diversa.

“Gli Stati non hanno il potere, ai sensi della Costituzione, di far rispettare la Sezione 3 [of the 14th Amendment] rispetto agli uffici federali, in particolare alla Presidenza”, hanno scritto.

Da lì, però, l’unanimità è finita. In un parere a maggioranza non firmata, cinque giudici conservatori hanno sostenuto che, a livello federale, solo il Congresso degli Stati Uniti può escludere un individuo dalla candidatura a una carica per motivi di insurrezione.

“La Costituzione autorizza il Congresso a prescrivere come dovrebbero essere prese tali decisioni”, hanno scritto. “I termini dell’emendamento parlano solo dell’applicazione da parte del Congresso.”

Ma i critici avvertono che la decisione – con la sua enfasi sull’azione del Congresso – potrebbe limitare il potere del potere giudiziario di interpretare il 14° emendamento.

Claire Finkelstein, direttrice del Centro per l’etica e lo stato di diritto presso la Law School dell’Università della Pennsylvania, ha definito l’argomentazione della maggioranza “piuttosto scioccante”.

Ha spiegato che, secondo la sua logica, la Corte Suprema potrebbe non essere in grado di squalificare qualcuno come Trump dalla partecipazione alle primarie, anche se fosse stato condannato con l’accusa federale di insurrezione.

La corte avrebbe bisogno di “qualche atto legislativo federale che dica che una condanna federale per insurrezione dovrebbe contare ai fini dell’emendamento”, ha detto.

Lunedì, il membro del Congresso Jamie Raskin, un democratico, ha detto al sito di notizie Axios di aver iniziato a elaborare un disegno di legge del genere. Ma i critici sottolineano che tale legislazione si trova di fronte a grandi probabilità, dato l’ampio sostegno di cui Trump gode nel Partito Repubblicano, che controlla la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti.

Discordia in panchina

Anche altri membri della Corte Suprema hanno messo in dubbio la portata dell’opinione della maggioranza, mettendo in guardia da un pericoloso precedente.

I tre giudici liberali della corte – Sonia Sotomayor, Ketanji Brown Jackson ed Elena Kagan – hanno denunciato l’opinione come eccessiva in un parere congiunto. Sostenevano che ciò sostanzialmente neutralizzasse la capacità della corte di intervenire sulla questione in futuro.

“Questa Corte è autorizzata a ‘dire qual è la legge'”, hanno scritto. “Oggi la Corte si discosta da quel principio vitale, decidendo non solo su questo caso ma anche sulle sfide che potrebbero sorgere in futuro”.

Mettendo la questione nelle mani del Congresso, i tre giudici hanno sostenuto che la maggioranza aveva “chiuso la porta ad altri potenziali mezzi di applicazione federale”, al fine di “isolare” la corte “da future controversie”.

“Oggi, la maggioranza va oltre le necessità di questo caso per limitare il modo in cui la Sezione 3 può impedire a un insurrezionista che ha prestato giuramento di diventare presidente”, hanno scritto. “Protestiamo contro il tentativo della maggioranza di sfruttare questo caso
definire i limiti dell’applicazione federale di tale disposizione”.

Un quarto giudice, Amy Coney Barrett, nominata da Trump, ha espresso la propria opinione, separata dalla maggioranza. Nella sua risposta ha affrontato il clima politico teso.

“La Corte ha risolto una questione politicamente impegnativa nella stagione instabile delle elezioni presidenziali”, ha scritto.

Tuttavia, anche lei ha avvertito che la maggioranza della Corte non dovrebbe “amplificare il disaccordo con stridore”.

“Soprattutto in questa circostanza, gli scritti sulla Corte dovrebbero abbassare la temperatura nazionale, non alzarla”, ha spiegato. Il caso del Colorado, ha sostenuto, non richiedeva che la corte “affrontasse la questione complicata
se la legislazione federale sia lo strumento esclusivo attraverso il quale la Sezione 3 può essere applicata”.

“Avrei potuto definire questo momento”

Riportando Trump al ballottaggio in Colorado, la sentenza di lunedì potrebbe aver evitato un terzo binario politico, una controversia che avrebbe potuto innescare ulteriori tensioni. Ma Keck della Syracuse University ha comunque avvertito che la decisione della Corte Suprema ha inviato un messaggio più ampio e inquietante sulla potenziale impunità per le figure politiche.

Keck ha affermato che i problemi legali di Trump evocano un paragone con il procedimento giudiziario dell’ex presidente di estrema destra del Brasile Jair Bolsonaro, che similmente affronta le accuse di aver contribuito a fomentare un colpo di stato dopo la sua sconfitta elettorale nel 2022.

A Bolsonaro, tuttavia, da allora è stato impedito di ricoprire cariche pubbliche fino al 2030.

“Confrontiamo questo con un paese come il Brasile, che ha intrapreso un’azione rapida contro figure politiche che hanno abusato del loro potere per cercare di restare in carica nonostante abbiano perso le elezioni”, ha detto Keck.

Finkelstein ha anche detto ad Al Jazeera che la decisione di lunedì è stata un’occasione mancata per fare una “dichiarazione di valori molto chiara per il Paese”. Ha sottolineato che i giudici hanno evitato di valutare se Trump fosse responsabile dell’attacco al Campidoglio.

“Avrebbe potuto definire questo momento del 6 gennaio 2021 come un’insurrezione e il coinvolgimento di Trump in essa”, ha detto.