Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Se usi la protezione solare, può causare il cancro?

Se usi la protezione solare, può causare il cancro?

0
3

applicare la protezione solare e chiedersi se provoca il cancro
Per immagini / Stocksy United

Supponi di essere uno dei milioni di persone che ascoltano i consigli dei dermatologi per proteggere la tua pelle dai raggi UV che causano il cancro. Spruzza e spalmi diligentemente i prodotti ogni volta che ti avventuri all’aperto.

E poi si intravede un rapporto che dice che gli ingredienti nella protezione solare potrebbero effettivamente causare il cancro. All’improvviso, sei diffidente nei confronti di un prodotto che pensavi ti stesse proteggendo.

È una buona idea ricercare le affermazioni e prestare attenzione alla scienza alla base dei prodotti che usi sul tuo corpo e nella tua casa. Ecco cosa dice la ricerca sui rischi di cancro derivanti dall’uso della protezione solare.

Spoiler: il rischio di cancro da non indossare la protezione solare supera di gran lunga qualsiasi potenziale rischio per la salute derivante dagli ingredienti della protezione solare.

Esiste un legame tra crema solare e cancro?

Non ci sono scientifiche prova che l’uso della protezione solare provoca il cancro. Sia l’American Academy of Dermatology che la Canadian Dermatology Association consiglia che le persone usano creme solari per proteggersi dall’esposizione ai raggi UV, che causano l’80-90% dei tumori della pelle.

Due diversi tipi di crema solare

I principi attivi dei filtri solari chimici assorbono i raggi UV in modo da non danneggiare la pelle. I principi attivi dei filtri solari fisici bloccano i raggi UV.

Gli ingredienti chimici penetrano nella pelle ed entrano nel flusso sanguigno, ma gli ingredienti fisici della protezione solare non penetrano oltre lo strato esterno della pelle.

Healthline

Perché sono sorte preoccupazioni

Uno dei motivi per cui i sostenitori dei consumatori hanno espresso preoccupazione per i filtri solari chimici è che gli ingredienti attivi possono essere trovati nel sangue, nelle urine e nel latte materno dopo un singolo utilizzo. Ciò significa che gli ingredienti attivi vengono assorbiti attraverso la pelle e in tutto il corpo.

In 2019 e 2020, la Food and Drug Administration ha pubblicato due rapporti chiedendo più dati sugli effetti di sei ingredienti chimici per la protezione solare comunemente venduti negli Stati Uniti:

  • avobenzone
  • ossibenzone
  • octocrylene
  • omosalato
  • ottisalato
  • ottinoxato
  • ensulisole

Tutti e sei i prodotti chimici sono stati trovati nel flusso sanguigno in concentrazioni molto più alte di quanto raccomandato dalla FDA.

La FDA ha anche chiesto più dati su diversi ingredienti per la protezione solare che di solito non vengono venduti negli Stati Uniti:

  • cinoxate
  • diossibenzone
  • meradimato
  • padimate O
  • sulisobenzone

Sebbene la FDA abbia chiesto ulteriori dati, i rapporti non suggeriscono che l’uso di creme solari con questi ingredienti fosse pericoloso. Ma poiché gli studi mostrano l’assorbimento nel corpo, la FDA vuole maggiori informazioni sugli effetti che gli ingredienti possono avere, se ce ne sono.

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo della protezione solare?

L’uso della protezione solare ha diversi importanti benefici per la salute.

Protezione dalle scottature solari

Se applichi la giusta quantità di crema solare con un SPF di 30 o superiore, riapplicalo spesso e non stare al sole troppo a lungo, dovrebbe proteggere la pelle dal bruciore. I filtri solari in crema o lozione offrono in genere una maggiore protezione dalle scottature rispetto agli spray.

SPF spiegato

L’American Academy of Dermatology consiglia di utilizzare una crema solare con un SPF di 30 o più se sarai esposto al sole.

Una crema solare con un SPF elevato si esaurirà nella stessa quantità di volte di una crema solare con un SPF inferiore, quindi dovrai comunque riapplicare spesso la crema solare.

Cerca di riapplicare ogni due ore, più spesso se stai nuotando o sudando la tua protezione.

Ecco una guida completa all’uso della protezione solare.

Healthline

Protezione contro il cancro della pelle

Il vantaggio più importante dei filtri solari è che ti proteggono dai raggi UV che possono causare il cancro della pelle. I tumori della pelle sono i tumori più comuni negli Stati Uniti A circa 9.500 persone viene diagnosticata una qualche forma di cancro della pelle ogni giorno negli Stati Uniti e due persone muoiono di cancro della pelle ogni ora in questo paese.

Protezione dai danni alla pelle

Gli esperti sanitari lo stimano in giro 80 percento dell’invecchiamento del viso deriva dall’esposizione ai raggi UV del sole. Il sole può causare macchie scure, rughe, perdita di compattezza, cedimenti e rugosità nel tempo. Una crema solare ad ampio spettro può proteggere la pelle dai danni del sole e dall’invecchiamento accelerato.

Quali sono i potenziali rischi dell’utilizzo della protezione solare?

Sebbene non ci siano prove che i filtri solari causino il cancro, alcuni studi hanno mostrato potenziali problemi con alcuni ingredienti in vari prodotti per la protezione solare.

Interruzione ormonale

L’ossibenzone, uno degli ingredienti sotto i riflettori dei rapporti della FDA, è classificato come sostanza chimica che altera il sistema endocrino. È stato dimostrato di influenzare livelli ormonali negli studi sugli animali, ma le prove di alterazione ormonale nell’uomo sono contrastanti. Alcuni studi indicano che l’ossibenzone è associato a livelli di testosterone più bassi nei giovani uomini, ma non ci sono prove che il calo di testosterone sia sufficiente per influenzare la fertilità maschile.

È importante sottolineare che la protezione solare non è l’unico prodotto che contiene ossibenzone. Si trova anche nei cosmetici e nei prodotti per la cura della persona.

Lesione ai reni

Almeno uno studio ha misurato la quantità di ossibenzone trattato nei campioni di urina umana. I ricercatori hanno scoperto che nelle urine di persone che mostravano segni di danno renale erano presenti concentrazioni più elevate di ossibenzone.

Cambiamenti di peso alla nascita

C’è prove contrastanti che l’ossibenzone potrebbe contribuire a un maggiore peso alla nascita per alcuni bambini. Alcuni studi mostrano un peso alla nascita più elevato nei bambini maschi le cui madri hanno utilizzato prodotti a base di ossibenzone durante la gravidanza. Altri studi non mostrano alcuna associazione tra peso alla nascita e uso di ossibenzone.

Reazione allergica

Alcuni ingredienti della protezione solare causano reazioni allergiche. Le reazioni cutanee comuni includono:

  • arrossamento
  • orticaria
  • dolore
  • eruzione cutanea o protuberanze
  • peeling
  • sanguinamento
  • gonfiore o gonfiore

Questi ingredienti sono più spesso collegati a reazioni cutanee allergiche:

  • ossibenzone
  • benzofenoni
  • cinnamati
  • dibenzoylmethanes

Le fragranze possono anche causare irritazioni cutanee o allergie.

Tossicità per le barriere coralline e gli ecosistemi marini

L’ossibenzone e l’ottinoxato sono stati recentemente vietati alle Hawaii e a Key West, in Florida, perché possono danneggiare la vita marina, comprese le barriere coralline. UN Revisione della ricerca del 2020 ha detto che non c’erano prove sufficienti per determinare se queste due sostanze chimiche causassero danni agli esseri umani.

Un avvertimento: uno studio del 2019 ha rilevato che solo il 52% dei filtri solari etichettati come “sicuri per la barriera corallina” sono in realtà privi di ingredienti noti per essere tossici per la vita marina.

Quali sono i sintomi del cancro della pelle?

L’aspetto dei tumori della pelle può variare a seconda del tipo di cancro: cellule squamose, cellule basali o melanoma. Dovresti sottoporti a controlli cutanei regolari con un dermatologo ed essere alla ricerca di sintomi come:

  • macchie rosse che provocano prurito o sanguinamento
  • piaghe croccanti
  • protuberanze lucide
  • escrescenze con bordi rialzati e ammaccature nel mezzo
  • escrescenze simili a verruche che sanguinano o formano croste
  • qualsiasi crescita con un bordo irregolare o frastagliato
  • talpe o escrescenze asimmetriche
  • talpe o escrescenze che contengono vari colori
  • talpe o escrescenze che stanno cambiando
  • talpe che crescono più grandi di 6 millimetri

Segui le regole ABCDE per i controlli talpa

CDC Divisione di prevenzione e controllo del cancro consiglia di eseguire un controllo mensile dei nei per cercare talpe sospette, nuove o dall’aspetto diverso.

Ecco gli ABCDE dei controlli talpa per aiutarti a ricordare:

  • A per asimmetria. La talpa o la macchia sono di forma irregolare o hanno due parti che sembrano molto diverse l’una dall’altra?
  • B per confine. Il bordo è ordinato e pulito o è frastagliato o irregolare?
  • C per il colore. Il colore è uniforme o è macchiato o irregolare?
  • D per diametro. La talpa è più grande di un pisello?
  • E per evolversi. La talpa sta cambiando in qualche modo?

Se noti cambiamenti o hai dubbi, parla immediatamente con il tuo medico o un dermatologo.

Healthline

Come posso sapere se la mia crema solare è sicura?

I filtri solari prodotti e venduti negli Stati Uniti sono regolamentati dalla FDA. Sebbene la FDA di solito non collauda i singoli prodotti, richiede ai produttori di utilizzare ingredienti sicuri per l’uso umano e richiede che i prodotti elencino i loro ingredienti sull’etichetta. L’etichetta identificherà anche dove è stato realizzato il prodotto. Le creme solari prodotte al di fuori degli Stati Uniti possono contenere ingredienti che la FDA non ha approvato o ha vietato.

Se sei preoccupato per i possibili effetti sulla salute degli ingredienti chimici che si fanno strada in altri sistemi del corpo, potresti sentirti più sicuro usando una crema solare fisica (minerale) con ingredienti come il biossido di titanio e l’ossido di zinco.

Nanoparticelle, il tuo corpo e l’ambiente

Qualcosa da considerare se scegli i filtri solari minerali sono le nanoparticelle. In passato, i filtri solari minerali che contengono zinco e biossido di titanio erano densi e pastosi. Le formulazioni più recenti sono realizzate con nanoparticelle, quindi si sentono meglio sulla tua pelle. I produttori affermano di bloccare anche una maggior parte dei dannosi raggi UV.

Sebbene non ci siano state preoccupazioni sui rischi di cancro fino ad oggi, alcuni professionisti della salute hanno sollevato preoccupazioni perché le nanoparticelle, che possono danneggiare i tuoi polmoni se le respiri in quantità sufficienti. Per questo motivo, l’Environmental Working Group mette in guardia contro l’uso di creme solari in polvere o spray che contengono nanoparticelle. I filtri solari in crema o lozione contenenti nanoparticelle vengono assorbiti attraverso la pelle, ma finora non ci sono prove che le nanoparticelle danneggino la salute.

La nanotecnologia nei filtri solari è relativamente nuova. Per questo motivo, è difficile sapere come le nanoparticelle influenzeranno il tuo corpo. È anche difficile prevedere gli effetti che questi filtri solari avranno sugli ecosistemi. Sono necessarie ulteriori ricerche in modo che ricercatori, produttori, regolatori e consumatori capiscano cosa significano queste particelle per le persone e per la vita marina.

Il cibo da asporto

Alcuni ingredienti nelle creme solari possono essere assorbiti attraverso la pelle, il che ha sollevato preoccupazioni sulla possibilità di rischio di cancro. Tuttavia, non ci sono prove che uno qualsiasi degli ingredienti nella protezione solare aumenti il ​​rischio di cancro.

I dermatologi negli Stati Uniti e in Canada consigliano di indossare una crema solare con un SPF di 30 o più quando sei al sole. La protezione solare protegge la pelle dagli effetti nocivi dei raggi UV del sole, uno dei quali è il cancro della pelle.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here