Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Test di osmolalità del sangue

Test di osmolalità del sangue

0
5

Cos’è un test di osmolalità del sangue?

L’osmolalità è una misura di quanto una sostanza si è dissolta in un’altra sostanza. Maggiore è la concentrazione della sostanza disciolta, maggiore è l’osmolalità. L’acqua molto salata ha un’osmolalità maggiore dell’acqua con un pizzico di sale.

Quando il tuo corpo funziona correttamente, apporta aggiustamenti specifici per mantenere un’osmolalità appropriata. Ad esempio, potrebbe essere necessario urinare frequentemente se l’osmolalità del sangue è troppo bassa. Questo aiuta il tuo corpo a liberarsi dell’acqua in eccesso, aumentando l’osmolalità del tuo sangue.

Il test di osmolalità del sangue è anche noto come test di osmolalità sierica. Il siero è la parte liquida del tuo sangue.

Il test del siero viene utilizzato principalmente per valutare l’iponatriemia, un livello di sodio nel flusso sanguigno inferiore al normale.

I medici possono anche utilizzare questo test in considerazione delle quantità misurate di azoto ureico nel sangue, glucosio e sodio nel siero. L’urea è un sottoprodotto delle proteine ​​che si scompongono nel corpo.

Alcune tossine e terapie che influenzano l’equilibrio dei liquidi di un individuo possono anche essere valutate con il test dell’osmolalità sierica.

I test di osmolalità sierica e urinaria possono essere valutati insieme per confrontare e diagnosticare eventuali malattie che influenzano l’osmolalità in queste aree.

Tutto quello che devi fare per questo test è fornire un campione del tuo sangue.

Perché i medici eseguono un test di osmolalità del sangue?

Il medico può ordinare un test di osmolalità del sangue per controllare l’equilibrio sale / acqua del tuo corpo. Questo può aiutarli a determinare se hai determinate condizioni mediche. Ad esempio, il medico potrebbe ordinare questo test se sospetta che tu abbia una delle seguenti condizioni:

  • disidratazione
  • iponatriemia, una carenza di sodio nel sangue
  • un eccesso di sodio nel sangue
  • danno ai reni
  • avvelenamento da determinate sostanze, come etanolo, glicole etilenico o metanolo
  • Possono anche usarlo per verificare la presenza di segni di molte altre condizioni.

Come dovresti prepararti per un test di osmolalità del sangue?

Per eseguire un test di osmolalità del sangue, il medico raccoglierà un campione del tuo sangue da inviare a un laboratorio per il test.

Potrebbero chiederti di digiunare per sei ore prima che il tuo sangue venga prelevato. Potrebbe anche essere necessario evitare di bere determinati liquidi.

Il medico potrebbe anche chiederti di evitare di assumere determinati farmaci prima che venga prelevato il sangue. Alcuni farmaci, come il mannitolo, possono interferire con i risultati del test.

È importante informare il medico di eventuali farmaci che stai assumendo, inclusi farmaci da prescrizione e da banco.

Come verrà raccolto il tuo sangue?

Un professionista medico qualificato raccoglierà un campione del tuo sangue presso l’ufficio del tuo medico o un altro sito. Useranno un ago per raccogliere il sangue, probabilmente da una vena del tuo braccio.

Per iniziare, puliranno l’area con un antisettico. Quindi avvolgeranno un elastico attorno al tuo braccio, facendoti gonfiare la vena. Un ago verrà inserito nella vena e un campione del tuo sangue verrà aspirato in una fiala.

Una volta raccolto il sangue, l’ago e l’elastico verranno rimossi dal braccio. Il tecnico quindi pulirà il sito di iniezione e, se necessario, lo benderà. Il tuo campione di sangue verrà etichettato e inviato a un laboratorio per il test.

Cosa significano i risultati del test?

Il laboratorio terminerà i risultati del test al medico. I risultati possono essere “normali” o “anormali”, che il medico interpreterà per te.

Risultati normali

L’osmolalità del sangue è misurata in milliosmoli per chilogrammo. Un risultato normale è tipicamente da 275 a 295 milliosmoli per chilogrammo. Gli standard esatti per risultati normali possono variare a seconda del medico e del laboratorio.

Risultati anormali

I risultati anomali in genere non rientrano nell’intervallo compreso tra 275 e 295 milliosmoli per chilogrammo.

L’osmolalità del sangue anormalmente alta può derivare da una varietà di condizioni, tra cui:

  • disidratazione
  • diabete insipido
  • trauma alla testa
  • colpo
  • iperglicemia o glicemia alta
  • ipernatriemia o sodio alto nel sangue
  • uremia o un accumulo di tossine nel sangue
  • avvelenamento da etanolo, glicole etilenico o metanolo

L’osmolalità del sangue anormalmente bassa può essere causata da diverse condizioni, tra cui:

  • assunzione di liquidi in eccesso o eccessiva idratazione
  • iponatriemia o basso contenuto di sodio nel sangue
  • sindromi paraneoplastiche, un tipo di disturbo che colpisce alcune persone con cancro
  • sindrome da inappropriata secrezione di ADH (SIADH)

Alcune di queste cause sono meno gravi di altre. Il medico utilizzerà i risultati del test per aiutare a sviluppare una diagnosi. Possono anche ordinare test o esami aggiuntivi.

Quali sono i rischi coinvolti in un test di osmolalità del sangue?

Qualsiasi prelievo di sangue comporta alcuni rischi. Questi includono vertigini o dolore nel sito di puntura. Potresti anche riscontrare un leggero sanguinamento o lividi.

In rari casi, potresti riscontrare complicazioni più gravi, come:

  • svenimento
  • sanguinamento eccessivo
  • ematoma, un accumulo di sangue sotto la pelle
  • flebite, un’infiammazione della tua vena
  • infezione nel sito di puntura

Se sospetti di aver sviluppato effetti collaterali gravi, contatta il tuo medico. Per la maggior parte delle persone, i benefici di questo test superano i rischi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here