Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Test differenziale del sangue

Test differenziale del sangue

0
3

Cos’è un test differenziale del sangue?

Il test differenziale del sangue può rilevare cellule anormali o immature. Può anche diagnosticare un’infezione, infiammazione, leucemia o un disturbo del sistema immunitario.

Tipo di globuli bianchi Funzione
neutrofili aiuta a fermare i microrganismi nelle infezioni mangiandoli e distruggendoli con enzimi
Linfocita – utilizza anticorpi per impedire a batteri o virus di entrare nel corpo (linfociti delle cellule B)
– uccide le cellule del corpo se sono state compromesse da un virus o da cellule cancerose (linfociti a cellule T)
monocita diventa un macrofago nei tessuti del corpo, mangiando microrganismi e liberandosi delle cellule morte aumentando la forza del sistema immunitario
eosinofili aiuta a controllare l’infiammazione, particolarmente attiva durante le infezioni parassitarie e le reazioni allergiche, impedisce a sostanze o altri materiali estranei di danneggiare il corpo
basofili produce enzimi durante gli attacchi d’asma e le reazioni allergiche

Il test differenziale del sangue può rilevare cellule anormali o immature. Può anche diagnosticare un’infezione, infiammazione, leucemia o un disturbo del sistema immunitario.

Perché ho bisogno di un test differenziale del sangue?

Il medico può ordinare un esame differenziale del sangue come parte di un esame sanitario di routine.

Un test differenziale del sangue fa spesso parte di un esame emocromocitometrico completo (CBC). Un CBC viene utilizzato per misurare i seguenti componenti del sangue:

  • globuli bianchi, che aiutano a fermare le infezioni
  • globuli rossi, che trasportano l’ossigeno
  • piastrine, che aiutano a coagulare il sangue
  • l’emoglobina, la proteina dei globuli rossi che contiene ossigeno
  • ematocrito, il rapporto tra globuli rossi e plasma nel sangue

È necessario anche un esame differenziale del sangue se i risultati del CBC non rientrano nell’intervallo normale.

Il medico può anche prescriverti un esame differenziale del sangue se sospetta che tu abbia un’infezione, infiammazione, disturbi del midollo osseo o malattia autoimmune.

Come viene eseguito un test differenziale del sangue?

Il medico controlla i livelli dei globuli bianchi testando un campione di sangue. Questo test viene spesso eseguito presso un laboratorio clinico ambulatoriale.

L’operatore sanitario del laboratorio utilizza un piccolo ago per prelevare il sangue dal braccio o dalla mano. Non è necessaria alcuna preparazione speciale prima del test.

Uno specialista di laboratorio mette una goccia di sangue dal campione su un vetrino trasparente e la spalma per diffondere il sangue. Quindi, colorano lo striscio di sangue con un colorante che aiuta a differenziare i tipi di globuli bianchi nel campione.

Lo specialista di laboratorio conta quindi il numero di ciascun tipo di globulo bianco.

Lo specialista può eseguire un emocromo manuale, identificando visivamente il numero e le dimensioni delle cellule sul vetrino. Il tuo specialista potrebbe anche utilizzare un emocromo automatizzato. In questo caso, una macchina analizza le cellule del sangue sulla base di tecniche di misurazione automatizzate.

La tecnologia di conteggio automatizzato utilizza metodi elettrici, laser o di fotorilevamento per fornire un ritratto estremamente accurato delle dimensioni, della forma e del numero di cellule del sangue in un campione.

Uno studio del 2013 ha dimostrato che questi metodi sono molto accurati, anche su diversi tipi di macchine che eseguono l’emocromo automatico.

I livelli di conta di eosinofili, basofili e linfociti potrebbero non essere accurati se stai assumendo farmaci corticosteroidi, come prednisone, cortisone e idrocortisone, al momento del test. Fai sapere al tuo medico se stai assumendo uno di questi farmaci prima di fare il test.

Quali sono le complicazioni associate a un test differenziale del sangue?

Il rischio di complicazioni derivanti dal prelievo di sangue è minimo. Alcune persone provano un lieve dolore o vertigini.

Dopo il test, nel sito di puntura potrebbero svilupparsi un livido, un leggero sanguinamento, un’infezione o un ematoma (una protuberanza piena di sangue sotto la pelle).

Cosa significano i risultati del test?

Un intenso esercizio fisico e alti livelli di stress possono influenzare il numero dei globuli bianchi, in particolare i livelli dei neutrofili.

Alcuni studi dimostrano che una dieta vegana può causare una conta dei globuli bianchi inferiore al normale. Tuttavia, la ragione di ciò non è concordata dagli scienziati.

Un aumento anormale di un tipo di globuli bianchi può causare una diminuzione in un altro tipo. Entrambi i risultati anomali possono essere dovuti alla stessa condizione sottostante.

I valori di laboratorio possono variare. Secondo l’American Academy of Pediatric Dentistry, le percentuali di globuli bianchi nelle persone sane sono le seguenti:

  • Dal 54 al 62 percento dei neutrofili
  • Dal 25 al 30 percento di linfociti
  • Dallo 0 al 9 percento di monociti
  • Dall’1 al 3% di eosinofili
  • 1 percento di basofili

Un aumento della percentuale di neutrofili nel tuo sangue può significare che hai:

  • neutrofilia, una malattia dei globuli bianchi che può essere causata da un’infezione, steroidi, fumo o esercizio fisico rigoroso
  • un’infezione acuta, soprattutto un’infezione batterica
  • stress acuto
  • gravidanza
  • infiammazione, come malattia infiammatoria intestinale o artrite reumatoide
  • lesioni ai tessuti dovute a traumi
  • leucemia cronica

UN diminuzione della percentuale di neutrofili nel tuo sangue può indicare:

  • neutropenia, una malattia dei globuli bianchi che può essere causata da una mancanza di produzione di neutrofili nel midollo osseo
  • anemia aplastica, una diminuzione del numero di cellule del sangue prodotte dal midollo osseo
  • un’infezione batterica o virale grave o diffusa
  • recenti trattamenti chemioterapici o radioterapici

Un aumento della percentuale di linfociti nel sangue può essere dovuto a:

  • linfoma, un cancro dei globuli bianchi che inizia nei linfonodi
  • un’infezione batterica cronica
  • epatite
  • mieloma multiplo, un cancro delle cellule del midollo osseo
  • un’infezione virale, come la mononucleosi, la parotite o il morbillo
  • leucemia linfocitica

UN diminuzione della percentuale di linfociti nel tuo sangue può essere il risultato di:

  • danno al midollo osseo dovuto a chemioterapia o radioterapia
  • Infezione da HIV, tubercolosi o epatite
  • leucemia
  • una grave infezione, come la sepsi
  • una malattia autoimmune, come il lupus o l’artrite reumatoide

UN aumento della percentuale di monociti nel sangue può essere causato da:

  • malattia infiammatoria cronica, come la malattia infiammatoria intestinale
  • un’infezione parassitaria o virale
  • un’infezione batterica nel tuo cuore
  • una malattia vascolare del collagene, come il lupus, la vasculite o l’artrite reumatoide
  • alcuni tipi di leucemia

Un aumento della percentuale di eosinofili nel tuo sangue può indicare:

  • eosinofilia, che può essere causata da disturbi allergici, parassiti, tumori o disturbi gastrointestinali (GI)
  • una reazione allergica
  • infiammazione della pelle, come eczema o dermatite
  • un’infezione parassitaria
  • un disturbo infiammatorio, come la malattia infiammatoria intestinale o la celiachia
  • alcuni tipi di cancro

Un aumento della percentuale di basofili nel tuo sangue potrebbe essere causato da:

  • una grave allergia alimentare
  • infiammazione
  • leucemia

Cosa succede dopo il test differenziale del sangue?

Il medico probabilmente prescriverà più esami se si verifica un aumento o una diminuzione persistente dei livelli di uno qualsiasi dei tipi di globuli bianchi elencati.

Questi test possono includere una biopsia del midollo osseo per determinare la causa sottostante.

Il medico discuterà con te le opzioni di gestione dopo aver identificato la causa dei risultati anormali.

Possono anche ordinare uno o più dei seguenti test per determinare le migliori opzioni per il trattamento e il follow-up:

  • test della conta degli eosinofili
  • citometria a flusso, che può dire se un numero elevato di globuli bianchi è causato da tumori del sangue
  • immunofenotipizzazione, che può aiutare a trovare il miglior trattamento per una condizione causata da conteggi anormali delle cellule del sangue
  • test della reazione a catena della polimerasi (PCR), che misura i biomarcatori nel midollo osseo o nelle cellule del sangue, in particolare le cellule tumorali del sangue

Potrebbero essere necessari altri test in base ai risultati del test differenziale e dei test di follow-up.

Il tuo medico ha molti modi per determinare e trattare le cause di una conta anormale delle cellule del sangue e la tua qualità di vita probabilmente rimarrà la stessa, se non migliorerà, una volta trovata la causa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here