Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Tricomoniasi in gravidanza

Tricomoniasi in gravidanza

0
7

La tricomoniasi (chiamata anche “trich”) è un’infezione a trasmissione sessuale (STI) causata da un parassita. Colpisce una stima 3,7 milioni di persone negli Stati Uniti, rendendola la STI più comune.

La tricomoniasi può essere trattata con antibiotici, con infezioni che in genere si risolvono in una settimana. Se non trattata, tuttavia, la tricomoniasi può durare per diversi mesi o anni. I suoi sintomi possono rendere il sesso spiacevole. Ma per le persone in gravidanza, può anche causare gravi complicazioni al parto.

Continua a leggere per saperne di più sui sintomi, le cause, i fattori di rischio e cosa dovresti fare se pensi di avere la tricomoniasi. (Spoiler: chiama il tuo dottore al più presto.)

Cosa dovresti sapere se sei incinta

Le persone in gravidanza con tricomoniasi corrono un rischio maggiore che le loro acque si rompano – le membrane si rompano – troppo presto. Le persone in gravidanza sono anche a maggior rischio di partorire prematuramente o prima delle 37 settimane.

I bambini di madri con tricomoniasi hanno maggiori probabilità di avere un peso alla nascita inferiore a 5 1/2 libbre. In casi estremamente rari, le bambine possono contrarre l’infezione mentre si muovono attraverso il canale del parto.

La nascita prematura e il basso peso alla nascita sono due delle prime tre cause di morte per i bambini. Tuttavia, la tricomoniasi può essere trattata con antibiotici durante la gravidanza, eliminando le infezioni prima del parto.

Quali sono i sintomi?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), dal 70 all’85 percento delle persone con tricomoniasi non manifesta alcun sintomo.

Nelle donne, la tricomoniasi può causare:

  • un odore genitale di pesce
  • grandi quantità di perdite vaginali bianche, grigie o verdi
  • prurito genitale
  • dolore durante la minzione o il sesso

I sintomi negli uomini sono rari, ma possono verificarsi:

  • irritazione all’interno del pene
  • una sensazione di bruciore durante la minzione o dopo l’eiaculazione
  • scarico dal pene

Quali sono le cause della tricomoniasi?

La tricomoniasi è causata da un parassita microscopico chiamato Trichomonas vaginalis. Passa da persona a persona durante il rapporto sessuale. Il periodo di incubazione tra l’esposizione e l’infezione è di circa 5-28 giorni.

Chi è a rischio?

Alcune persone sono più a rischio di contrarre la tricomoniasi rispetto ad altre. Quelli con il rischio maggiore includono persone:

  • con più partner sessuali
  • che hanno avuto altre malattie sessualmente trasmissibili in passato
  • che hanno avuto la tricomoniasi in passato
  • che fanno sesso senza metodi di barriera, come i preservativi

Come viene diagnosticata la tricomoniasi?

Per testare la tricomoniasi, un medico utilizzerà un microscopio per cercare il parassita in un campione. Per le donne, la fonte del campione sono le perdite vaginali. Per gli uomini, la fonte del campione è l’urina.

Un medico può quindi eseguire ulteriori test sul campione per confermare la presenza del parassita. Questi includono un test di coltura, un test di amplificazione dell’acido nucleico o un test rapido dell’antigene.

Le persone in gravidanza che mostrano sintomi di un’infezione da tricomoniasi dovrebbero consultare immediatamente i loro medici. Dal momento che di solito non sei testato per la tricomoniasi durante gli appuntamenti regolari di OB-GYN, l’infezione potrebbe passare inosservata e potrebbe danneggiare il tuo bambino.

Quali sono le complicazioni?

Le persone in gravidanza con tricomoniasi sono a maggior rischio di:

  • travaglio e parto prematuri
  • avere un bambino con un basso peso alla nascita
  • trasmissione della tricomoniasi a una bambina durante il parto (estremamente raro)

Tutte le persone con tricomoniasi possono avere maggiori probabilità di contrarre l’HIV.

Come si cura la tricomoniasi?

I medici di solito trattano la tricomoniasi con antibiotici. In genere viene utilizzato uno dei due antibiotici: metronidazolo (Flagyl) o tinidazolo (Tindamax). Tu e il tuo partner avrete entrambi bisogno di cure. Inoltre, entrambi dovete evitare i rapporti sessuali fino a quando l’infezione da tricomoniasi non si risolve.

Non dovresti consumare alcol per 24 ore dopo l’assunzione di metronidazolo o 72 ore dopo l’assunzione di tinidazolo. Può portare a grave nausea e vomito.

Quali sono le prospettive per la tricomoniasi

Dopo il trattamento, di solito ci vuole circa una settimana prima che l’infezione da tricomoniasi si risolva. La maggior parte delle persone si riprende completamente.

Come prevenire la tricomoniasi?

Come tutte le malattie sessualmente trasmissibili, l’unico modo per prevenire completamente la tricomoniasi è astenersi dal sesso.

Le persone sessualmente attive possono ridurre i rischi di trasmissione assicurandosi che i metodi di barriera, in particolare i preservativi, vengano utilizzati correttamente ogni volta durante il sesso.

Dovrai anche lavare accuratamente tutti i giocattoli sessuali dopo l’uso.

Potresti anche considerare di sottoporti a un test per le malattie sessualmente trasmissibili prima di scambiare fluidi corporei con qualsiasi partner.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here