A Lydd, i palestinesi temono la guerra di Israele e la minaccia di espulsione

0
37

Dal 7 ottobre, i palestinesi di Lydd vivono nel costante timore della violenza statale e degli estremisti israeliani.

Gli arabi israeliani manifestano con bandiere palestinesi nella città mista di Lod vicino a Tel Aviv il 13 maggio 2022, un anno dopo che un membro della loro comunità è stato ucciso durante la violenza intercomunitaria.  (Foto di JACK GUEZ/AFP)
Palestinesi in Israele manifestano con bandiere palestinesi nella città mista di Lydd vicino a Tel Aviv il 13 maggio 2022, un anno dopo che un membro della comunità è stato ucciso durante la violenza intercomunitaria [Jack Guez/ AFP]

Lydd, Israele – Una settimana dopo che Israele aveva iniziato a bombardare Gaza lo scorso ottobre, Ghassan Mounayer ha ricevuto una chiamata dalla polizia israeliana.

Un ufficiale lo ha avvertito di non scrivere post critici su Facebook sulla guerra o di indire manifestazioni a Lydd [Lod in Hebrew]dove cittadini palestinesi di Israele come Mounayer vivono accanto a ebrei israeliani.

“Hanno detto: ‘Stiamo guardando il vostro Facebook’, e di non scrivere nulla di ‘satanico'”, ha detto Mounayer, che è un attivista per i diritti umani. “Ho detto: ‘Hai qualche esempio di post come questo?’ Ha detto: “Non essere intelligente”. Sei osservato’.”

Da quando Israele ha lanciato la sua guerra a Gaza in seguito all’attacco mortale di Hamas del 7 ottobre, le tensioni nelle città miste palestinesi e israeliane hanno raggiunto il punto di ebollizione. Ma pochi posti sono così tesi come Lydd, una città gestita dal sindaco di estrema destra Yair Revivo e dove i rapporti tra palestinesi ed ebrei israeliani sono tesi da anni.

Gli attivisti palestinesi affermano di temere per la propria vita, vivendo all’ombra delle autorità israeliane e dei cittadini ebrei israeliani pesantemente armati, molti dei quali appartengono a movimenti suprematisti. Avvertono che la città potrebbe “esplodere” in un conflitto e portare alla persecuzione e persino all’espulsione dei residenti palestinesi.

“I palestinesi sanno che gli israeliani cercano qualsiasi situazione per ucciderci o arrestarci, perché in questo momento è tempo di guerra”, ha detto Mounayer ad Al Jazeera.

“Israele è solo una democrazia per gli ebrei israeliani e molti ebrei israeliani vogliono che lasciamo Lydd e andiamo nei villaggi arabi”.

“Vivere sotto costante minaccia”

I palestinesi di Lydd costituiscono circa il 27% della popolazione della città, molti dei quali vivono in quartieri urbani e poveri e le cui famiglie vivono a Lydd da generazioni, da prima della Nakba o catastrofe, quando 750.000 palestinesi furono sradicati dalle loro case e villaggi durante la creazione di Israele.

Alcuni sono figli e nipoti di palestinesi fuggiti dal villaggio di Majdal, che si trova a circa 62 km da Lydd, durante la Nakba. Altri da Majdal – ora chiamata Ashkelon in Israele – andarono a Gaza. Intere famiglie palestinesi oggi rimangono divise tra Lydd e Gaza.

Maha al-Nakeeb, un’avvocatessa palestinese per i diritti umani a Lydd, ha perso 16 dei suoi parenti nell’implacabile campagna di bombardamenti israeliani a Gaza. Nonostante il trauma, si è astenuta dal commentare o criticare la guerra sui social media per paura di poter essere arrestata.

Nelle prime due settimane dopo il 7 ottobre, almeno 100 cittadini palestinesi di Israele sono stati arrestati per post sui social media che esprimevano simpatia o rabbia per la guerra di Israele a Gaza, che finora ha ucciso più di 30.000 persone, la stragrande maggioranza delle quali sono bambini e adolescenti. donne. Altre migliaia si perdono sotto le macerie della guerra, presumibilmente morte.

“I palestinesi vivono sotto costante minaccia… tutti gli arabi qui vivono nella paura”, ha detto al-Nakeeb ad Al Jazeera. “Gli israeliani vogliono farci credere che viviamo in casa loro. Che questa città – questo posto – non ci appartiene”.

Mounayer ha aggiunto che Israele ha storicamente cercato di punire o reprimere le espressioni di solidarietà tra i palestinesi che vivono in Israele e coloro che vivono nei territori occupati. Ha aggiunto che i palestinesi di Lydd mantengono la loro rabbia per tutte le notizie di atrocità israeliane provenienti da Gaza.

“Israele non vuole che proviamo solidarietà con i nostri fratelli e sorelle. Non vogliono che chiediamo diritti collettivi”, ha detto.

“Non siamo trattati come cittadini”

Gli estremisti israeliani vedono da tempo Lydd – e altre città miste – come un campo di battaglia sul quale combattono per aumentare il loro numero e cancellare gradualmente l’esistenza palestinese.

Questa è la missione esplicita di Garin Torani, o Biblical Seeds, un gruppo suprematista israeliano che si stabilisce intenzionalmente nei quartieri palestinesi di tutto Israele. Dato che la maggior parte dei palestinesi non è in grado di ottenere permessi di costruzione, i membri di questo gruppo e altri israeliani di estrema destra sfruttano questa politica discriminatoria per costruire nuove case nei distretti palestinesi densamente popolati.

Quando il primo ministro Ariel Sharon ritirò le truppe e i coloni israeliani da Gaza nel 2005, molti coloni si trasferirono a Lydd e in altre città miste. Anche i coloni illegali provenienti dalla Cisgiordania occupata si sono trasferiti strategicamente a Lydd per “giudaizzare” la città, spesso provocando una acuta gentrificazione e crescenti tensioni con i palestinesi.

Ma ogni volta che scoppia una disputa, le forze di sicurezza e il sindaco Revivo proteggono esclusivamente gli ebrei israeliani, secondo Nisrine Shehada, un’attivista palestinese di Lydd.

“Siamo cittadini di questo Stato, ma non siamo mai trattati come cittadini”, ha detto ad Al Jazeera dal suo ufficio.

Shehada ha ricordato le proteste di solidarietà di Lydd con i palestinesi che erano stati espulsi da Sheikh Jarrah a Gerusalemme est e attaccati nella moschea di Al-Aqsa nel maggio 2021.

Tornati a Lydd, gli ebrei israeliani di estrema destra hanno risposto alle proteste attaccando e sparando contro un gruppo di palestinesi il 10 maggio. Hanno ucciso Musa Hassuna, 32 anni, un palestinese residente in città.

Dopo l’incidente, le proteste si sono intensificate così come la violenza etnica tra israeliani e palestinesi. Un uomo ebreo israeliano, Yigal Yehoshua, fu ucciso da una folla palestinese una settimana dopo.

Secondo Human Rights Watch, le autorità israeliane hanno gestito le uccisioni di Hassuna e Yehoshua in modo molto diverso. Tutti i sospetti ebrei israeliani furono rilasciati su cauzione entro soli due giorni dall’omicidio di Hassuna e furono successivamente prosciolti da ogni accusa. Tuttavia, otto uomini palestinesi sono stati rapidamente arrestati in relazione all’uccisione di Yehoshua e accusati di “omicidio” e “terrorismo”.

La polizia inoltre non è riuscita a proteggere i palestinesi dalla violenza dei gruppi ebrei israeliani di estrema destra e ha arrestato 120 palestinesi a Lydd, rispetto ai soli 34 ebrei israeliani.

“Le proteste erano comprensibili e previste, ma il governo ha fatto pagare un prezzo a tutti i palestinesi”, ha detto al-Nakeeb.

“Sappiamo che ci vogliono cacciare”

I residenti palestinesi di Lydd hanno detto ad Al Jazeera che non vogliono alcuno scontro con gli ebrei israeliani di estrema destra nella città, nonostante le continue atrocità di Israele a Gaza. Molti temono che le comunità palestinesi potrebbero essere uccise o espulse del tutto dalla città se le tensioni dovessero aumentare.

Dal 7 ottobre, il ministro israeliano per la Sicurezza nazionale, di estrema destra, Itamar Ben-Gvir, ha distribuito migliaia di fucili d’assalto e altre armi agli ebrei israeliani in tutto il paese e ai coloni illegali nei territori palestinesi occupati. Molte persone vanno in giro portando apertamente queste armi a Lydd.

“Qui Israele ha distribuito armi come se fossero caramelle”, ha detto al-Nakeeb ad Al Jazeera.

Il clima politico teso, unito all’armamento dei civili, ha costretto i leader moderati della comunità ebraica israeliana e palestinese a formare un comitato. La loro missione è disinnescare le tensioni comunitarie ed evitare conflitti.

Shehada fa parte di questo comitato, che spesso tenta di dissipare le notizie false nella speranza di mantenere una cauta calma a Lydd. Nonostante abbia collaborato con colleghi ebrei israeliani, ha spiegato di non avere amici ebrei israeliani stretti.

“Non ho mai sentito nessuno nel comitato dire che dovremmo vivere tutti insieme in pace e amore. Tutti sono davvero spaventati e abbiamo bisogno di calma nei nostri rispettivi quartieri”, ha detto ad Al Jazeera.

Ma con l’avvicinarsi del mese di digiuno islamico del Ramadan la prossima settimana, gli sforzi del comitato potrebbero essere vani. La maggior parte degli anni, durante il mese sacro, le autorità israeliane tendono a reprimere i fedeli palestinesi che vanno a pregare nella moschea di Al-Aqsa.

La violenza nella moschea potrebbe innescare un nuovo conflitto mortale a Lydd.

“Se vediamo problemi ad Al-Aqsa, scatenerà una guerra”, ha detto Shehada. “Sappiamo tutti cosa potrebbe succedere. “Sappiamo [Israeli extremists] vogliono cacciare i palestinesi”.