Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Statine e vitamina D: esiste un collegamento?

Statine e vitamina D: esiste un collegamento?

0
4

Se hai un problema con il colesterolo alto, il tuo medico potrebbe prescriverti delle statine. Questa è una classe di medicinali che aiuta a mantenere un livello sano di colesterolo LDL (“cattivo”) alterando il modo in cui il fegato produce il colesterolo.

Le statine sono considerate sicure per la maggior parte degli utenti, ma le donne, gli over 65, le persone che bevono eccessivamente e le persone che hanno il diabete hanno maggiori probabilità di avere effetti collaterali. Questi potrebbero includere:

  • danno epatico con conseguente
    aumento degli enzimi epatici
  • aumento della glicemia o diabete
  • dolore muscolare e debolezza,
    a volte grave

Scopri i pro e i contro dell’utilizzo delle statine

Cosa fa la vitamina D?

La relazione tra statine e vitamina D è stata studiata per apprendere un paio di cose. Ad esempio, l’integrazione di vitamina D e una dieta sana hanno dimostrato di ridurre il colesterolo in una ricerca limitata. La vitamina D mostra anche la promessa di migliorare salute cardiovascolare. Mantiene le ossa forti aiutando il tuo corpo ad assorbire anche il calcio. Aiuta i muscoli a muoversi correttamente e svolge un ruolo nel modo in cui il tuo cervello comunica con il resto del tuo corpo.

Puoi assumere vitamina D attraverso la tua dieta mangiando pesce grasso come salmone e tonno, tuorli d’uovo e prodotti a base di latte fortificato. Il tuo corpo produce vitamina D anche quando la tua pelle è esposta al sole. La maggior parte degli adulti necessita di circa 800 UI (unità internazionali) al giorno.

Se non assumi abbastanza vitamina D, le tue ossa possono diventare fragili e, più tardi nella vita, potresti sviluppare l’osteoporosi. Le carenze di vitamina D sono state studiate per una probabile associazione con ipertensione, diabete, aterosclerosi e malattie cardiovascolari, ma al momento i risultati non sono conclusivi.

Impara gli effetti di una carenza di vitamina D.

Cosa ci dice la scienza sulle statine

Il modo in cui le statine influenzano i livelli di vitamina D è difficile da definire. Gli autori di uno studia suggeriscono che la statina rosuvastatina aumenta la vitamina D. Tuttavia, questo è ancora oggetto di dibattito. In effetti, c’è almeno un altro studio che mostra esattamente il contrario.

Altri ricercatori sostenere che i livelli di vitamina D di una persona potrebbero cambiare per ragioni completamente indipendenti. Ad esempio, potrebbero essere influenzati dalla quantità di vestiti che una persona indossa o dalla quantità di luce solare che una persona riceve nei mesi invernali.

Gli effetti collaterali comuni delle statine

Mentre i ricercatori raccolgono ulteriori informazioni, cosa puoi fare se stai prendendo in considerazione l’assunzione di statine o se le stai già assumendo e sei preoccupato per l’effetto sui tuoi livelli di vitamina D? Il tuo primo passo dovrebbe essere chiedere al tuo medico di controllare i tuoi livelli di vitamina D. Che tu stia assumendo statine o meno, potresti essere carente di D per alcuni motivi:

  • Hai più di 65 anni e la tua pelle
    non produce più vitamina D come una volta.
  • Sei afroamericano o l’hai fatto
    pelle più scura.
  • Lavori in casa quindi non puoi
    molto sole, o copri gran parte della tua pelle quando sei fuori.
  • Hai una condizione gastrointestinale
    come il morbo di Crohn o la celiachia.

Il Takeaway

Se non stai assumendo abbastanza vitamina D o i tuoi livelli di vitamina D nel sangue sono carenti, prendi in considerazione l’assunzione di integratori se il tuo medico lo approva. Quindi fai controllare regolarmente i tuoi livelli. Puoi anche modificare la tua dieta per includere più pesce e uova grassi. Fallo solo se questi cambiamenti sono compatibili con il mantenimento di sani livelli di colesterolo.

Se hai un’esposizione al sole molto limitata, potresti aumentare i livelli di vitamina D trascorrendo più tempo al sole, ma fai attenzione alla sovraesposizione. Diverse organizzazioni sanitarie britanniche hanno rilasciato una dichiarazione che suggerisce che meno di 15 minuti fuori negli inglesiil sole di mezzogiorno, anche se non si indossa la protezione solare, è un limite salutare. Poiché il sole della Gran Bretagna non è il più forte, la maggior parte di noi dovrebbe ottenere ancora meno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here