Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Terapia comportamentale cognitiva per il disturbo bipolare

Terapia comportamentale cognitiva per il disturbo bipolare

0
3

Terapia cognitivo comportamentale (CBT)

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) è un tipo di psicoterapia che può essere utilizzata per aiutare a gestire il disturbo bipolare.

La psicoterapia può comportare un’interazione individuale con un terapeuta. Può anche comportare sessioni di gruppo che includono il terapeuta e altre persone con problemi simili.

Sebbene ci siano molti approcci, tutti implicano aiutare i pazienti a gestire i loro pensieri, percezioni e comportamenti. La psicoterapia è anche una risorsa per trovare modi sani per affrontare i problemi.

Come si inserisce la terapia cognitivo comportamentale nel tuo trattamento?

Di solito, il trattamento principale per il disturbo bipolare è una combinazione di farmaci e psicoterapia. La CBT è uno dei tipi più comuni di psicoterapia.

La CBT può essere utilizzata in diversi modi, tra cui:

  • gestire i sintomi delle malattie mentali
  • prevenire comportamenti che possono provocare una ricaduta in quei sintomi
  • apprendere tecniche di coping efficaci per aiutare a controllare le emozioni e lo stress
  • agire come trattamento alternativo quando i farmaci sono inefficaci o non sono un’opzione

Come funziona la terapia cognitivo comportamentale?

L’obiettivo principale della CBT è aiutarti a ottenere una nuova visione della tua situazione. Lo fa sfidando direttamente i pensieri e le paure negative e insegnandoti a controllarli o sbarazzartene.

La terapia è generalmente di breve durata e si concentra direttamente sull’eliminazione o la gestione di problemi specifici. Coinvolge i contributi da parte tua e del terapeuta.

Durante una sessione CBT, tu e il terapista lavorerete insieme per:

1. Determina il problema

Può essere una malattia mentale, stress lavorativo o relazionale o qualsiasi altra cosa che ti dà fastidio.

2. Esamina i pensieri, i comportamenti e le emozioni associati a questi problemi

Una volta identificati i problemi, lavorerai con il terapeuta per iniziare a osservare come reagisci a quei problemi.

3. Individua pensieri, comportamenti ed emozioni negativi o imprecisi

Esistono diversi modi in cui puoi percepire o affrontare un problema che in realtà peggiora il problema. Ciò può includere pensare negativamente a te stesso o concentrarti sugli aspetti negativi di una situazione o di un evento.

4. Cambia la tua reazione ai problemi personali

Durante una sessione, tu e il terapeuta lavorate insieme per sostituire questi pensieri negativi con altri più positivi o costruttivi. Questi possono includere pensare positivamente alla tua capacità di far fronte e tentare di visualizzare una situazione in modo più obiettivo.

Chi può prendere la terapia cognitivo comportamentale?

La terapia cognitivo comportamentale può essere efficace su quasi tutti in varie situazioni.

È possibile accedere alla psicoterapia in una serie di contesti, inclusi ospedali e studi privati. La CBT è uno dei tipi più comuni di terapia. Molti datori di lavoro offrono psicoterapia attraverso i loro programmi di assistenza ai dipendenti.

Quali sono gli effetti collaterali?

Non ci sono effetti collaterali fisici diretti alla psicoterapia. Tuttavia, se decidi di provare la CBT, devi essere pronto a parlare apertamente dei tuoi problemi con un terapeuta o anche con un gruppo di persone. Questo può essere fastidioso e un ostacolo difficile da superare.

Porta via

La CBT è un trattamento popolare che può essere applicato a un’ampia gamma di problemi, inclusa la gestione del disturbo bipolare. Il trattamento si concentra sull’identificazione dei tuoi problemi e delle tue reazioni ad essi. Quindi determina quali di queste reazioni sono malsane e le sostituisce con alternative più sane.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here