Altri prigionieri palestinesi liberati mentre si protrae il terzo giorno della tregua tra Israele e Hamas

0
49

Lo scambio di prigionieri tra Hamas e Israele continua per il terzo giorno consecutivo nell’ambito di un accordo di tregua di quattro giorni.

Awar
Mohammed Al-Awar, a sinistra, bacia la fronte di suo padre al ritorno nella sua casa nella Gerusalemme est occupata [Ahmad Gharabli/AFP]

Un terzo gruppo di 39 prigionieri palestinesi è stato liberato mentre lo scambio di prigionieri tra Hamas e Israele continua per il terzo giorno nell’ambito di un accordo di tregua di quattro giorni.

Grandi folle di palestinesi sono scese in strada a Ramallah, nella Cisgiordania occupata, domenica notte mentre aspettavano gli autobus della Croce Rossa che trasportavano i prigionieri.

Alcuni sventolavano bandiere palestinesi accanto a quelle dei due principali partiti politici palestinesi, Hamas e Fatah. Alcuni giovani sono saliti su un autobus bianco che trasportava soprattutto giovani uomini e alcune detenute.

“All’inizio non ci credevamo”, ha detto Shakir Mahajna ad Al Jazeera mentre aspettava con la sua famiglia suo figlio Omar, che ha recentemente compiuto 18 anni.

“L’ultima volta che sono andato a trovarlo era frustrato, mi ha detto ‘Papà, voglio andarmene'”, ha detto Mahajna, il cui figlio aveva 16 anni quando fu arrestato e gli restavano quattro mesi di pena.

“Dopo quello che è successo a ottobre, ero ancora più spaventato”, ha detto ad Al Jazeera Nour Ara’ar, il cui fratello diciassettenne Zeid è stato arrestato a luglio.

“Tutto è stato sospeso a causa della guerra”, ha aggiunto. “Il processo non ha avuto luogo.”

“Siamo felici, ma proviamo sentimenti contrastanti. La nostra gioia è incompleta a causa di ciò che sta accadendo a Gaza”, ha aggiunto.

Nel frattempo, nella vicina Beitunia, dove si erano radunati anche alcuni palestinesi, tre palestinesi di 15, 18 e 33 anni sono rimasti feriti dopo che le forze israeliane hanno sparato proiettili veri, ha detto la Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS). Due bambini, di età compresa tra 11 e 13 anni, sono stati ricoverati in ospedale per inalazione di gas lacrimogeni, ha aggiunto il PRCS.

Hamas libera un bambino americano e un russo

Domenica scorsa, Hamas ha consegnato 13 prigionieri israeliani, tra cui nove bambini e quattro cittadini stranieri – tre tailandesi e un russo israeliano – al Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) come parte dell’accordo di tregua.

Il russo israeliano è stato rilasciato “in risposta agli sforzi del presidente russo Vladimir Putin e in riconoscimento della posizione della Russia a sostegno della Palestina”, ha affermato Hamas in una nota. È il primo prigioniero maschio ad essere rilasciato da quando è entrato in vigore l’accordo di tregua.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che tra le persone rilasciate figura anche una bambina israelo-americana di quattro anni, Abigail Edan, i cui genitori sono stati uccisi nell’attacco di Hamas del 7 ottobre.

“È libera e si trova in Israele”, ha detto, aggiungendo che è stata rilasciata anche un’altra donna con doppia cittadinanza americana, una donna di 45 anni. Biden ha anche esortato le parti a estendere l’accordo di tregua per consentire ulteriori rilasci.

Lo scambio dei prigionieri è stato ritardato di alcune ore sabato dopo che Hamas ha accusato Israele di violare l’accordo di tregua. La situazione di stallo ha suscitato la preoccupazione che l’accordo fosse a rischio di deragliare.

L’impasse è stata risolta grazie alla mediazione del Qatar e dell’Egitto.

Secondo l’accordo Israele-Hamas, circa 150 prigionieri palestinesi e 50 civili detenuti a Gaza saranno rilasciati nell’arco di quattro giorni.

L’assalto terrestre e aereo di Israele alla Striscia di Gaza assediata ha finora ucciso più di 15.000 palestinesi e lasciato in rovina vaste aree dell’enclave.

Il servizio fotografico di Netanyahu a Gaza

Prima dello scambio di domenica, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha visitato Gaza, la prima volta dall’inizio dell’assalto a Gaza il mese scorso.

“Continuiamo fino alla fine – fino alla vittoria”, ha detto ai soldati, come mostrano i filmati pubblicati online dal suo ufficio.

“Niente ci fermerà e siamo convinti di avere il potere, la forza, la volontà e la determinazione per raggiungere tutti gli obiettivi della guerra, e lo faremo”.

Imran Khan di Al Jazeera, riferendo da Gerusalemme Est occupata, ha detto che è la prima volta che un primo ministro israeliano entra a Gaza da quando Israele si è disimpegnato dall’enclave nel 2005.

“È una visita fondamentale”, ha detto. “Abbiamo sentito Netanyahu parlare di vittoria, ma non in questo luogo. Questo luogo è ciò che vuole che il pubblico israeliano veda”, ha aggiunto, definendolo un “servizio fotografico”.

In una dichiarazione di domenica, Hamas ha affermato che sta cercando di estendere la tregua di quattro giorni con Israele nel caso in cui vengano compiuti seri sforzi per aumentare il numero di detenuti palestinesi rilasciati dalle carceri israeliane.

Parlando da Beirut, il portavoce di Hamas Osama Hamdan ha detto ad Al Jazeera che si aspetta che il presidente americano Biden spinga Israele a porre fine alla guerra contro la Striscia di Gaza.

“Il presidente Biden ha la capacità di porre fine all’offensiva israeliana contro Gaza. Ha il potere per farlo e parlare di estensione del cessate il fuoco non è la soluzione.

“La soluzione è fermare l’attacco israeliano contro Gaza e costringere Israele ad attuare le risoluzioni internazionali riguardanti il ​​popolo palestinese”, ha affermato.