Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Supplementi per trattare l’ADHD

Supplementi per trattare l’ADHD

0
3

Panoramica

La maggior parte dei medici concorda sul fatto che una corretta alimentazione è essenziale nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Insieme a un’alimentazione sana, alcune vitamine e minerali possono aiutare a migliorare i sintomi dell’ADHD.

È importante consultare il proprio medico o un dietista registrato prima di iniziare a prendere qualsiasi integratore.

Acidi grassi omega-3

Gli acidi grassi Omega-3 sono molto importanti nello sviluppo del cervello. Non ottenere abbastanza può influenzare la crescita cellulare.

L’acido docosaesaenoico (DHA) degli acidi grassi essenziali Omega-3 è una parte essenziale delle membrane delle cellule nervose. Studi hanno dimostrato che le persone con disturbi comportamentali e dell’apprendimento, incluso l’ADHD, hanno livelli ematici di DHA più bassi rispetto alle persone che non hanno questi disturbi. Il DHA è solitamente ottenuto da pesce grasso, pillole di olio di pesce e olio di krill.

Animale studi hanno anche dimostrato che una mancanza di acidi grassi omega-3 porta a minori quantità di DHA nel cervello. Ciò può anche portare a cambiamenti nel sistema di segnalazione della dopamina del cervello. La segnalazione anormale della dopamina è un segno di ADHD negli esseri umani.

Anche gli animali da laboratorio nati con livelli inferiori di DHA hanno sperimentato una funzione cerebrale anormale.

Tuttavia, alcune funzioni cerebrali si sono normalizzate quando agli animali è stato somministrato DHA. Alcuni scienziati ritengono che lo stesso possa essere vero per gli esseri umani.

Zinco

Lo zinco è un nutriente essenziale che svolge un ruolo importante in molte funzioni corporee. La sua importanza per il corretto funzionamento del sistema immunitario è ben nota. Ora gli scienziati stanno iniziando ad apprezzare l’importante ruolo che lo zinco svolge nella funzione cerebrale.

Negli ultimi anni, i livelli di zinco sono stati bassi collegato a una serie di disturbi cerebrali. Questi includono il morbo di Alzheimer, la depressione, il morbo di Parkinson e l’ADHD. Gli scienziati hanno l’idea che lo zinco influenzi l’ADHD attraverso la sua influenza sulla segnalazione cerebrale correlata alla dopamina.

Studi hanno dimostrato che i livelli di zinco sono inferiori al normale nella maggior parte dei bambini con ADHD. Clinico prove suggeriscono che l’aggiunta di 30 mg di solfato di zinco alla propria dieta ogni giorno può aiutare a ridurre la necessità di farmaci per l’ADHD.

Vitamine del gruppo B.

Uno studiaha concluso che le donne che non assumono abbastanza folato, un tipo di vitamina B, durante la gravidanza hanno maggiori probabilità di dare alla luce bambini con disturbi di iperattività.

Altro studi hanno suggerito che l’assunzione di alcune vitamine del gruppo B, come la B-6, può essere utile per il trattamento dei sintomi dell’ADHD.

Uno studia ha scoperto che l’assunzione di una combinazione di magnesio e vitamina B-6 per due mesi ha migliorato significativamente l’iperattività, l’aggressività e la disattenzione. Al termine dello studio, i partecipanti hanno riferito che i loro sintomi sono ricomparsi dopo aver smesso di prendere gli integratori.

Ferro

Gli studi indicano che le persone con ADHD possono essere carenti di ferro e l’assunzione di pillole di ferro può migliorare i sintomi del disturbo.

Un recente studia ha utilizzato scansioni MRI per dimostrare che le persone con ADHD hanno livelli anormalmente bassi di ferro. Questa carenza è collegata a una parte del cervello che ha a che fare con la coscienza e la vigilanza.

Un altro studia ha concluso che l’assunzione di ferro per tre mesi ha avuto effetti simili alla terapia farmacologica stimolante per l’ADHD. I soggetti hanno ricevuto 80 mg di ferro ogni giorno, fornito come solfato ferroso.

Porta via

È importante parlare con il medico prima di iniziare a prendere integratori. A volte gli integratori possono interagire con i farmaci da prescrizione e causare gravi effetti collaterali. Il tuo medico può anche aiutarti a determinare il miglior livello di dosaggio per te.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here