Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Spondilite anchilosante sul lavoro: 11 consigli per lavorare bene

Spondilite anchilosante sul lavoro: 11 consigli per lavorare bene

0
36

La spondilite anchilosante (AS) è un raro tipo di artrite che può causare dolore e rigidità alla colonna vertebrale e ad altre aree del corpo, come fianchi, articolazioni periferiche, torace e glutei.

I sintomi di questa malattia infiammatoria possono influenzare la tua capacità di lavorare, soprattutto se stai seduto o in piedi per lunghi periodi di tempo.

Lavorare con AS può essere impegnativo, ma di solito è possibile. Ecco come lavorare con AS, quali risorse sono a tua disposizione e regolazioni intelligenti che puoi apportare al tuo spazio di lavoro per il massimo comfort ogni giorno sul lavoro.

Puoi lavorare con la spondilite anchilosante?

Sì, nella maggior parte dei casi puoi lavorare con AS. Ci vuole solo un po’ di navigazione (e un pizzico di pazienza) per apportare modifiche per il tuo comfort e creare un ambiente di lavoro adatto a te.

È anche importante capire in che modo AS può potenzialmente avere un impatto su di te sul lavoro.

AS può influenzare la tua capacità di lavorare in diversi modi. La condizione può causare dolore e rigidità nella parte bassa della schiena e nei fianchi, che possono peggiorare se stai seduto per un lungo periodo di tempo, ad esempio seduto alla scrivania per diverse ore.

Può anche causare dolore al collo e affaticamento. Il lavoro a turni lunghi, come il lavoro in ospedale, può peggiorare questa stanchezza. Stare in piedi in un posto per lunghi periodi, come mentre si insegna o si acconcia i capelli, può anche causare l’insorgere dei sintomi.

Sebbene molti di questi problemi possano essere risolti con modifiche, esistono delle limitazioni. Se il tuo lavoro ha esigenze fisiche intense, richiede un sollevamento di carichi pesanti o include movimenti ripetitivi di tutto il corpo, potresti trovarti incapace di completare le attività richieste.

La gestione dell’AS può anche comportare visite mediche aggiuntive o comportare giornate lavorative perse per altri motivi.

Secondo un anziano 2001 Studio olandese di 709 individui di età compresa tra 16 e 60 anni che avevano AS, quelli con un lavoro retribuito hanno perso il 5% delle giornate lavorative a causa della loro condizione. Ciò equivale a circa 10 giorni di congedo per malattia all’anno oltre alla media nazionale di 12,3 giorni di congedo per malattia non specificato.

Un altro studio del 2014 che ha esaminato 88 persone che convivono con AS ha scoperto che esisteva una correlazione tra il lavoro mancante e i punteggi del Bath Ankylosing Spondylitis Disease Activity Index (BASDAI), che misura l’attività della malattia.

Non è un segreto che AS può aggiungere sfide alla tua giornata lavorativa. È importante tenere traccia dei sintomi e modificare il lavoro secondo necessità, oppure restare a casa a riposare quando possibile nei giorni particolarmente dolorosi.

Fortunatamente, molti datori di lavoro lavoreranno con te per creare un ambiente di lavoro positivo. Inoltre, ci sono alcune protezioni in atto per le persone che gestiscono condizioni di salute croniche.

Quali regolazioni si possono fare?

Le modifiche che semplificano il lavoro con AS dipenderanno dal tipo di lavoro che esegui. Quelli che seguono sono suggerimenti per creare uno spazio di lavoro o un ambiente di lavoro più confortevole e meno doloroso.

Pratica una buona postura evitando di lavorare o di sederti in una posizione curva

Se la tua azienda fornisce una sedia da scrivania, considera la possibilità di richiederne una con caratteristiche ergonomiche o di aggiungere un cuscino di supporto lombare o altri accessori per aumentare il tuo comfort.

I tuoi gomiti dovrebbero essere in grado di appoggiarsi sulla parte superiore della scrivania per raggiungere la tastiera. Siediti dritto sulla sedia con i piedi ben appoggiati sul pavimento.

In alternativa, potresti sperimentare l’utilizzo di una scrivania in piedi per tutta o parte della giornata lavorativa.

Tieni forniture e altri oggetti a portata di mano e a portata di mano

Quando possibile, sistema la tua scrivania in modo che gli oggetti che usi più frequentemente siano facilmente accessibili. Se lavori in uno spazio condiviso, considera la possibilità di parlare con il tuo manager dei modi per regolare l’organizzazione degli oggetti per il tuo comfort.

Eleva il monitor o lo schermo del laptop all’altezza degli occhi

Idealmente, la parte superiore dello schermo dovrebbe essere all’altezza degli occhi in modo da non dover guardare in basso per vederlo. Puoi utilizzare dei riser progettati per elevare il tuo laptop o semplicemente utilizzare una pila di libri o risme di carta, se necessario.

Considera il modo migliore per andare e tornare dal lavoro

Se stai guidando, hai bisogno di un parcheggio per disabili? Il trasporto pubblico è un’opzione? È possibile andare al lavoro a piedi? Capire il modo migliore per arrivarci e la casa funziona meglio per te può aiutarti a dare il tono per il resto della giornata.

Fai delle pause regolari che includono il movimento

Puoi provare a fare brevi passeggiate o a fare stretching dolcemente durante il giorno. Imposta un timer di promemoria, se necessario, per assicurarti di muoverti abbastanza frequentemente.

Incorpora una dieta sana e idratazione nella tua giornata

Considera di fare uno spuntino con alcuni cibi noti per ridurre l’infiammazione, come ad esempio:

  • frutti di bosco
  • ciliegie
  • avocado
  • broccoli
  • Funghi asiatici, come shiitake e maitake
  • hummus
  • noci e semi, come noci e semi di zucca
  • cioccolato fondente con moderazione

È una buona idea bere acqua durante il giorno. Puoi sperimentare aggiungendo frutta alla tua acqua per aromatizzare o bere acqua frizzante per varietà.

Crea un registro delle attività per identificare eventuali punti dolenti o fattori scatenanti dei sintomi

Puoi conservare il registro delle attività in un taccuino o nell’app per le note del telefono. Annota esattamente cosa stai facendo quando noti i sintomi. Esamina le voci di registro per trovare modelli di dolore o fattori scatenanti dei sintomi. Se noti un’area problematica coerente, programma un momento per parlare con il tuo datore di lavoro sui possibili modi per affrontarla.

Lavora con i tuoi colleghi, manager o dipartimento delle risorse umane

Non sei obbligato a condividere alcuna informazione sanitaria con gli altri al lavoro. Tuttavia, potresti scoprire che informarli delle tue esigenze e limitazioni consente una migliore comunicazione.

Determina se il tuo lavoro è adatto a te

Se il tuo lavoro semplicemente non funziona con AS – o è troppo impegnativo fisicamente – potresti prendere in considerazione la possibilità di cercare una nuova posizione, con il tuo attuale datore di lavoro o altrove.

Puoi anche considerare di passare a un ruolo solo remoto, che potrebbe essere più comodo che lavorare in un ufficio o in un ambiente in loco.

A volte, un cambio di carriera totale è la cosa migliore, soprattutto se il tuo settore crea condizioni di lavoro difficili per AS. Puoi fare ricerche online o parlare con un consulente di carriera per determinare se ci sono altri ruoli che richiedono meno richieste fisiche.

Lavora con un terapista occupazionale o fisico (o entrambi)

Un terapista occupazionale può collaborare con te per determinare i metodi e gli strumenti migliori per aumentare il tuo comfort durante il completamento delle attività quotidiane.

Possono valutare e suggerire modifiche al tuo spazio di lavoro. Possono anche offrire suggerimenti su esercizi o routine che possono aumentare la tua forza e ridurre al minimo il disagio dovuto ai sintomi di AS.

I terapisti occupazionali aiutano le persone a superare le barriere che influenzano i bisogni emotivi, sociali e fisici, quindi possono essere particolarmente utili per la tua salute fisica e mentale.

La maggior parte dei piani assicurativi include la copertura per questo tipo di terapia, quindi vale la pena esplorare le tue opzioni. Puoi chiedere consiglio al tuo reumatologo o al medico di base.

I fisioterapisti possono anche aiutarti con esercizi per lavorare su postura, stretching e gamma di movimento.

Prenditi del tempo libero se necessario per riposare e recuperare

È anche importante prendersi del tempo per programmare eventuali visite mediche o terapie necessarie a sostegno della propria salute.

Quali risorse sono disponibili?

Anche se potrebbe richiedere un po’ di tempo e fatica, se ti è stata diagnosticata la SA puoi intraprendere numerosi passi per sostenerti sul lavoro.

La cosa più importante da ricordare è che non sei solo se hai dei dubbi. Circa 300.000 americani hanno AS, il che significa che migliaia di persone là fuori stanno potenzialmente sentendo l’impatto della loro condizione sul lavoro.

Puoi costruire connessioni con altri che hanno le stesse esperienze attraverso i gruppi di supporto AS, che puoi trovare online o tramite ospedali o centri medici locali.

Puoi anche trovare informazioni e collegamenti attraverso organizzazioni come la Spondylitis Association of America e la National Ankylosing Spondylitis Society.

Se lavori in un’azienda più grande, probabilmente avrai anche accesso al personale delle risorse umane, che può aiutarti a risolvere eventuali problemi e apportare modifiche al tuo ruolo in base alle tue esigenze.

Se il dolore di AS ti impedisce di lavorare, potresti anche avere diritto alle prestazioni di invalidità.

Alla fine della giornata, la tua salute viene prima di tutto, quindi è importante fare ciò che è meglio per te.