Schermo TORCIA

0
6

Cos’è uno schermo TORCH?

Uno schermo TORCH è un pannello di test per rilevare le infezioni nelle donne in gravidanza. Le infezioni possono essere trasmesse a un feto durante la gravidanza. La diagnosi precoce e il trattamento di un’infezione possono prevenire complicazioni nei neonati.

TORCH, a volte indicato come TORCHS, è un acronimo delle infezioni coperte dallo screening:

  • toxoplasmosi
  • altro (HIV, virus dell’epatite, varicella, parvovirus)
  • rosolia (morbillo tedesco)

  • citomegalovirus
  • · herpes simplex
  • sifilide

Un medico di solito esegue regolarmente alcuni componenti dello schermo TORCH quando una donna ha la sua prima visita prenatale. Possono eseguire altri componenti se una donna mostra i sintomi di alcune malattie durante la gravidanza. Queste malattie possono attraversare la placenta e causare difetti alla nascita nel neonato. Queste condizioni includono:

  • cataratta
  • sordità
  • disabilità intellettiva (ID)
  • problemi di cuore
  • convulsioni
  • ittero
  • bassi livelli di piastrine

I test selezionano gli anticorpi contro le malattie infettive. Gli anticorpi sono proteine ​​che riconoscono e distruggono le sostanze nocive, come virus e batteri.

In particolare, i test selezionano due diversi anticorpi: immunoglobulina G (IgG) e immunoglobulina M (IgM).

  • Gli anticorpi IgG sono presenti quando qualcuno ha avuto un’infezione in passato e non è più gravemente malato.
  • Gli anticorpi IgM sono presenti quando qualcuno ha un’infezione acuta.

Un medico può utilizzare questi anticorpi insieme alla storia dei sintomi di una donna per valutare se il feto è stato esposto a un’infezione.

Malattie rilevate da uno schermo TORCH

Toxoplasmosi

La toxoplasmosi è una malattia causata da un parassita (T. gondii) entra nel corpo attraverso la bocca. Il parassita può essere trovato nella lettiera e nelle feci di gatto, così come nella carne poco cotta e nelle uova crude. I neonati infettati da toxoplasmosi nell’utero di solito non mostrano alcun sintomo per diversi anni. I sintomi, che si verificano più tardi nella vita, possono includere:

  • perdita della vista
  • ritardo mentale
  • sordità
  • convulsioni

Rosolia

La rosolia, nota anche come morbillo tedesco, è un virus che causa un’eruzione cutanea. Gli effetti collaterali di questo virus sono minori nei bambini. Tuttavia, se la rosolia infetta il feto, può causare gravi difetti alla nascita come:

  • difetti cardiaci
  • problemi di vista
  • sviluppo ritardato

Citomegalovirus

Il citomegalovirus (CMV) appartiene alla famiglia dei virus dell’herpes. Di solito non causa sintomi evidenti negli adulti. Tuttavia, il CMV può causare perdita dell’udito, epilessia e disabilità intellettiva in un feto in via di sviluppo.

Herpes simplex

Il virus dell’herpes simplex viene solitamente trasmesso dalla madre al feto nel canale del parto durante il parto. È anche possibile che il bambino venga infettato mentre è ancora nel grembo materno. L’infezione può causare una serie di gravi problemi nei neonati, tra cui:

  • danno cerebrale
  • problemi respiratori
  • convulsioni

I sintomi compaiono tipicamente durante la seconda settimana di vita del bambino.

Altre malattie

L’altra categoria può includere diverse malattie infettive diverse, come:

  • varicella (varicella)

  • Virus di Epstein-Barr
  • epatite B e C

  • HIV
  • parvovirus umano
  • morbillo
  • parotite
  • sifilide

Tutte queste malattie possono essere trasmesse dalla madre al feto durante la gravidanza o il parto.

Quali sono i rischi di uno schermo TORCH?

Gli schermi virali TORCH sono semplici esami del sangue a basso rischio. Potrebbero verificarsi lividi, arrossamento e dolore nel sito di puntura. In casi molto rari, la ferita da puntura può essere infettata. Non vi è alcun rischio per il feto di sottoporsi a questo test.

Come mi preparo per uno schermo TORCIA?

Gli schermi TORCH non richiedono alcuna preparazione speciale. Tuttavia, informa il tuo medico se ritieni di essere stato infettato da uno dei virus coperti in una schermata TORCH.

Dovresti anche menzionare i farmaci da banco o da prescrizione che stai assumendo. Il medico ti dirà se è necessario interrompere l’assunzione di determinati farmaci o evitare di mangiare e bere prima del test.

Come viene eseguita una schermata TORCIA?

Uno schermo TORCIA comporta il prelievo di un piccolo campione di sangue. Il sangue viene solitamente prelevato da una vena situata nel braccio. Andrai in un laboratorio e un flebotomo eseguirà il prelievo di sangue. Puliranno l’area e useranno un ago per prelevare il sangue. Raccoglieranno il sangue in una provetta o in un piccolo contenitore.

Potresti sentire una puntura acuta o una sensazione di bruciore quando il sangue viene prelevato. Di solito c’è pochissimo sanguinamento dopo. Applicheranno una leggera benda di pressione sul sito di puntura una volta completato il sorteggio.

Cosa significano i risultati della mia schermata TORCIA?

I risultati della schermata TORCIA mostrano se hai attualmente una malattia infettiva o se ne hai avuta di recente. Può anche mostrare se hai l’immunità a determinate malattie, come la rosolia, dall’essere stato vaccinato in precedenza.

I risultati sono definiti “positivi” o “negativi”. Un risultato positivo del test significa che sono stati trovati anticorpi IgG o IgM per una o più delle infezioni coperte dallo screening. Ciò può significare che hai attualmente, hai avuto in passato o sei stato precedentemente vaccinato contro la malattia. Il tuo medico spiegherà i risultati del test e rivedrà con te il loro significato.

Un risultato negativo del test è generalmente considerato normale, a meno che non sia per una malattia contro la quale dovresti essere vaccinato. Ciò significa che non sono stati rilevati anticorpi e non ci sono infezioni attuali o passate.

Gli anticorpi IgM sono presenti quando c’è un’infezione attuale o recente. Se un neonato risulta positivo a questi anticorpi, la causa più probabile è un’infezione in corso. Se in un neonato vengono rilevati sia gli anticorpi IgG che IgM, verranno effettuati ulteriori test per confermare se il bambino ha l’infezione attiva.

Se risulti positivo agli anticorpi IgM durante la gravidanza, verranno eseguiti ulteriori test per confermare un’infezione.

La presenza di anticorpi IgG in una donna incinta di solito indica un’infezione o un’immunità pregressa. Se si tratta di un’infezione attiva, alcune settimane dopo viene eseguito un secondo esame del sangue in modo da poter confrontare i livelli di anticorpi. Se i livelli aumentano, può significare che l’infezione era recente o è attualmente in corso.

Se viene rilevata un’infezione, il medico creerà con te un piano di trattamento specifico per la gravidanza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here