Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Vendetta procrastinazione della buonanotte: il motivo per cui eri sveglio fino alle...

Vendetta procrastinazione della buonanotte: il motivo per cui eri sveglio fino alle 2 di notte la scorsa notte

0
4

donna sul portatile a letto
Guille Faingold / Stocksy United

Ti capita mai di essere così impegnato durante il giorno da esaurire le ore diurne per fare le cose che desideri veramente? Hai mai tentato di rimediare negando a te stesso il sonno per trovare il tempo per quelle attività?

Se la risposta è sì, allora hai partecipato alla procrastinazione di vendetta prima di coricarti, che si riferisce a quelle ore che trascorri rimandando il sonno in modo da poter avere un po ‘più di tempo per te stesso.

Da dove viene l’idea

L’idea di procrastinare la vendetta prima di coricarsi ha guadagnato una certa attenzione sui social media negli ultimi mesi, probabilmente a causa dell’aumento dello stress e dei programmi alterati associati alla pandemia COVID-19.

Circa il 40% degli adulti ha riferito di aver aumentato i disturbi del sonno durante la pandemia.

Ma il concetto apparso prima della pandemia. È visto come una risposta a lunghe e stressanti ore di lavoro che lasciano poco tempo per i desideri e desideri personali.

L’idea è che ti stai “vendicando” nelle ore diurne che ti tenevano così preoccupato, e stai scegliendo di prenderti un po ‘di tempo per te stesso la notte.

Cosa sembra

Questo ritardo nel sonno può avere un aspetto leggermente diverso per ogni persona e può anche dipendere dall’aspetto della tua vita diurna.

Per una mamma di diversi piccoli, forse l’obiettivo è rubare un po ‘di tempo tranquillo, e anche se sei esausto scegli di sistemarti e scorrere silenziosamente su Instagram.

Forse le tue giornate sono molto strutturate e tutto ciò che vuoi fare è sdraiarti sul divano e guardare l’episodio più recente di Grey’s Anatomy.

Ramiz Fargo, MD, direttore medico del Centro per i disturbi del sonno della Loma Linda University, aggiunge che le attività coinvolte nella procrastinazione della vendetta prima di coricarsi sono in genere cose facili che ti piace fare. “Può essere scorrere il telefono, guardare la televisione o recuperare il ritardo sulla lettura.”

Qualunque sia l’attività, il risultato finale è un sonno ritardato.

Perché succede

Fondamentalmente, la procrastinazione della vendetta prima di coricarsi deriva dalla mancanza di tempo libero durante il giorno.

Tra il lavoro, fare commissioni, cucinare, controllare gli amici, crescere i bambini, portare a spasso il cane e tutte le altre attività essenziali della vita quotidiana, molte persone non hanno molto tempo per fare le cose per piacere o gioia.

Vale la pena notare che la ricerca suggerisce che coloro che si impegnano in questo comportamento in realtà volere dormire, nonostante le loro azioni. Questa disconnessione è nota come divario intenzione-comportamento.

C’è un collegamento suggerito tra la procrastinazione della vendetta prima di coricarsi, la procrastinazione generale e la scarsa autoregolamentazione.

Ma i ricercatori sottolineano che il collegamento esatto non è chiaro. Le persone che tendono a procrastinare possono essere più propense a procrastinare la vendetta prima di coricarsi. D’altra parte, è possibile che la perdita di sonno dovuta a questo fenomeno si traduca in una procrastinazione più generale.

Se ti ritrovi a spingerti a dormire regolarmente, considera cos’altro potresti evitare nella tua vita. Stai rimandando il pagamento di una bolletta o inviando un’e-mail? Che ne dici di rispondere a quella telefonata che ignori da una settimana? Tutte queste cose potrebbero essere collegate.

Come ti colpisce

Tutti hanno bisogno di dormire e non riuscire a chiudere gli occhi a sufficienza può portare a problemi lungo la strada. Perdere una notte qua e là risulterà probabilmente solo in un po ‘di stordimento il giorno successivo.

Ma regolarmente non dormire a sufficienza può alla fine iniziare a influenzare tutto, dal tuo sistema immunitario alla tua libido. Lo è anche la privazione del sonno collegato a un aumento del rischio di diverse condizioni di salute croniche, tra cui malattie cardiache e ipertensione.

La mancanza di sonno può anche interferire con la tua salute mentale, aumentando le possibilità di depressione e influenzando la tua capacità decisionale complessiva.

Come farcela

Molti consigli sulla procrastinazione della vendetta prima di coricarsi si concentrano sull’igiene del sonno di base, come non fare esercizio troppo vicino all’ora di andare a dormire, evitare gli schermi di notte e andare a dormire a un orario costante ogni notte.

Sebbene lo sviluppo di una buona igiene del sonno sia importante per la salute generale, la causa principale della procrastinazione prima di coricarsi per vendetta è la mancanza di tempo libero durante il giorno.

Considera queste strategie per gestire le responsabilità senza dimenticare te stesso nel processo.

Metti il ​​resto sul tuo calendario

Fargo consiglia di “ritagliarsi del tempo designato nel programma per fare una pausa”.

Potrebbe sembrare controintuitivo inserire dei tempi di inattività nel tuo programma, ma pensa alla cura di te stesso come a qualsiasi altra attività o riunione di lavoro importante: se non è nel calendario o nell’elenco delle cose da fare, probabilmente non verrà eseguita.

Stabilisci obiettivi di dimensioni ragionevoli

Parte del garantire che questa sia un’abitudine a cui puoi attenersi implica rendere il tuo nuovo obiettivo raggiungibile e realistico.

Se stai lottando per trovare il tempo durante il giorno o sei preoccupato di rimanere indietro rispetto alle scadenze, inizia in piccolo. “Fare pause da 10 a 15 minuti per fare esercizio o decomprimersi durante il giorno può renderti più produttivo a lungo termine”, afferma Fargo.

Includi le cose che ti interessano di più

Fargo dice: “Trova il tempo per le cose e le persone che apprezzi di più”.

Anche se si tratta solo di chiamare tuo fratello al telefono durante la pausa o di fare una breve passeggiata alla cassetta della posta e ritorno, centra ciò che ti fa sentire bene durante il giorno.

Quando chiedere aiuto extra

Non è necessario avere una condizione di salute mentale per beneficiare di vedere un terapista. Se ti senti sopraffatto il più delle volte o trovi difficile trovare il giusto equilibrio tra lavoro e gioco, parlare con un professionista della salute mentale può essere di grande aiuto.

Possono aiutarti con cose come:

  • imparare nuove strategie di rilassamento
  • identificare specifiche fonti di stress e sviluppare strumenti per gestirle
  • pensa a potenziali mosse di carriera che potrebbero offrire un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata
  • far fronte a qualsiasi sintomo di salute mentale che si verifica a causa di non aver dormito a sufficienza

Non sai da dove cominciare? La nostra guida alla terapia economica può aiutare.

La linea di fondo

Di tanto in tanto rimanere alzati fino a tardi a leggere, scorrere i social media o parlare con gli amici non è niente di straordinario. Ma rimandare regolarmente il sonno non solo ti lascia intontito durante il giorno, ma influisce anche sulla tua salute generale.

Nessuno si “abitua” a dormire poco, contrariamente alla credenza popolare. Privare il tuo corpo di ciò di cui ha bisogno per sopravvivere finirà per avere un pedaggio. Abbiamo tutti cose che ci perdiamo quando abbiamo programmi fitti, ma trovare il tempo per prenderci cura di noi stessi non dovrebbe essere in quella lista. Anche se è necessario inviare un invito del calendario di Google al tuo migliore amico per assicurarti che ti chiami alle 13:00 per fare una breve pausa, scopri cosa funziona per te.


Taneasha White è una nera, strana amante delle parole, dell’inquisizione e della comunità, e ha usato il suo ruolo all’interno di spazi sia letterari che organizzativi per fare spazio a persone che vengono spesso messe da parte. È la fondatrice ed editrice di UnSung Literary Magazine, una pubblicazione flash di narrativa e poesia incentrata sull’offerta di spazio artistico per le voci emarginate; un redattore ospite con Quail Bell Magazine; e co-conduttore del podcast “Critiche per la cultura”, in cui i media vengono analizzati attraverso l’umorismo e una lente sociopolitica. Puoi trovare altri suoi lavori qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here