spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoUn tempo orgoglio di Hong Kong, Cathay Pacific diventa il sacco da...

    Un tempo orgoglio di Hong Kong, Cathay Pacific diventa il sacco da boxe del governo

    -

    La compagnia di bandiera è diventata un bersaglio regolare delle critiche del governo mentre lotta per riprendersi dalla pandemia di COVID.

    Cathay Pacific
    Cathay Pacific è stata ripetutamente bersaglio di critiche da parte del governo di Hong Kong [Charly Triballeau/AFP]

    Hong Kong, Cina – Per decenni, la Cathay Pacific Airways (CPA) di Hong Kong è stata un orgoglioso simbolo dello status internazionale della città e un esempio dell’aviazione asiatica.

    In questi giorni, la compagnia di bandiera viene trattata più come la bestia nera del centro finanziario governato dalla Cina, ricevendo regolarmente severi controlli e critiche da parte del suo stesso governo mentre lotta per riprendersi dalle ricadute della pandemia di COVID-19.

    Dopo che Cathay ha cancellato più di 700 voli programmati tra dicembre e febbraio, l’amministratore delegato di Hong Kong John Lee Ka-chiu ha detto ai giornalisti locali di essere “molto preoccupato” e di volere che l’aviazione locale “ricostruisca rapidamente la sua capacità”.

    Le critiche dell’Ufficio dei trasporti e della logistica sono state seguite a marzo dal CEO di Cathay, Ronald Lam Siu-por, che è stato oggetto di una pubblica interrogazione da parte del Consiglio legislativo, dove i legislatori hanno criticato la “gestione caotica” della compagnia aerea.

    In un articolo del mese successivo, il quotidiano pro-Pechino South China Morning Post ha pubblicato un articolo dal titolo: “Riuscirà Cathay Pacific a darsi una mossa, o è tempo che le autorità di Hong Kong prendano una partecipazione nella compagnia aerea?”

    Il governo di Hong Kong ha finora respinto le richieste di acquisire una partecipazione nel Cathay per garantire lo status del territorio semi-autonomo come hub aereo, uno scenario previsto nel 14° piano nazionale quinquennale di Pechino – un testo praticamente sacro negli ambienti economici di Hong Kong. giorni nel mezzo della crescente influenza della Cina continentale.

    “Non è intenzione del governo diventare un azionista a lungo termine di CPA”, ha detto ad Al Jazeera un portavoce dell’Ufficio dei trasporti e della logistica.

    La maggior parte degli osservatori concorda con la valutazione della Hong Kong Aviation Officers Association (HKAOA) secondo cui la carenza di piloti è al centro dei mali di Cathay – il risultato dell’imposizione da parte di Hong Kong di alcune delle restrizioni di viaggio più durature e draconiane del mondo durante la pandemia.

    Nel gennaio 2020, all’aeroporto internazionale di Hong Kong (HKIA) sono stati segnalati oltre 5,7 milioni di movimenti di passeggeri.

    Ad aprile, la cifra era scesa a soli 31.739, circa lo 0,55% dei livelli pre-pandemia.

    Aeroporto di Hong Kong
    Hong Kong è stata una delle ultime giurisdizioni a revocare le restrizioni COVID [Kin Cheung/AP Photo]

    Nonostante la sua forte dipendenza dai viaggi e dal commercio internazionale, Hong Kong è stata una delle ultime giurisdizioni del pianeta a riaprire al mondo, revocando completamente le restrizioni solo all’inizio del 2023.

    Secondo l’HKAOA, la direzione di Cathay ha licenziato 1.000 piloti nel 2020 e ne ha visti altri 1.000 dimettersi nei prossimi due anni.

    Molti piloti che hanno smesso hanno citato lo stress derivante dal rispetto delle rigide regole di quarantena di Hong Kong, che hanno costretto la compagnia aerea a operare voli a “circuito chiuso”, dove l’equipaggio doveva isolarsi per cinque settimane in un hotel seguite da due settimane a casa.

    Cathay ha affermato di avere più di 2.900 piloti, compreso la sua compagnia aerea controllata Hong Kong Express, ma ne ha bisogno di 3.400 per ripristinare la capacità pre-pandemia.

    Ha annunciato “solidi piani” per assumere altri 500 piloti.

    Alcuni osservatori hanno affermato che le critiche del governo sono particolarmente ingiuste dato che le sue rigide restrizioni hanno causato molte delle difficoltà di Cathay.

    “Cathay è ancora una delle compagnie aeree con le migliori prestazioni al mondo, con buone prestazioni finanziarie rispetto ai tre principali vettori cinesi – con circa 10 miliardi di dollari di Hong Kong di profitto”, ha affermato Zheng Lei, presidente del Dipartimento di Aviazione della Swinburne University. ha detto ad Al Jazeera.

    A marzo Cathay ha registrato il suo primo profitto annuale in quattro anni pari a 9,78 miliardi di dollari di Hong Kong (1,25 miliardi di dollari).

    “Abbiamo raggiunto l’obiettivo del nostro Gruppo per la fine del 2023 del 70% di voli passeggeri pre-pandemia come previsto, solo 12 mesi dopo l’apertura di Hong Kong. Raggiungeremo l’80% entro questo trimestre e stiamo lavorando per raggiungere il 100% entro il primo trimestre del 2025”, ha detto ad Al Jazeera un portavoce di Cathay Pacific.

    “La città è la nostra casa da più di 77 anni e rappresentiamo Hong Kong sulla scena globale come suo vettore di origine”, ha aggiunto il portavoce.

    Sebbene questi risultati incoraggianti abbiano spinto l’amministratore delegato Ronald Lam a proclamare che “Cathay è tornata”, pochi negli ambienti governativi sembrano festeggiare il ritorno della loro compagnia di bandiera.

    “Alcune critiche del governo potrebbero essere giustificate in relazione alle cancellazioni dei voli, al servizio e alla gestione caotica: questi problemi devono essere affrontati. Ma Cathay ha fatto molto per correggere la situazione e sta reclutando attivamente piloti dalla Cina”, ha affermato Lei, aggiungendo che migliorare il servizio clienti è molto più semplice che risanare una compagnia aerea in perdita.

    catay
    Cathay a marzo ha riportato il suo primo profitto in quattro anni [Charly Triballeau/AFP]

    Cathay ha ricevuto un significativo sostegno finanziario dal governo durante la pandemia, che secondo i critici ha imposto alla compagnia aerea un obbligo morale di mantenere i propri standard e le proprie risorse umane.

    “Per me, il punto chiave è che il governo di Hong Kong è intervenuto per sostenere Cathay Pacific in modo che il settore dell’aviazione di Hong Kong fosse preservato – e così non è stato”, ha detto ad Al Jazeera Paul Weatherilt, presidente della HKAOA.

    Lei è d’accordo, sottolineando che le principali compagnie aeree della Cina continentale hanno fatto un lavoro molto migliore per quanto riguarda la fidelizzazione del personale.

    Nel giugno 2020 il governo ha concesso a Cathay un prestito ponte di 7,8 miliardi di dollari di Hong Kong (998 milioni di dollari) e ha acquistato azioni con warrant staccabili per 19,5 miliardi di dollari di Hong Kong (2,49 miliardi di dollari).

    Cathay ha riscattato la metà delle azioni privilegiate detenute dal governo nel dicembre 2023 e l’opzione di prestito non è mai stata esercitata.

    Weatherilt ha affermato che Cathay ha approfittato della pandemia per imporre licenziamenti permanenti, tagli salariali e peggioramento delle condizioni del personale.

    “Naturalmente, la Cina è stata lenta ad emergere dalla pandemia, ma quasi tutte le altre compagnie aeree hanno apportato tagli temporanei e hanno cercato di mantenere le competenze e le risorse fondamentali”, ha affermato Weatherilt.

    “Cathay ha lasciato l’aviazione di Hong Kong in una situazione triste.”

    Il governo di Hong Kong ha affermato che, quando ha offerto sostegno finanziario, ha chiesto espressamente a Cathay di “considerare pienamente il potenziale impatto sullo status di Hong Kong come hub aeronautico internazionale e sulla rete aerea di Hong Kong”.

    Weatherilt ha affermato che la posizione del governo lascia la compagnia aerea in una posizione vulnerabile.

    “Swire dovrebbe essere estremamente preoccupata perché si distingue come un pollice dolente: la società che controlla l’aviazione di Hong Kong è in definitiva gestita da una società con sede a Londra”, ha affermato Weatherilt, riferendosi a John Swire & Sons Limited.

    Mentre la Cina rafforza il suo controllo su Hong Kong, la politica e il bagaglio coloniale derivanti dalla precedente amministrazione britannica del territorio si nascondono sempre più sotto la superficie degli affari.

    Hong Kong
    Nel 2019 Hong Kong è stata travolta da proteste antigovernative di massa [Reuters]

    Cathay è nel mirino di Pechino da quando le proteste di massa a favore della democrazia hanno spazzato il territorio nel 2019.

    Rupert Hogg, amministratore delegato britannico di Cathay, e Paul Loo, capo cliente e responsabile commerciale, si dimisero nell’agosto dello stesso anno in seguito alle pressioni delle autorità cinesi affinché reprimessero i dipendenti che sostenevano le proteste.

    Allo stesso tempo, i piloti sono stati soggetti a nuovi e rigorosi controlli a terra imposti su qualsiasi aereo Cathay che atterrava negli aeroporti della Cina continentale.

    Chongxian Ma, vice segretario del Comitato del Partito Comunista di Air China, è stato nominato amministratore non esecutivo della compagnia nel giugno 2021. Altri due amministratori non esecutivi del Partito Comunista sono stati aggiunti al consiglio di amministrazione nel maggio 2022 e nel luglio 2023.

    Nel maggio dello scorso anno, Cathay ha rilasciato pubbliche scuse dopo che una registrazione di assistenti di volo che prendevano in giro un passeggero che non parlava inglese era stata condivisa sui social media.

    Quando Bloomberg ha riferito all’inizio di quest’anno che Air China, con sede a Pechino, stava valutando la possibilità di aumentare la sua partecipazione del 29,99% in Cathay, alcuni osservatori hanno ritenuto che ciò facesse parte della spinta patriottica della Cina per ottenere una presa più salda sulla compagnia di bandiera di Hong Kong.

    Tuttavia, un insider del settore, parlando in condizione di anonimato, ha detto ad Al Jazeera che la mossa era più probabilmente basata su una logica finanziaria, poiché Air China dipende dalla sua partecipazione in Cathay per compensare le proprie perdite finanziarie.

    Anche se eliminare Cathay come compagnia di bandiera di Hong Kong a favore di un operatore di proprietà cinese potrebbe piacere ad alcuni elementi nazionalisti, non c’è dubbio che non ci siano alternative credibili a Cathay, almeno non nel breve o medio termine.

    “Non sarebbe facile per il governo sviluppare una compagnia aerea come compagnia di bandiera alternativa: non è fattibile e non è una buona idea”, ha detto Lei.

    Alcuni osservatori ritengono che la Cathay Pacific, di proprietà britannica, rappresenti un obiettivo conveniente per i politici desiderosi di rafforzare le proprie credenziali patriottiche, soprattutto da quando le critiche al governo sono diventate altamente sensibili e potenzialmente illegali ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale redatta da Pechino e approvata nel 2020.

    Mercoledì, il parlamentare di Hong Kong Jeffrey Lam Kin-fung ha dichiarato ai media locali che Cathay dovrebbe implementare servizi passeggeri diretti verso le otto piccole città della Cina continentale recentemente scelte da Pechino per allentare le restrizioni sui viaggi verso Hong Kong.

    Ciò “sfrutterebbe appieno le misure di buona volontà di Pechino”, ha affermato Lam.

    HK
    Hong Kong sta lottando per ripristinare la propria immagine internazionale dopo le proteste di massa, la repressione del dissenso e le dure restrizioni pandemiche [Anthony Wallace/AFP]

    Inevitabilmente, l’ingerenza politica è una preoccupazione crescente.

    Usare Cathay come sacco da boxe pubblico potrebbe essere controproducente per Hong Kong che fatica a ristabilirsi come città vivace, epicentro finanziario, hotspot turistico e porta d’affari verso la Cina.

    A differenza della posizione di Hong Kong nei confronti di Cathay, il governo di Dubai non ha attaccato Emirates Airways dopo che decine di migliaia di passeggeri sono rimasti bloccati ad aprile a seguito di inondazioni estreme negli Emirati Arabi Uniti.

    “Cathay non si lamenterà mai in pubblico, ma ha buone ragioni per sentirsi offeso”, ha detto ad Al Jazeera, a condizione di anonimato, un insider del settore che lavora a stretto contatto con il management di Cathay.

    Mentre il rivale locale Singapore ha riportato un ritorno all’attività passeggeri pre-pandemia nel febbraio di quest’anno, Hong Kong è ancora in ritardo.

    Il traffico passeggeri all’aeroporto internazionale di Hong Kong nel marzo 2024 è stato di 4,35 milioni, circa due terzi della cifra dello stesso mese del 2019.

    “Deve esserci una responsabilità collettiva per la perdita di interesse per Hong Kong, derivante in parte dalle proteste del 2019 – che hanno gravemente danneggiato la reputazione della RAS come destinazione aeronautica, finanziaria e turistica – nonché dalle misure draconiane imposte durante il COVID.” Shukor Yusof di Endau Analytics ha detto ad Al Jazeera, riferendosi alla designazione ufficiale di Hong Kong come regione amministrativa speciale.

    L’immagine di Hong Kong è stata danneggiata anche dalla copertura mediatica negativa della repressione del dissenso, inclusa l’accusa di alto profilo contro l’ex magnate dei media Jimmy Lai.

    Mentre sia Hong Kong che Cathay cercano di ricostruire, quello che è certo è che i loro destini rimangono indissolubilmente legati.

    “Se il governo vuole sviluppare Hong Kong come hub finanziario e se Hong Kong vuole tornare ad essere un hub per l’aviazione globale, si dovrebbe dare più sostegno a Cathay Pacific Airways, piuttosto che critiche”, ha detto Lei.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts