Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Trattamenti per l’ictus

Trattamenti per l’ictus

0
1

Panoramica

Un ictus si verifica quando il flusso di sangue a una parte specifica del cervello viene interrotto. Quando ciò accade, le cellule non ricevono ossigeno e iniziano a morire, causando numerosi sintomi. I sintomi più comuni sono cambiamenti nel linguaggio e intorpidimento o debolezza del viso, delle gambe o delle braccia.

Di seguito la rapida valutazione per l’ictus, noto con l’acronimo FAST (viso, braccia, parola, tempo):

  • F: Controlla la caduta del viso.
  • UN: Allunga le braccia. Uno scende verso il basso?
  • S: Il linguaggio è anormale, ritardato o assente?
  • T: È ora di chiamare il 911 o il servizio di emergenza locale se uno di questi sintomi è presente.

Il modo in cui un ictus influisce su di te dipende dalla posizione nel tuo cervello in cui si verifica l’ictus.

La valutazione e il trattamento per un ictus dovrebbero iniziare il prima possibile. Più rapidamente inizia il trattamento di emergenza, maggiori sono le possibilità di prevenire danni permanenti. Il trattamento dipende dal tipo di ictus che stai avendo.

Trattamento di emergenza per ictus ischemico

Gli ictus ischemici sono il tipo più comune di ictus. Si verificano quando un coagulo di sangue blocca il flusso di sangue al cervello. Il trattamento farmacologico per questo tipo di ictus deve iniziare entro 4,5 ore dall’evento, secondo le linee guida del 2018 dell’American Heart Association (AHA) e dell’American Stroke Association (ASA). Ha lo scopo di rompere il coagulo di sangue che blocca o interrompe il flusso sanguigno nel cervello.

Aspirina

I medici usano spesso l’aspirina nel trattamento degli ictus. L’aspirina assottiglia il sangue e può persino aiutare a prevenire ictus futuri.

Come farmaco preventivo, è particolarmente efficace nella prevenzione dell’ictus secondario. Le persone che non hanno mai avuto un ictus prima dovrebbero usare l’aspirina come farmaco preventivo solo se hanno entrambi:

  • un basso rischio di sanguinamento
  • un alto rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche, come ictus o infarto

Assicurati di informare il tuo medico se stai già assumendo l’aspirina per altre condizioni.

Farmaci per l’ictus

Il medico può anche somministrare farmaci per rompere i coaguli. Un comune farmaco per via endovenosa (IV) è l’attivatore del plasminogeno tissutale (tPA). Viene somministrato durante un ictus attivo se la persona è un buon candidato. Questo farmaco agisce per fermare un ictus sciogliendo il coagulo che lo causa.

Dopo un ictus, il medico può prescriverle farmaci orali, come clopidogrel (Plavix) o warfarin (Coumadin). Questi sono usati per fluidificare il sangue al fine di ridurre il rischio di ictus in futuro. È stato anche dimostrato che le statine riducono l’incidenza di ictus futuri.

Embolectomia catetere

Se i farmaci non rompono adeguatamente il coagulo di sangue e se l’ictus è acuto o localizzato in un’area, il medico può utilizzare un catetere per accedere al coagulo e rimuoverlo manualmente. Il catetere viene fatto passare attraverso i vasi sanguigni verso l’area in cui si trova il coagulo. Il medico può rimuovere il coagulo mediante un dispositivo simile a un cavatappi attaccato al catetere o utilizzando agenti di rimozione del coagulo somministrati attraverso il catetere direttamente nel coagulo.

La rimozione meccanica del coagulo può essere eseguita fino a 24 ore dopo la comparsa dei sintomi di ictus.

Craniotomia decompressiva

Un grande ictus può portare a un grave gonfiore nel cervello. In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico se i farmaci non alleviano adeguatamente il gonfiore. La craniectomia decompressiva mira ad alleviare l’accumulo di pressione all’interno del cranio prima che diventi pericoloso. Per la procedura, il chirurgo aprirà un lembo osseo nel cranio nell’area del gonfiore. Una volta scaricata la pressione, il lembo verrà generalmente restituito.

Trattamenti preventivi per l’ictus ischemico

Dopo le procedure di emergenza, il medico valuterà la salute delle arterie e determinerà cosa è necessario fare per prevenire un altro ictus ischemico.

Cambiamenti nello stile di vita

Le misure preventive post-ictus si concentrano principalmente sul miglioramento della salute cardiovascolare. Ciò potrebbe significare abbassare la pressione sanguigna e gestire i livelli di zucchero nel sangue e colesterolo o lipidi.

Probabilmente includerà una combinazione di esercizio fisico, una dieta più sana e farmaci come l’aspirina. Se fumi, smettere di fumare è un cambiamento importante nello stile di vita per la prevenzione dell’ictus.

Endoarteriectomia carotidea

Questa procedura viene spesso eseguita su persone che hanno avuto un ictus ischemico a causa di un’arteria carotide bloccata. Le arterie carotidi sono i principali vasi sanguigni del collo che forniscono sangue al cervello. Per questa procedura, il chirurgo rimuoverà placche e blocchi da queste arterie per migliorare il flusso sanguigno e ridurre il rischio di ictus futuro.

Questo intervento comporta i rischi associati a qualsiasi intervento chirurgico. C’è anche il rischio che possa innescare un altro ictus se durante l’intervento vengono rilasciate placche o coaguli di sangue. Vengono utilizzate misure protettive per ridurre questi rischi.

Trattamento per ictus emorragico

L’ictus emorragico si verifica quando scoppia un aneurisma cerebrale o perde un vaso sanguigno indebolito. Questo fa sì che il sangue coli nel cervello, creando gonfiore e pressione.

A differenza degli ictus ischemici, il trattamento per gli ictus emorragici non coinvolge fluidificanti del sangue. Questo perché fluidificando il sangue peggiorerebbe l’emorragia cerebrale. Se stai già assumendo farmaci per fluidificare il sangue, il medico può somministrare farmaci per contrastarli o per abbassare la pressione sanguigna per rallentare l’emorragia nel cervello.

Chirurgia

A seconda del danno al vaso nel cervello, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico dopo un ictus emorragico. Affinché l’intervento chirurgico venga eseguito con successo, il vaso sanguigno anormale deve trovarsi in una posizione che il chirurgo può raggiungere.

Se il chirurgo può accedere all’arteria interessata, potrebbe rimuoverla completamente. La rimozione riduce il rischio di una futura rottura. A seconda della posizione e delle dimensioni dell’aneurisma, la rimozione chirurgica potrebbe non essere una buona opzione.

Riparazione endovascolare

Il medico può raccomandare una procedura chiamata riparazione endovascolare. Il tuo chirurgo infila un filo sottile e un catetere attraverso i vasi sanguigni e nell’aneurisma. Quindi rilasciano una bobina di morbido filo di platino nell’area. Il filo è spesso quanto una ciocca di capelli. Questa spirale crea una rete che impedisce al sangue di fluire nell’aneurisma. Ciò gli impedisce di sanguinare o risanguinare.

Clipping dell’aneurisma

Un’altra opzione di trattamento è il ritaglio dell’aneurisma installando permanentemente un morsetto per evitare che sanguini ulteriormente o scoppi. Questa procedura prevede un intervento chirurgico ed è consigliata quando l’avvolgimento non sarà efficace. Il clipping è in genere più invasivo dell’avvolgimento.

Riabilitazione dopo un ictus

La riabilitazione dopo un ictus dipende dall’entità del danno e da quale parte del cervello è stata colpita. Ad esempio, se l’ictus si è verificato nella parte destra del cervello, potresti aver bisogno di una riabilitazione fisica che si concentri sul salire e scendere le scale, vestirsi o portare cibo alla bocca. Il lato destro del cervello controlla le funzioni visuo-spaziali.

Potresti aver bisogno di misure riabilitative o correttive per aiutare anche con:

  • coordinazione
  • equilibrio
  • visione
  • controllo dell’intestino o della vescica

  • discorso
  • deglutizione
  • attività motoria fine, come scrivere o disegnare

prospettiva

Avere un ictus può essere un evento grave e pericoloso per la vita. Tuttavia, prima vieni valutato e trattato, più velocemente puoi prevenire danni a lungo termine al cervello e al corpo.

Diversi tipi di ictus richiedono trattamenti, procedure di riabilitazione e misure preventive differenti. Se stai riscontrando i sintomi di un ictus, consultare immediatamente un medico di emergenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here