Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Sono sempre preoccupato per COVID-19. Questa è una valida cautela o...

Sono sempre preoccupato per COVID-19. Questa è una valida cautela o un’ansia totale?

0
5

Sei l’unico che può decidere se qualcosa mette veramente a rischio la tua salute.

Yashvi Jethi / EyeEm / Getty Images

C’è stata una vasta gamma di risposte mentre gli Stati Uniti continuano a lottare con COVID-19.

Ad un estremo, alcuni americani trattano il virus mortale come una bufala, nonostante le prove scientifiche del suo impatto. Abbiamo visto molte persone affollare le spiagge, scartare le maschere e continuare il modo in cui vivevano prima della pandemia.

Gli studi dimostrano che questo comportamento estremo contribuisce solo al problema in questione. Maschere, distanze fisiche (sociali) e un’adeguata sanificazione sono gli unici modi in cui possiamo gestire la diffusione del virus prima di ottenere il vaccino.

Per i non credenti, però, non c’è da preoccuparsi.

Dall’altro lato della scala ci sono le persone che comprendono il rischio di questo virus. Queste sono persone che sono più suscettibili o che hanno visto in prima persona quanti danni a breve e lungo termine può causare questa malattia.

A parte queste polarizzazioni c’è un altro dilemma: come fai a sapere se sei pure cauto con COVID-19?

Le tue paure sono giustificate?

Dall’inizio della pandemia, sempre più americani (e persone in tutto il mondo) stanno vivendo gravi sintomi di ansia, secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

Ciò è particolarmente vero per le persone che hanno già lottato con la paura della malattia prima dello scoppio, sia a causa di condizioni di salute mentale come ansia, fobie e disturbo ossessivo compulsivo, sia perché sono considerate ad alto rischio per COVID-19.

Gli esperti stanno studiando il picco di ciò che chiamano “ansia per la salute, “Che spesso fa sentire le persone più consapevoli e ansiose di sintomi minori che possono o meno essere il risultato del virus.

Con l’ansia per la salute, potresti tornare indietro a quel singhiozzo che hai sentito in metropolitana l’altro giorno e preoccuparti. Potresti chiederti se i sintomi della tua condizione di salute cronica stiano rendendo difficile rilevare se hai COVID-19.

Potresti sentirti paranoico o “pazzo”. Questo è un insulto abile che sta andando in giro per descrivere tutti coloro che sono preoccupati per la diffusione del virus. Potresti dubitare costantemente di te stesso sul fatto che stai prendendo le giuste precauzioni.

In queste situazioni, ci troviamo a porre le stesse domande più e più volte:

  • E se devo tornare a scuola o al lavoro e non è sicuro?
  • E se il negozio di alimentari non è stato igienizzato correttamente?
  • Cosa succede se uno dei miei familiari è asintomatico e mi trasmette il virus?
  • Cosa succederà se lo prendo?
  • Come posso sapere se i miei sintomi provengono da COVID-19 o qualcos’altro?

Una delle strategie chiave per sfidare pensieri preoccupanti è guardare ai fatti della situazione. Quante probabilità ci sono che le tue paure si avverino?

Per le preoccupazioni non legate ai virus, questo metodo può aiutare a rilevare pensieri irrazionali e sostituirli con strategie di coping.

Ma tutte queste domande “e se” che vengono con l’ansia pandemica sono difficili da contestare perché, beh, non sono così oltraggiose.

In poche parole, le tue paure su questo virus sono giustificate: hai tutte le ragioni per essere cauto.

Queste preoccupazioni inviano segnali al tuo cervello per dire: “Ehi, devi proteggerti! Questa è la modalità sopravvivenza! ” In questo caso, quei messaggi che risuonano in tutto il tuo corpo potrebbero essere giusti.

Tuttavia, mentre il paese continua ad aprirsi, le persone tornano al lavoro ea scuola e gli eventi sociali diventano più rilassati, è normale chiedersi se le tue preoccupazioni derivino dal rischio effettivo di COVID-19 o se provengano da un luogo non costruttivo.

Riconoscere il rischio e l’ansia da rischio

Valutare i fatti di determinate situazioni ti aiuterà a capire quando la tua cautela proviene dal rischio reale piuttosto che dall’ansia del rischio.

Il CDC raccomanda rimanere aggiornato con gli ultimi numeri di casi nella tua specifica contea in modo da poter tenere traccia di quando e dove vengono rilevati i focolai. È anche importante stare alla larga dai falsi rapporti dei media che giocano nei due estremi di cui abbiamo discusso in precedenza.

Il controllo dei fatti tramite il CDC e altre fonti approvate e sottoposte a revisione paritaria può aiutarti a comprendere il rischio effettivo di determinate attività come fare la spesa o tornare a lavorare.

Esploriamo uno scenario come esempio. In questa situazione, immagina che i tuoi amici ti chiedano di tenere un ritrovo a distanza fisica per la prima volta dalla chiusura. Sei entusiasta di vedere i tuoi amici, ma sei incredibilmente nervoso per il rischio di essere esposto al virus.

Se puoi, trova un modo per fare un elenco dei fatti della situazione su carta o utilizzando la tecnologia adattiva. Potrebbe assomigliare a questo:

  • Fatto 1: Il ritrovo si svolgerà all’esterno, con sedie posizionate ad almeno 6 piedi di distanza l’una dall’altra.
  • Fatto 2: Tutti indosseranno una maschera ed eviteranno di toccare e condividere cibo o utensili e useranno pratiche di lavaggio delle mani a intervalli regolari.
  • Fatto 3: Uno dei tuoi amici è un lavoratore essenziale che interagisce quotidianamente con il pubblico ma non ha alcun sintomo di COVID-19. Tuttavia, riconosci che molte persone con questo virus sono asintomatiche.
  • Fatto 4: Non sei ad alto rischio per COVID-19 e non vivi con nessuno che lo sia.
  • Fatto 5: Il numero di casi nella tua città non è aumentato nelle ultime 2 settimane.

Una volta che sarai in grado di vedere tutti i fatti sulla situazione di fronte a te, sarai in grado di valutare il vero rischio della situazione e decidere se questa attività è sicura, o almeno la più sicura possibile.

Alleviare l’ansia con la consapevolezza

È del tutto normale e ci si aspetta che abbia preoccupazioni. Lo svantaggio è che l’ansia può offuscare la tua visione dei fatti.

L’ansia del rischio si presenta spesso come domande “what if”, pensieri a spirale o a valanga, ossessioni o fissazioni che circondano una situazione, rituali per alleviare temporaneamente le preoccupazioni e disagio generale di salute mentale.

Sebbene tu voglia assicurarti di stare al sicuro dal rischio effettivo del virus, potresti provare alcune tecniche terapeutiche per sfidare i pensieri preoccupanti, come ad esempio:

  • praticare la consapevolezza
  • utilizzando app pensate per aiutare con le ansie legate a COVID-19
  • parlare con un professionista della salute mentale o un confidente
  • distrarsi con piacevoli hobby
  • tenere il passo con i farmaci prescritti
  • partecipare a riunioni virtuali di Alcolisti Anonimi (AA) o Narcotici Anonimi (NA), se applicabile
  • utilizzando una qualsiasi di queste altre strategie per mantenere la salute e la felicità mentre continuiamo a lavorare in questi nuovi mesi spaventosi.

Non andare da solo

In questi tempi, spesso ci si sente più sicuri e più facili da isolarsi, ma ritirarsi dalla società tende a peggiorare la depressione e l’ansia.

Se non sei in grado di socializzare in sicurezza, considera gli hangout virtuali, le chat room, i videogiochi online e i gruppi di supporto per le persone che stanno anche lottando per superare la loro paura.

I sintomi dell’ansia possono essere spaventosi, gravi e difficili da trattare in questo periodo in particolare. Questi sintomi includono:

  • dolori di stomaco
  • mal di testa
  • persistente preoccupante
  • sentirsi “al limite”
  • cambiamenti nei modelli di sonno
  • peggioramento della depressione
  • pensieri di suicidio

Se hai pensieri di suicidio, chiedi aiuto immediatamente tramite la National Suicide Prevention Lifeline chiamando il numero 1-800-273-8255 o utilizzando altre risorse pertinenti.

Healthline

Prenditi cura di tutti voi

In definitiva, sei l’unico che può decidere se un’attività mette veramente a rischio la tua salute. Anche se la realtà fisica del rischio non c’è, non vale la pena sacrificare la tua salute mentale.

Anche se quello che stai vivendo è “solo” ansia, non significa che le tue preoccupazioni dovrebbero essere scartate.

Assicurati di cercare l’aiuto di un terapista per la salute mentale per imparare altri trucchi e suggerimenti su come gestire queste preoccupazioni legate alla pandemia.


Aryanna Falkner è una scrittrice disabile di Buffalo, New York. È una candidata all’MFA in narrativa alla Bowling Green State University in Ohio, dove vive con il suo fidanzato e il loro soffice gatto nero. I suoi scritti sono apparsi o sono in arrivo su Blanket Sea e Tule Review. Trova lei e le foto del suo gatto Twitter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here