Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Un ultimo desiderio di Natale, realizzato

Un ultimo desiderio di Natale, realizzato

0
6

Un Natale gioioso e memorabile circondato dalle persone che ama. Questo è ciò che voleva Gina Jones quando ha contattato la Dream Foundation nel novembre 2015.

Alcune settimane dopo, bussando alla porta portò a Gina e ai suoi nipoti regali, decorazioni e cibo in abbondanza, per non parlare di un’allegra banda di elfi.

Sebbene la Dream Foundation abbia realizzato oltre 23.000 sogni e non abbia mai rifiutato una richiesta qualificata, la loro rapida risposta è stata comunque uno shock per Gina. “La mia chiamata iniziale a Gina è stata emozionante”, ricorda Katarina Robledo, la coordinatrice dei sogni che ha gestito il caso di Gina. “Era assolutamente felicissima che volessimo concederle un sogno, non poteva credere che la sua domanda fosse stata accettata.

“Ha detto che finalmente si sentiva come se qualcuno fosse dalla sua parte e aveva Dio che vegliava su di lei e sulla sua famiglia”.

Gina, 50 anni, soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva, o BPCO, una condizione che colpisce oltre 24 milioni di persone solo negli Stati Uniti. È la terza causa di morte negli Stati Uniti e le donne sono colpite in modo sproporzionato. La maggior parte dei casi è causata dal fumo, ma anche la genetica, l’inquinamento atmosferico e le infezioni possono svolgere un ruolo nel causare la BPCO.

BPCO: ottieni i fatti

Gina è stata diagnosticata nel 2014 ed è attualmente allo stadio 4, il grado più grave per la BPCO. La maggior parte delle persone con BPCO in stadio 4 soffre di estrema mancanza di respiro e spesso non è nemmeno in grado di uscire di casa.

Per quello che probabilmente sarà il suo ultimo Natale, Gina ha voluto regalare ai suoi nipoti – Christina e Matthew, entrambi adottati – una giornata davvero memorabile, piena di regali e allegria natalizia. Aveva anche bisogno di aiuto per pagare alcune spese, inclusi prestiti, bollette domestiche e una bolletta del centro di affitto.

La coordinatrice dei sogni Maeve Harding era tra i cinque membri del team che ha dato vita al sogno di Gina. “Questo era un sogno di emergenza, quindi abbiamo dovuto cercare di far girare tutto abbastanza rapidamente”, dice. Dopo aver camminato un’ora su un furgone rifornito di regali donati, oltre a decorazioni e cibo, sono arrivati ​​a casa di Gina a Santa Maria, in California, vestiti da elfi di Babbo Natale.

“La sua aspettativa di vita è piuttosto breve, sfortunatamente, e voleva solo passare un ultimo Natale con loro e aveva bisogno di aiuto per metterlo insieme e ricevere alcuni regali per i suoi nipoti”, dice Maeve.

Per più di un’ora, le merci delle feste continuarono a piovere. Per prima cosa arrivarono regali come un mini canestro da basket e attrezzi da uncinetto per Matthew e Christina. Dopodiché arrivarono altre decorazioni, cibo e, infine, un assegno della Dream Foundation che Gina avrebbe potuto spendere come voleva.

“Era così felice quando abbiamo dato ai bambini i loro regali, e si è emozionata molto quando le abbiamo dato un assegno con fondi che poteva spendere per qualsiasi cosa”, dice Maeve. “Le sue mani tremavano e piangeva.”

“Solo essere lì, vederla sorridere ed essere così felice … è stato davvero un grande momento.”

I volontari della Dream Foundation hanno quasi 100 sogni in più da realizzare entro la fine dell’anno e affermano che invieranno giocattoli a circa altre 30 famiglie che hanno fatto domanda per realizzare i loro sogni di vacanza ma non si sono ancora qualificati. E stanno ancora lavorando a Gina’s – Matthew e Christina dovrebbero aspettarsi regali delle dimensioni di un tablet nelle loro calze quest’anno.

La salute di Gina, nel frattempo, è peggiorata ulteriormente. Grazie alla Dream Foundation, però, ha potuto godersi un altro Natale, un giorno che i suoi nipoti e i suoi cari potranno ricordare ogni anno.

Puoi saperne di più sulla Dream Foundation sul loro sito web, Twittero Facebook.

I migliori blog sulla BPCO dell’anno

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here