Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Vivere con il cancro: sono un guerriero?

Vivere con il cancro: sono un guerriero?

0
4

Abbiamo chiesto alle persone che convivono con il cancro come si sentivano quando si sentivano descritti come “guerrieri” e “sopravvissuti”. Sono contenti di queste etichette e riflettono le loro esperienze?

“Non mi piace essere chiamato ‘guerriero’. Non mi sento mai un “guerriero”. Quando hai a che fare con lo slogfest che è il cancro al seno in stadio 4, stai spingendo attraverso ogni giorno solo cercando di sopravvivere a quel giorno. Raramente sembra un enorme trionfo, o cose di cui sono fatti i “guerrieri”. ” Mandi Hudson. Seguila su Twitter e visita Darn Good Lemonade

“Da un lato, vedersi come un ‘guerriero’ può essere un’affermazione potente che ti dà un senso di significato e identità quando affronti il ​​trattamento del cancro. D’altra parte, ci sono quelli che reagiscono contro l’analogia del guerriero che implica un livello di coraggio e forza che potremmo non sentirci in grado di raggiungere. “Sopravvissuto” è un termine ugualmente divisivo che alcuni abbracciano come segno di aver superato la prova e di essere sopravvissuto. Ma cosa succede se stai vivendo con un cancro metastatico? Il termine “sopravvissuto” si applica anche a te? E quelli che non sono sopravvissuti alla malattia? Questo significa che non hanno combattuto abbastanza duramente per vincere? Il concetto di sopravvivenza in questo senso stretto può sembrare esclusivo. Quindi, per me, la sensazione prevalente che ho è quella del rispetto per qualsiasi parola scegliamo per descrivere la nostra personale esperienza di cancro. Dobbiamo essere sensibili alle parole che usiamo, ma anche rispettare coloro che scelgono di non usare le stesse parole che usiamo noi. Si tratta di riconoscere che tutti noi sperimentiamo il cancro in modo diverso e che non esiste un modo per farlo “. Marie Ennis-O’Conner. Seguila su Twitter e visita Journeying Beyond Cancer

“Non mi piace la parola ‘guerriero’ applicata ai malati di cancro. Il cancro è una malattia, non una campagna militare. Non ho “combattuto” il cancro. Ho sopportato il trattamento come meglio potevo. Le donne e gli uomini che muoiono di cancro al seno ogni giorno non hanno “perso la battaglia” o “combattuto” abbastanza duramente. Sono morti per una malattia incurabile. Questo è anche il motivo per cui mi sento ambivalente riguardo alla parola “sopravvissuto”. Vorrei che ci fosse un’altra parola per definirlo. Ma la realtà è che chiunque di noi potrebbe svegliarsi domani e ricevere una diagnosi di malattia allo stadio 4. Se “sopravviviamo” al cancro, è un giorno alla volta. ” Kathi Kolb. Seguila su Twitter e visita The Accidental Amazon

“Anche se capisco perché le persone usano questi termini, e li ho persino pronunciati io stesso, questi termini di ‘battaglia’ mi mettono a disagio. Mentre ero nel mezzo del trattamento del cancro – e ridotto al mio stato più crudo, fisicamente ed emotivamente – le persone spesso mi dicevano di “continuare a combattere” o che avrei “sconfitto questo”. Ero un “guerriero”. Oh, quanto “coraggioso!” (Umm … non ho scelto questo, ragazzi). Quello che sembravano non capire era che, dicendo quelle cose, stavano insinuando che il risultato dipendeva da me. Che se “ho quello che serve” (qualunque cosa sia), potrei “vincere”. Sembrava essere una mia responsabilità personale curare il mio stesso cancro. Stavo per essere un vincitore o un perdente, come se fossi stato in una sorta di corsa podistica e potessi semplicemente correre un po ‘più veloce, spingere un po’ più forte. Mi sembrava molto di cui essere all’altezza, e alla fine mi ha fatto sentire come se avrei deluso le persone se non avessi “vinto” o “combattuto” nel modo in cui avevano in mente. Ma devo ammettere che ci sono state anche alcune volte in cui sono entrato in questa mentalità. Nelle settimane successive alla diagnosi, il mio inno è diventato la canzone di lotta di Katy Perry “Roar”. Ha davvero aiutato a canalizzare i miei sentimenti su ciò che mi aspettava: chirurgia e chemioterapia. Ma sicuramente non mi ha sostenuto. Personalmente, non mi sentivo come se stessi “combattendo” il cancro. Questo è quello che stavano facendo i miei dottori. Ecco a cosa serviva la chemio. Ero solo il campo di battaglia. Questo è quello che volevo che le persone vedessero “. Heather Lagemann. Seguila su Twitter e visita Invasive Duct Tales

“Non sono un grande fan del linguaggio del campo di battaglia. Forse è perché il mio cancro non sarà sconfitto in una grande, gloriosa battaglia. È più uno slog. Poco affascinante e incrementale. Per continuare a vivere, devo convivere con il mio cancro, che non è un nemico esterno o introdotto, ma piuttosto una svolta sbagliata che il mio corpo ha preso a livello genetico. È facile rimanere bloccati dalla semantica e, sebbene non ami nessuna delle due parole in questo contesto, non riesco a trovare una parola migliore e più universale da proporre. Quando si arriva al punto, chiamami come preferisci, continua la ricerca e trovami una cura. ” Teva Harrison. Seguila su Twitter e visita Drawing Forward

“Ho sentimenti contrastanti su questi termini. Non mi piace il termine “guerriero” perché sono un pacifista e non mi piace l’idea di essere in guerra con nessuno, tanto meno con il mio stesso corpo. So che ci sono molte persone allo stadio 4 a cui non piace il termine “sopravvissuto” perché implica che hai sconfitto il cancro, ma non mi dispiace. Credo che se stai vivendo e respirando, sei un sopravvissuto. Tuttavia, vorrei che ci fosse una parola migliore per definirlo. Mi piace dire che vivo con il cancro. E in una buona giornata, ‘Sto vivendo bene con il cancro.’ ” Tami Boehmer. Seguila su Twitter e visita Miracle Survivors

“Non mi considero un” guerriero “del cancro. Il mio cancro è derivato dalle mie stesse cellule – non posso combattere con successo contro me stesso. Sono sopravvissuto al cancro, finora, come paziente impegnato, responsabilizzato, istruito – un paziente elettronico – che persegue un trattamento efficace per il mio cancro. Mi consideravo un sopravvissuto dal momento in cui ho sentito la mia diagnosi di cancro, ma so che ad alcuni non piace il termine “sopravvissuto” “. Janet Freeman-Daily. Seguila su Twitter e visita Gray Connections

Vivi con il cancro? Dicci cosa pensi di termini come “guerriero” e “sopravvissuto”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here