Scansione MRI pelvica

0
5

Cos’è una risonanza magnetica pelvica?

Una scansione MRI utilizza magneti e onde radio per acquisire immagini all’interno del tuo corpo senza praticare un’incisione chirurgica. La scansione consente al medico di vedere i tessuti molli del corpo, come muscoli e organi, senza che le ossa ostruiscano la vista.

Una risonanza magnetica pelvica aiuta specificamente il medico a vedere le ossa, gli organi, i vasi sanguigni e altri tessuti nella regione pelvica, l’area tra i fianchi che contiene gli organi riproduttivi e numerosi muscoli critici.

La scansione MRI aiuta il medico a cercare potenziali problemi riscontrati in altri test di imaging, come i raggi X. I medici utilizzano anche scansioni MRI pelviche per diagnosticare un dolore all’anca inspiegabile, indagare sulla diffusione di alcuni tumori o comprendere meglio le condizioni che causano i sintomi.

Una risonanza magnetica non utilizza le radiazioni, a differenza dei raggi X e delle scansioni TC, quindi è considerata un’alternativa più sicura, soprattutto per le donne incinte o i bambini piccoli.

Perché ho bisogno di una risonanza magnetica pelvica?

Poiché la zona pelvica contiene gli organi riproduttivi, il medico può ordinare il test per diversi motivi a seconda del sesso.

Una risonanza magnetica pelvica è un test utile per entrambi i sessi se hai:

  • difetti di nascita
  • lesioni o traumi nella zona pelvica
  • risultati radiografici anormali
  • dolore nella regione addominale o pelvica inferiore
  • difficoltà inspiegabili a urinare o defecare
  • cancro (o sospetto cancro) negli organi riproduttivi, nella vescica, nel retto o nel tratto urinario

Per le donne, il medico può ordinare una risonanza magnetica pelvica per indagare ulteriormente:

  • infertilità
  • sanguinamento vaginale irregolare
  • noduli o masse nella zona pelvica (come i fibromi uterini)

  • dolore inspiegabile nella parte inferiore del ventre o nella zona pelvica

Per gli uomini, una risonanza magnetica pelvica potrebbe cercare condizioni come:

  • un testicolo ritenuto
  • noduli nello scroto o nei testicoli o gonfiore in quella zona

Il medico spiegherà perché ha ordinato il test e cosa cercheranno, prima di sottoporsi alla procedura.

Quali sono i rischi di una risonanza magnetica pelvica?

Ci sono pochi rischi da una scansione MRI perché il test non utilizza le radiazioni. Tuttavia, ci sono rischi per coloro che hanno impianti contenenti metallo. I magneti utilizzati in una risonanza magnetica possono causare problemi con i pacemaker o causare lo spostamento delle viti o dei perni impiantati nel corpo.

Assicurati di informare il tuo medico se hai uno dei seguenti impianti:

  • articolazioni artificiali
  • valvole cardiache artificiali
  • piastre metalliche o viti da studi ortopedici
  • stimolatore cardiaco
  • clip di metallo dalla chirurgia dell’aneurisma
  • proiettile o altri frammenti di metallo

Una complicazione che può sorgere è una reazione allergica al colorante di contrasto. Il tipo più comune di colorante a contrasto è il gadolinio. Tuttavia, la Radiological Society of North America afferma che queste reazioni allergiche sono spesso lievi e facilmente controllabili con i farmaci. Si consiglia alle donne di non allattare al seno i propri figli dalle 24 alle 48 ore dopo la somministrazione del colorante a contrasto.

Se sei claustrofobico o hai difficoltà in spazi chiusi, potresti sentirti a disagio mentre sei nella macchina per la risonanza magnetica. Il medico potrebbe prescriverti dei farmaci contro l’ansia per alleviare il disagio. In alcuni casi, il medico può sedarti.

Come mi preparo per una risonanza magnetica pelvica?

Prima del test, informi il medico se ha un pacemaker o qualsiasi altro tipo di metallo impiantato nel corpo. A seconda del tipo di pacemaker, il medico può suggerire un altro metodo per ispezionare l’area pelvica, come una TAC. Tuttavia, alcuni modelli di pacemaker possono essere riprogrammati prima di una risonanza magnetica in modo da non subire interruzioni.

Inoltre, poiché la risonanza magnetica utilizza magneti, può attrarre metalli. Informi il medico se ha qualsiasi tipo di metallo nel corpo a causa di procedure o incidenti. Dovrai anche rimuovere qualsiasi metallo dal tuo corpo, inclusi gioielli e piercing, prima del test. E ti trasformerai in un camice da ospedale in modo che il metallo sui tuoi vestiti non influenzi il test.

Alcuni esami MRI iniettano il colorante di contrasto nel flusso sanguigno attraverso una linea IV. Questo aiuta a fornire un’immagine più chiara dei vasi sanguigni in quella zona. Il colorante, tipicamente gadolinio, a volte può causare una reazione allergica. Informa il tuo medico di eventuali allergie che potresti avere o se hai avuto una reazione allergica in passato.

In alcuni casi, dovrai liberare le viscere prima dell’esame. Ciò potrebbe richiedere l’uso di lassativi o clisteri. Potrebbe anche essere necessario digiunare da quattro a sei ore prima dell’esame. Le donne potrebbero dover avere la vescica piena per questo esame, a seconda dello scopo dell’esame. Assicurati di esaminare i preparativi necessari con il tuo medico prima della scansione.

Qual è la procedura per una risonanza magnetica pelvica?

Secondo la Mayo Clinic, il campo magnetico generato dalla risonanza magnetica allinea temporaneamente le molecole d’acqua nel tuo corpo. Le onde radio prendono queste particelle allineate e producono deboli segnali, che la macchina registra quindi come immagini.

Se il test richiede un colorante a contrasto, un infermiere o un medico lo inietterà nel flusso sanguigno attraverso una linea IV. Potrebbe essere necessario attendere che il colorante circoli nel corpo prima di iniziare il test.

Una macchina per la risonanza magnetica sembra una grande ciambella di metallo e plastica con una panca che ti fa scivolare lentamente al centro dell’apertura. Sarai completamente al sicuro dentro e intorno alla macchina se hai seguito le istruzioni del tuo medico e hai rimosso tutto il metallo. Ti sdraierai sulla schiena sul tavolo che scivola nella macchina. E potresti ricevere un cuscino o una coperta per sentirti più a tuo agio mentre sei sdraiato sulla panchina.

Il tecnico può posizionare piccole bobine intorno alla regione pelvica per migliorare la qualità delle immagini di scansione. Una delle bobine potrebbe dover entrare nel tuo retto se la tua prostata o il retto è il fulcro della scansione.

Il tecnico si troverà in un’altra stanza e controllerà il movimento della panca tramite un telecomando. Ma potranno comunicare con te tramite un microfono.

La macchina potrebbe emettere dei forti ronzii e rumori martellanti durante l’acquisizione delle immagini. Molti ospedali offrono tappi per le orecchie, mentre altri hanno televisori o cuffie per aiutarti a passare il tempo.

Mentre la macchina scatta delle foto, il tecnico ti chiederà di trattenere il respiro per alcuni secondi. Non sentirai nulla durante il test, poiché i magneti e le frequenze radio, come le radio FM, non possono essere percepiti. Una tipica risonanza magnetica pelvica dura dai 30 ai 60 minuti.

Cosa succede dopo una risonanza magnetica pelvica?

Dopo la risonanza magnetica pelvica, sei libero di lasciare l’ospedale (o il centro di imaging) a meno che il tuo medico non ti dica diversamente. Se hai ricevuto un sedativo, dovrai aspettare di guidare fino a quando il farmaco non svanisce o farti portare a casa da qualcuno dopo il test.

I risultati iniziali di una scansione MRI possono arrivare entro pochi giorni, ma i risultati completi possono richiedere fino a una settimana o più.

Quando i risultati saranno disponibili, il medico li esaminerà con te e spiegherà le immagini. Il tuo medico potrebbe voler ordinare più test per raccogliere maggiori informazioni o fare una diagnosi. Se il tuo medico può fare una diagnosi dalle immagini, potrebbe chiederti di iniziare il trattamento per la tua condizione, se necessario.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here