Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Una breve storia della malattia di Alzheimer

Una breve storia della malattia di Alzheimer

0
6

Definizione della malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer (AD) si verifica quando le cellule cerebrali responsabili della memoria e di altre funzioni iniziano a morire.

Nessuno sa esattamente cosa causa l’AD. E non esiste una cura conosciuta.

Il rischio di contrarre l’AD raddoppia ogni cinque anni dopo i 65 anni, secondo l’Alzheimer’s Foundation of America (AFA).

AD descritto per primo

AD prende il nome dal medico tedesco Alois Alzheimer. Ha descritto i sintomi di un paziente noto come “Auguste D.” nel 1906. I sintomi includevano:

  • perdita di memoria
  • comportamento anormale
  • restringimento del cervello del paziente

Lo psichiatra Emil Kraepelin, collega del Dr. Alzheimer, ha coniato il nome “malattia di Alzheimer” in un libro di medicina del 1910.

NIA stabilita

Il Congresso degli Stati Uniti ha istituito il National Institute on Aging (NIA) come parte del National Institutes of Health (NIH) nel 1974.

La missione della NIA è comprendere meglio la natura dell’invecchiamento e promuovere una maggiore qualità della vita tra gli anziani. La NIA è anche la principale fonte del governo federale per il finanziamento della ricerca sull’AD.

Definizione della sfida di AD

In un editoriale del 1976, il neurologo Dr. Robert Katzman ha dichiarato che l’AD è la forma più comune di demenza e una sfida sostanziale per la salute pubblica.

Ciò ha portato consapevolezza alla malattia e ha contribuito a lanciare molti progetti di ricerca sul cervello attraverso l’NIH.

Associazione costituita

Jerome Stone e altri membri dei gruppi di sostegno familiare dell’AD si incontrarono con la NIA nel 1979. Fu così che si formò l’Associazione Alzheimer nel 1980.

Stone è diventato il primo presidente dell’associazione. Gli obiettivi del gruppo erano:

  • aiutare a fornire servizi alle famiglie affette da AD
  • spingere per più ricerca federale sulla malattia

Proteine ​​identificate

I principali marcatori della malattia di Alzheimer nel cervello sono quantità elevate di due proteine: beta-amiloide e tau.

La beta-amiloide fu scoperta nel 1984. Due anni dopo furono scoperti grovigli di tau in persone con AD.

Entrambe le proteine ​​possono causare danni alle cellule cerebrali. I ricercatori non sanno ancora se alti livelli di beta-amiloide e tau causano l’AD o se sono sintomi.

Prima sperimentazione farmacologica

Nel 1978, la NIA e l’Alzheimer’s Association hanno collaborato con la Warner-Lambert Pharmaceutical Company, ora nota come Pfizer.

Hanno iniziato la prima sperimentazione clinica di un farmaco progettato per trattare i sintomi dell’AD.

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato formalmente il farmaco tacrine nel 1993. Altri quattro farmaci per l’Alzheimer sono stati approvati durante il decennio successivo.

Reagan diagnosticato

L’ex presidente Ronald Reagan annunciò di avere il morbo di Alzheimer il 5 novembre 1994. Aveva 83 anni.

Reagan è diventato una delle prime figure famose con la malattia. Il suo annuncio ha attirato una maggiore attenzione del pubblico su AD.

Molti esperti hanno valutato le differenze tra la normale demenza legata all’età e l’AD.

Reagan è morto nel 2004 di polmonite e complicazioni da AD.

Inizia lo studio genetico

Nel 2003, l’Alzheimer’s Association e la NIA hanno iniziato ad accettare le persone nel National Alzheimer’s Disease Genetic Study. Il governo federale finanzia lo studio.

I ricercatori prendono e conservano campioni di sangue da persone in famiglie con più di un membro con AD. L’obiettivo dello studio in corso è trovare geni che possano aumentare le probabilità di sviluppare l’AD.

Legislazione importante

Il presidente Obama ha firmato nel 2011 il National Alzheimer’s Project Act (NAPA). Il NAPA è stata la prima legge a delineare una strategia nazionale per la ricerca e la cura delle persone con AD. L’atto si rivolge anche al supporto per le persone che si prendono cura di persone con AD.

Un anno dopo, è stato rilasciato il Piano Nazionale Alzheimer. Ha fissato l’obiettivo di creare metodi di prevenzione dell’AD entro il 2025.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here