Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Segni premonitori di un disturbo del sonno

Segni premonitori di un disturbo del sonno

0
8

Potresti avere un disturbo del sonno?

La maggior parte delle persone ha difficoltà ad addormentarsi ad un certo punto della propria vita. Ma i problemi di sonno cronici e la continua stanchezza diurna potrebbero indicare un disturbo più grave. Più di 25 per cento degli americani riferisce che, a volte, non dormono abbastanza, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Continua a leggere per determinare se le tue abitudini di sonno potrebbero segnalare una condizione medica.

Segnali di pericolo di disturbo del sonno

I seguenti possono essere segni premonitori di un disturbo del sonno:

  • impiegando costantemente più di 30 minuti per addormentarsi
  • stanchezza e irritabilità perpetua durante il giorno, anche dopo aver dormito sette o otto ore per notte
  • svegliarsi più volte nel cuore della notte e rimanere svegli, a volte per ore
  • sonnellini frequenti e lunghi durante il giorno
  • difficoltà a concentrarsi al lavoro o a scuola
  • addormentarsi in momenti inappropriati, soprattutto stando seduti mentre si guarda la televisione o si legge
  • svegliarsi troppo presto la mattina
  • rumori forti di russamento, respiro o rantolo durante il sonno
  • un bisogno irresistibile di muovere le gambe, o una sensazione di formicolio o di gattonare alle gambe, in particolare prima di coricarsi
  • richiedendo uno stimolante come la caffeina per tenerti sveglio durante il giorno

Diagnosi dei disturbi del sonno

Auto diagnosi

Il primo passo per capire l’origine dei tuoi problemi di sonno è avviare un diario del sonno. Ogni giorno, registra quante ore hai dormito la notte prima, la qualità del sonno e qualsiasi altro fattore che potrebbe aver influenzato il tuo sonno. I fattori possono includere consumo di alcol e caffeina, esercizio fisico e sonnellini. Inoltre, registra come ti sei sentito la mattina dopo il risveglio e durante il giorno.

Dopo alcune settimane, esamina attentamente il diario del sonno per individuare eventuali schemi di comportamento. Il diario dovrebbe rivelare eventuali abitudini che potrebbero interferire con il tuo sonno. È quindi possibile apportare modifiche ed eliminare qualsiasi attività che potrebbe aver interferito con un sonno profondo. Parla con il tuo medico delle tue preoccupazioni e dei tuoi risultati.

Diagnosi medica

Armato del tuo diario del sonno, non dovresti avere problemi a rispondere alle domande sulle tue abitudini di sonno a un appuntamento dal medico. Il tuo medico potrebbe chiederti:

  • fatica
  • assunzione di caffeina
  • farmaci
  • interruzioni dello stile di vita che potrebbero influire sul sonno

Se il medico lo ritiene necessario, potrebbe indirizzarti a un “laboratorio del sonno” dove uno specialista osserverà il tuo cuore, la funzione cerebrale e la respirazione durante il sonno. L’attività neurologica e cardiovascolare durante il sonno potrebbe essere la risposta al motivo per cui hai difficoltà ad addormentarti oa rimanere addormentato. Lo specialista del sonno avrà consigli e una diagnosi per te sulla base di questi esami.

Possibili cause di disturbi del sonno

A volte un disturbo del sonno è causato da una condizione medica. I seguenti sono stati tutti collegati a disturbi del sonno:

  • infiammazione nasale e sinusale
  • asma
  • diabete mellito

  • morbo di Parkinson
  • ipertensione
  • ansia
  • depressione clinica

Spesso, tuttavia, un disturbo del sonno è causato da fattori non medici. Questi includono:

  • cattive abitudini di sonno
  • fattori di stile di vita
  • circostanze stressanti
  • scelte dietetiche

È importante prestare attenzione a ciò che potrebbe causare i tuoi problemi di sonno prima di presumere che sia in gioco un problema di salute più ampio.

Tipi di disturbi del sonno

I disturbi del sonno colpiscono molte persone, quindi non esitare a parlare con il tuo medico se pensi di averne uno.

Insonnia

Questo è definito come l’incapacità di addormentarsi o rimanere addormentato che si traduce in una compromissione funzionale per tutto il giorno successivo. L’insonnia è il disturbo del sonno più comunemente diagnosticato. Un massiccio Studio CDC ha rivelato che la durata del sonno varia notevolmente in base alla professione, allo stato lavorativo, allo stato civile e allo stato di residenza. Avere un’altra condizione di salute cronica, come il diabete o le malattie cardiache, aumenta anche le possibilità di essere affetti da insonnia.

Ulteriori informazioni: che cos’è l’insonnia? »

Sindrome delle gambe senza riposo (RLS)

RLS è una spiacevole sensazione strisciante che può causare dolori alle gambe che rendono difficile addormentarsi. Secondo il National Institute of Neurological Disorders and Stroke, fino al 10% degli americani può avere RLS in qualche forma. La maggior parte delle persone con RLS grave è di mezza età o più anziana e le donne hanno il doppio delle probabilità di avere la condizione.

RLS è classificato come un disturbo neurologico. Le opzioni di trattamento e i metodi di diagnosi sono diversi dagli altri disturbi del sonno. Parlate con il vostro medico se avete sintomi di RLS. Ti aiuteranno a trovare sollievo sia dalla sindrome che dalla causa sottostante.

Ulteriori informazioni: tutto ciò che devi sapere sulla sindrome delle gambe senza riposo (RLS) »

Apnea notturna

L’apnea notturna è definita come il sonno interrotto causato da rantoli o sbuffi periodici o dalla sospensione momentanea della respirazione. Un setto o polipi deviati nei seni possono causare difficoltà a respirare durante il sonno. Le persone con apnea notturna non sono in grado di ottenere abbastanza ossigeno mentre dormono, con conseguente interruzione del sonno e difficoltà.

L’apnea notturna viene in genere trattata con una piccola macchina e una maschera che somministrano pressione sui seni durante il sonno. Questo trattamento è chiamato pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP). Gli apparecchi orali e persino la chirurgia possono essere raccomandati per trattare l’apnea notturna.

Secondo un recente studio della National Sleep Foundation, i veterani e altre persone con disturbo da stress post-traumatico (PTSD) hanno quasi il 70% di probabilità in più di essere affetti da apnea notturna. Essere sovrappeso al punto di obesità rende anche più probabile l’apnea ostruttiva del sonno.

Ulteriori informazioni: apnea ostruttiva del sonno »

Altri disturbi del sonno

I disturbi del sonno meno comuni includono:

  • narcolessia, una condizione in cui una persona non può controllare quando si addormenta e ha episodi di sonno indesiderato

  • disturbo del ritmo circadiano del sonno, in cui una persona ha difficoltà ad “allineare” le inclinazioni naturali del proprio corpo per il sonno con il sorgere e il tramontare del sole

  • Sindrome di Kleine-Levin, nota anche come sindrome della “bella addormentata”, una condizione in cui una persona dormirà per periodi di due o più giorni alla volta

  • ipersonnia idiopatica, una condizione in cui una persona è incontrollabilmente stanca o assonnata nonostante abbia costantemente la quantità di sonno raccomandata

Trattamenti per disturbi del sonno

I trattamenti per i disturbi del sonno variano a seconda della diagnosi e della causa. Ci sono molti trattamenti suggeriti, dalle terapie comportamentali ai farmaci da prescrizione.

Le tecniche di rilassamento, come la respirazione profonda e la meditazione, sono spesso il primo trattamento consigliato dai medici quando a una persona viene diagnosticata l’insonnia. Le terapie cognitive e la “terapia di restrizione del sonno” cercano di ridefinire l’atto del sonno nella mente di un individuo in modo che sia in grado di addormentarsi più facilmente. Tutti questi trattamenti, tuttavia, si basano sull’idea che il disturbo del sonno sottostante sia psicologico.

I rimedi naturali, come l’olio di lavanda, l’agopuntura e la camomilla, sono facili da trovare e provare. L’efficacia di questi trattamenti è difficile da dimostrare, ma molte persone affermano aneddoticamente di ottenere sollievo dai disturbi del sonno attraverso trattamenti olistici.

I farmaci da prescrizione per i disturbi del sonno (insonnia) possono includere uno dei seguenti:

  • zolpidem (Ambien)
  • eszopiclone (Lunesta)
  • doxepin (Silenor)
  • difenidramina (Unisom, Benadryl)

Questi farmaci possono aiutarti ad addormentarti più facilmente ea dormire per periodi di tempo più lunghi. Tuttavia, alcuni di questi farmaci possono portare alla dipendenza. Se stai cercando una soluzione a lungo termine al tuo disturbo del sonno, è sempre meglio identificare la causa sottostante.

Per saperne di più: quali oli essenziali favoriscono un sonno migliore? »

Outlook per disturbi del sonno

Una vasta gamma di fattori, sia medici che non medici, hanno un effetto sul sonno sano. Pertanto, praticare una buona igiene del sonno è un punto di partenza essenziale per una maggiore felicità e produttività. Presta molta attenzione alle tue abitudini di sonno e non scrollarti di dosso la stanchezza come qualcosa con cui devi semplicemente convivere. Attraverso abitudini sane e cure mediche, troverai sollievo per le notti insonni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here